Pizzo di Claro (2727 m.), da Maruso


Publiziert von ivanbutti , 14. Juni 2009 um 21:30.

Region: Welt » Schweiz » Tessin » Bellinzonese
Tour Datum:14 Juni 2009
Wandern Schwierigkeit: T5- - anspruchsvolles Alpinwandern
Hochtouren Schwierigkeit: L
Wegpunkte:
Geo-Tags: Gruppo Pizzo di Claro   CH-GR   CH-TI 
Aufstieg: 1800 m

 

Maruso-Pizzo di Claro

 

Erano due anni, da quando avevo raggiunto la cima del pizzo di Claro in mezzo a nubi basse e addirittura ad una grandinata, che aspettavo l’occasione giusta per tornarci, ovviamente con il bel tempo. Anche allora ero salito da Maruso, ma via Capanna Brogoldone-Passo Gagern-Pian Baitel, mentre questa volta ho scelto il percorso Alpe Domas- Alpe Peurett- Lago Canèe, quindi il versante opposto, che dalle immagini della webcam della Meteo svizzera avevo visto essere ormai quasi completamente sgombro di neve.

Per arrivare a Maruso si prende la strada che, attraversato il paese di Claro, sale verso le frazioni montane. Per Maruso si arriva al termine della strada ( a dire il vero ci sarebbe un divieto di transito, ma ho fatto un po’ il furbo ). Se i parcheggi sono esauriti, basta lasciare l’auto poco prima, in uno dei numerosi slarghi della strada, come è capitato a me.

Il sentiero parte subito ripido ed attraversa  le belle baite di Maruso; da qui si seguono i cartelli per l’Alpe Domas, alla quale si arriva dopo un’ ora circa di cammino quasi totalmente in pineta. Sempre seguendo le indicazioni,  si prende per l’Alpe Peurett, che viene raggiunta dopo un’altra ora di cammino a saliscendi, con guadagno di quota quasi nullo. Tutte e due le Alpi fungono da rifugio non custodito, ma mentre l’Alpe Domas è sempre aperta, per la Peurett occorre procurarsi le chiavi. Durante il tragitto si tocca anche l’Alpe Forcarid e i ruderi della Gararescio, in un sentiero sempre in mezzo al bosco e caratterizzato da una miriade di ruscelli che scendono dal Pizzo di Claro, oltre che da belle  fontane che consentono di rinfrescarsi.

Dopo la Peurett si prende l’indicazione per il Lago di Canèe, e qui si deve guadare con un po’ di attenzione il Riale di Cresciano, che è ben più di un piccolo ruscello. Il sentiero sale ora ripido e passa dapprima dai ruderi dell’Alpe di Canèe, per poi arrivare all’omonimo lago.

Io l’ho trovato ancora completamente innevato, chissà quest’anno  quando riuscirà ad avere il colore verde blu tipico dei laghetti di montagna.

Sino al Lago, il sentiero è segnato ottimamente e ricco di cartelli. Da qui in poi inizia però il tratto più difficile. Il primo pezzo dopo il Lago è ancora semplice, il sentiero è abbastanza evidente e segnato con numerosi gendarmi. Questo è infatti il sentiero che porta al Passo Gagern. Si aggira in pratica completamente la vetta per affrontarla dal versante SE.

Dopo poco però, all’altezza di un grande gendarme di pietra,  questo sentiero và abbandonato, e si prosegue lungo la spalla che porta alla cresta SE. Questa spalla è caratterizzata da grossi massi ed il cammino non è marcato. Arrivati sulla cresta si tornano ad avere invece dei bolli bianchi, ed è importante seguirli, perché in un paio di punti il cammino non è così intuitivo.

Risaliti un paio di caminetti, si continua su un sentierino delle capre, sempre segnato con i bolli bianchi. In questo zona vi erano ancora un paio di nevai molto ripidi che mi hanno costretto a dei traversi piuttosto pericolosi; al ritorno ho preferito evitarli scavalcandoli a monte, con perdita di tempo ma maggior sicurezza.

Superati gli ultimi ostacoli si fuoriesce finalmente a poche decine di metri dalle due croci, una di legno ed una di ferro, poste sulla cima S quotata 2720, che è quella che si vede da Bellinzona.

In breve si arriva anche alla quota 2727 della Cima N, affacciata sul Lago Canèe e Cresciano.

Dall’alto il panorama è certamente di prim’ordine perché la vista intorno è completamente libera.
Quanto al sentiero, devo dire che questo è certamente più impegnativo di quello che avevo seguito 2 anni fa, con le difficoltà tutte concentrate nella parte finale.

 

Partenza : 1020 m.( dove ho posteggiato io l’auto; il parcheggio è a 1050 circa )

Arrivo : 2727 m.

Dislivello : 1700 m. circa

Tempo : 5 ore la salita, idem la discesa (con soste)


Tourengänger: ivanbutti

Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (1)


Kommentar hinzufügen

UpTheHill hat gesagt: Complemento di informazione
Gesendet am 16. August 2009 um 22:56
Ciao Ivan,

Bruno, persona di cui mi fido, ha effettuato ad inizio agosto buona parte del percorso che hai descritto qui. Mi ha inviato un complemento di informazione, che penso possa essere utile a chi volesse seguire lo stesso tracciato.

<-- Inizio del testo

Giunti al pianoro di quota 2287, sopra la lago, seguendo la traccia che porta in cresta e poi al passo Gagern, è anche possibile seguire il sentiero che inerpicandosi ripido lungo la parete ovest porta direttamente in vetta. Il sentiero parte proprio poche decine di metri sopra l'ometto in pietre del pianoro, è marcato bianco rosso, anche se la marcatura stessa è oramai sbiadita. Porta fino in vetta, senza grandi difficoltà, anche se è piuttosto ripido e su terreno friabile. Solo qualche passaggio su brevi roccette richiede qualche attenzione. Vista la marcatura piuttosto sbiadita ed il tipo di terreno, come al solito va posta particolare attenzione a non perdere la traccia, per non finire in zone davvero impervie e pericolose. Ad inizio stagione, in caso di presenza di lingue di neve residue non avventurarsi su questo sentiero, ma seguire le indicazioni date nella descrizione principale dell’itinerario

--> Fine del testo

Buona continuazione e buone escursioni.

UpTheHill


Kommentar hinzufügen»