Pizzo del Corvo (3015 m), dal Passo del Lucomagno


Publiziert von siso Pro , 24. Juli 2009 um 15:24.

Region: Welt » Schweiz » Tessin » Bellinzonese
Tour Datum:10 August 2008
Wandern Schwierigkeit: T5 - anspruchsvolles Alpinwandern
Hochtouren Schwierigkeit: WS
Wegpunkte:
Geo-Tags: CH-GR   CH-TI   Gruppo Scopi 
Zeitbedarf: 8:30
Aufstieg: 1116 m
Abstieg: 1596 m
Strecke:Passo del Lucomagno (1914 m) – Passo di Gana Negra (2430 m) – Pizzo del Corvo (3015 m)
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Autostrada A2, uscita Biasca – Valle di Blenio – Passo del Lucomagno
Unterkunftmöglichkeiten:Hospezi Sontga Maria; Albergo Acquacalda; Capanna Bovarina
Kartennummer:C.N.S. No. 1232 - Oberalppass - 1:25000 C.N.S. No. 1233 - Greina - 1:25000 C.N.S. No. 1252 – Ambrì-Piotta - 1:25000 C.N.S. No. 1253 - Olivone - 1:25000

Il Pizzo del Corvo è un tremila ticinese poco conosciuto, perché offuscato dalla fama dello Scopi, la vetta più elevata del massiccio.

La roccia che lo costituisce, che a seconda della luce e della pioggia appare di colore grigio o nero lucente, fa parte del gruppo degli scisti grigioni (Bündnerschiefer): argilloscisti e calcescisti. Si tratta di rocce sedimentarie metamorfizzate del Giurassico inferiore (Lias) contenenti dei fossili, pure fortemente metamorfizzati (Belemniti, Lamellibranchi, Foraminiferi).

 

Se è vero che la singolare struttura della roccia conferisce un aspetto particolare e interessante a tutto il massiccio, è altrettanto vero che gli escursionisti non vi trovano appigli sicuri, dovendosi muovere su terreno incoerente, friabile, franoso, nonché ripido.

 

La via normale per raggiungere il Pizzo del Corvo è quella che sale dalla Valle di Campo. Partenza dalla Capanna Bovarina, si sale sul bordo meridionale della Val d’Inferno (senza sentiero) fino al Pass di Casatscha e quindi lungo la linea di confine cantonale fino alla vetta.

Io ho scelto un itinerario alternativo, sicuramente poco frequentato perché più faticoso e molto meno sicuro.

                                     Il Pizzo del Corvo con l'itinerario di salita.

Parto alle 7.00 dal Passo del Lucomagno (1914 m) su sentiero ben segnalato in direzione del Pass di Gana Negra (2430 m). Qui il paesaggio è lunare: degli enormi macigni neri, caduti dal Pizzo del Corvo, contrastano con il verde dei pascoli.

Da qui risalgo il ripidissimo pendio di pietrisco e sfasciumi, seguendo più o meno il confine comunale, indicato sulla carta topografica con una linea punteggiata. Man mano si sale la pendenza aumenta vertiginosamente e gli appigli vengono sempre più a mancare. Procedo lentamente, con estrema prudenza e concentrazione, cercando di non smuovere i sassi più voluminosi, per evitare frane e cercando ovviamente di non perdere l’equilibrio. Una distrazione sarebbe fatale! Di tanto in tanto mi fermo per lasciare riposare i muscoli e per trovare il passaggio migliore.

Dopo una lunga e faticosa salita sbuco sulla cresta che congiunge il Pizzo del Corvo allo Scopi, più o meno a quota 3030 m.

Sul versante orientale il Glatscher da Casatscha lambisce quasi la cresta. Percorro circa 100 m di facile crinale in direzione sud, fino all’omino di vetta del Pizzo del Corvo. Sono passate circa 4 ore dalla partenza. Poco più in alto si erge lo Scopi, con la cima ricoperta da antenne per le  radiotelecomunicazioni.

 

Valuto che la discesa lungo la direttissima dalla quale sono salito sarebbe troppo pericolosa. Scendo quindi in direzione del Pass di Casatscha, in un paesaggio surreale, affascinante e selvaggio. Gli sfasciumi di scisti si alternano a distese di sabbia finissima, con dei curiosi inghiottitoi verticali, simili a tane di marmotte, prodotti probabilmente dall’acqua di scioglimento della neve.

 

Dal Pass di Casatscha (2659 m) scendo lungo il versante destro della Val d’Inferno in direzione dell’Alpe di Bovarina, senza sentiero, lungo ripidi pendii erbosi. Dall’Alpe Bovarina, facendo un ampio giro, risalgo il comodo sentiero fino al Pass di Gana Negra per poi riguadagnare il Passo del Lucomagno.

 

Tempo di salita: 4 h

Tempo totale: 8 h 30 min

Dislivello: 1116 m dal passo del Lucomagno fino alla cresta del Pizzo del Corvo, più 480 m di salita nella Valle di Campo, per un totale di 1596 m circa.

 

Gita lunga e impegnativa. Il Pizzo del Corvo merita di essere visto, sia per la particolare roccia sia per l’ambiente surreale che lo contraddistingue. Suggerirei tuttavia di raggiungerlo salendo dalla Capanna Bovarina: un percorso che in teoria non dovrebbe presentare rischi  particolari.


Tourengänger: siso

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen

T3+ L
6 Sep 14
Pizzo del Corvo 3015 m · pelle9360
T3
5 Sep 10
PIZ SCOPI MT. 3189 · beppe
T3+ WS
30 Aug 14
Pizzo del Corvo (3015 m) · siso
T3
17 Aug 11
Piz Scopì mt 3190 · turistalpi
T5
2 Aug 13
Scopo: Scopì · Zaza

Kommentar hinzufügen»