Sasso del Fungo- Pizzoni di Laveno


Publiziert von morgan , 26. Februar 2019 um 23:26.

Region: Welt » Italien » Lombardei
Tour Datum:24 Februar 2019
Wandern Schwierigkeit: T3+ - anspruchsvolles Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Zeitbedarf: 3:00
Aufstieg: 960 m
Abstieg: 960 m
Strecke:9,8 km

Classica escursione ai Pizzoni di Laveno con la variante della via di salita lungo la cresta est dal Sasso del Fungo, masso erratico situato a nord della frazione Monteggia. Questa via, un tempo percorsa abitualmente, è stata abbandonata da decenni e non compare più sulle mappe escursionistiche. Il motivo di questo stato di abbandono va ricercato nella mancata manutenzione di una via soggetta a cadute di alberi in una zona esposta al vento e percorsa più volte da incendi boschivi. Inoltre la presenza di una via alternativa parallela più comoda, la frequentatissima mulattiera Laveno- Casere, ha reso meno conveniente utilizzare questa possibilità. Il comune di Laveno ha recentemente sistemato il sentiero che porta a visitare il Sasso del Fungo, prosegue più in alto e va a reimmettersi sulla mulattiera principale. La vecchia via, invece, segue la cresta e raggiunge la cima del Sass Barbè. Lo scopo di questa gita è esplorativo e di verifica della fattibilità di un eventuale ripristino. 
Come sempre, ultimamente, sono vincolato da tempistiche limitate per cui, per abbreviare il percorso, scelgo di partire dalla frazione Monteggia, risparmiando i 150m di dislivello che avrei dovuto percorrere in più partendo da Laveno. 
Lascio la macchina in un posteggio lungo la strada a Monteggia (363), parto sulla strada e, dopo poche decine di metri, mi immetto sul percorso della Laveno- Casere. Al primo tornante, seguendo il cartello, lascio la strada prendendo il sentiero per il Sasso del Fungo. Il sentiero, pur sistemato di recente, richiede una certa attenzione poiché su fondo non pianeggiante e ripido a tratti. Dopo una roccia attrezzata con catena arrivo in discesa alla base del Sasso del Fungo (427). Un tempo questo monumento naturale poggiava su un esile basamento calcareo e appariva sospeso sopra l'abisso. Ora, con la costruzione di un basamento di cemento e la crescita della vegetazione attorno, ha perso gran parte del fascino che il suo aspetto originario offriva. Mi arrampico sopra la superficie del sasso e scatto qualche foto. Riprendo il cammino sul sentiero segnato in biancorosso che sale nel bosco, lambisce una recinzione e raggiunge un pianoro dove la via segnata svolta decisamente a destra lungo la recinzione. Proseguendo su questa via si scende su acciottolato sulla strada che sale da Laveno verso Casere. Io, invece, proseguo la salita nel bosco. Non c'è un sentiero vero e proprio ma la direzione è facilmente intuibile seguendo una dorsale su pendenze abbordabili. Il problema sono le numerose piante cadute che intralciano la via naturale. Per cui individuo, di volta in volta, il percorso che sembra migliore, talvolta seguendo piste di animali. Lungo la salita trovo diversi segnali in nastro biancorosso posizionati di recente, segno che qualcuno ha la mia stessa intenzione. Passo da un ripetitore affacciato al lago da cui si apre un ampio panorama. Poco dopo arrivo sul colmo di un colle attrezzato per la caccia di uccelli. Scendo ad una forcoletta per riprendere la salita. Sempre seguendo la dorsale mi districo nel bosco e guadagno faticosamente quota fra vari cambi di pendenze fino a raggiungere la cima boscata del Sass Barbè (920). Finalmente su comodo sentiero e seguendo l'evidente cresta nel bosco scendo e, dopo una breve risalita, arrivo al Passo Barbè (874) immettendomi sul sentiero proveniente da Vararo. Da qui in avanti sono sul frequentato sentiero dei pizzoni. Salgo sulla cresta rocciosa che porta alla croce dei Pizzoni situata in posizione panoramica sul Lago Maggiore. Poco più avanti sono sulla sommità della prima punta (1018). Proseguo in discesa per risalire alla seconda punta (1033). Ancora discesa e risalita alla terza punta (1034). Di nuovo discesa e risalita più importante per salire alla cima del Monte La Teggia (1106). Una breve discesa mi porta sulla strada al Passo Cuvignone (1046). Scendo sulla strada al primo tornante dove si stacca il sentiero (1036) che scende inizialmente nel bosco e quindi sulla dorsale panoramica della Val Buseggia. Piego decisamente a destra e, in piano, raggiungo l'abitato di Vararo (755). Su strada asfaltata arrivo al borgo di Casere (761) dove inizia la mulattiera che mi riporta a Monteggia (363) chiudendo l'anello.
Tempi di percorrenza: 1h00' al Sass Barbè, 2h00' al Passo Cuvignone, 3h00' tutto il giro.
Meteo: soleggiato e foschie 

Tourengänger: morgan


Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (10)


Kommentar hinzufügen

rochi hat gesagt:
Gesendet am 27. Februar 2019 um 07:42
Report molto interessante.
Sono stato decine di vlte sui Pizzoni ma mai sul vicino Barbé.
Appena possibile proverò ad emularti.
Ciao!
R.

morgan hat gesagt: RE:
Gesendet am 28. Februar 2019 um 17:34
Grazie e buone passeggiate!

Camoscio hat gesagt:
Gesendet am 27. Februar 2019 um 08:42
Bel giro! È vero che il Sasso del Fungo perde nettamente il suo fascino, però dato che c'è gente che ci saliva mi sa che non c'erano molte alternative...

morgan hat gesagt: RE:
Gesendet am 28. Februar 2019 um 17:55
Grazie e buone passeggiate!

GAQA hat gesagt:
Gesendet am 27. Februar 2019 um 10:38
Interessante giro! Complimenti! Sempre visto la deviazione per Sasso del Fungo e, dopo questo report, mi è più chiaro il tutto.
Un saluto.
Alessandro.

morgan hat gesagt: RE:
Gesendet am 28. Februar 2019 um 17:51
Ciao Alessandro. Grazie e buone passeggiate in Valcuvia.

gbal hat gesagt:
Gesendet am 27. Februar 2019 um 11:18
Giusto qualche giorno fa ho fatto il giro classico per raccogliere le cache del circuito e ancora una volta ho visto la deviazione per il Sasso del Fungo pensando che fosse semplicemente un punto panoramico. Invece......grazie per la condivisione!

morgan hat gesagt: RE:
Gesendet am 28. Februar 2019 um 17:39
Grazie. In realtà il percorso segnato è un breve anello che ritorna sulla via Laveno- Casere. Il resto è da inventarsi anche se facilmente intuibile.

Poncione hat gesagt:
Gesendet am 27. Februar 2019 um 13:01
Ciao Dario,
bella salita, che avevo in mente anch'io da un pò di fare, ma partendo da un altro versante di Monteggia, n cui forse non si passa dal Sasso del Fungo... L'unica volta che ho visitato il curioso sasso, che come giustamente ricordi ha perso il suo fascino primigenio dopo la malaugurata idea di farci un basamento cementato (bah!), mi ero ricollegato alla mulattiera per Casere.

morgan hat gesagt: RE:
Gesendet am 28. Februar 2019 um 17:55
Ciao Emiliano. Quello che fatto è l'anello da poco pulito e segnato per il comune di Laveno. Buone escursioni!


Kommentar hinzufügen»