Monte Palanzone, Monte Barzaghino, Croce di Pizzallo


Publiziert von Andrea! Pro , 10. Januar 2019 um 20:23.

Region: Welt » Italien » Lombardei
Tour Datum: 6 Januar 2019
Wandern Schwierigkeit: T3 - anspruchsvolles Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Aufstieg: 1600 m
Strecke:22,4 km a/r
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Asso (Como).

Percorriamo le strade di Asso fino a trovare i primi cartelli che indicano per il Palanzone. Seguiamo una strada lastricata che diventa poi sterrata e raggiunge Enco da dove inizia il bel tratto che attraversa il Castagneto. Proseguendo lungo il percorso tralasciamo il bivio per il Palanzone per continuare invece verso destra fino a giungere al Santuario di Campoè sopra Caglio.

Da qui iniziamo la salita, per un buon tratto su strada sterrata, fino al Monte Falò, che raggiungiamo seguendo in parte la dorsale erbosa su percorso più o meno libero. Scesi alla Colma di Caglio proseguiamo lungo la classica via di dorsale fino a raggiungere il Palanzone sferzati da un simpatico vento. Come spesso accade c'è sempre tanta gente in vetta poi, con queste giornate così limpide, è ovvio che la voglia di godersi i panorami aumenti. Tra l'altro oggi i grattacieli di Milano, parzialmente nella nebbia/smog hanno un fascino del tutto particolare, sembra quasi un'immagine da post-catastrofe.

Scendiamo verso la Bocca Vallunga, passando dalla cimetta cazzuta della Colma Piana e com'è vero che c'è tanta gente sul crinale principale, tant'è vero che basta scendere sui versanti per ritrovarsi nuovamente in solitudine. Infatti lungo tutta la seconda parte della gita di oggi non incontreremo nessuno, a parte un local.

Seguiamo le indicazioni per il Monte Barzaghino fino a quando, giunti sotto le pendici del Monte Freddo (su alcune mappe indicato come Dosso Mattone), notiamo che è stato bollato di recente ... anzi recentissimo, si sente ancora l'odore di vernice ... un sentierino che passa sul versante nord-est invece di seguire la dorsale. Fatti pochi passi incrociamo un local che sta proprio in questo momento segnando con una bomboletta di vernice bianca il sentiero "alternativo". Scopriamo che la nuova variante è dovuta al fatto che il sentiero di dorsale è in buona parte ostruito da alberi caduti e che anche la salita per il Barzaghino ha subito qualche lieve modifica, sempre per evitare i tronchi al suolo: infatti dopo esser giunti sulla cima del Monte Freddo (o Dosso Mattone) per un tratto sarà più comodo scendere di qualche metro sul versante ovest ed aggirare così i tronchi che sbarrano il cammino.

Mentre tornavo indietro dalla cima del Barzaghino ho rivisto il local che indicava con bolli bianchi la via da seguire per la vetta.

Proseguiamo in direzione della Croce di Pizzallo, che raggiungiamo prima scendendo alla Bocchetta da Frecc e poi con una risalitina fino in vetta. Seguendo i bolli sulla dorsale iniziamo la discesa verso Asso fino a ritornare sulla strada lastricata dell'andata e da qui in breve alla macchina ... che raggiungiamo solo dopo una merenda con mega-toast.

Tourengänger: Andrea!


Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (8)


Kommentar hinzufügen

Menek hat gesagt:
Gesendet am 10. Januar 2019 um 21:39
nome nuove solite lunghe escursioni.... :)

Andrea! Pro hat gesagt: RE:
Gesendet am 10. Januar 2019 um 22:36
Il lupo perde il pelo...

danicomo hat gesagt:
Gesendet am 11. Januar 2019 um 18:27
Accidenti! Solo ora ho capito che Andrea! new entry era uno conosciuto...
Abbiate pazienza...
D

Andrea! Pro hat gesagt: RE:
Gesendet am 11. Januar 2019 um 18:31
Così ... giusto per ... portare un po' di novità in questo sito ...
Ciao.
A!

danicomo hat gesagt: RE:
Gesendet am 11. Januar 2019 um 18:41
Fortuna che hai lasciato uguale la foto.
Altrimenti sai la figura di m....!

Andrea! Pro hat gesagt: RE:
Gesendet am 11. Januar 2019 um 18:42
Beh dai, non sarebbe stata una figura di m ... dopotutto se uno cambia "aspetto" è difficile riconoscerlo.

Arbutus hat gesagt: Indetto referendum popolare
Gesendet am 16. Januar 2019 um 14:25
E' stato indetto un referendum popolare per ripristinare il nome Poge, perché con le incertezze del mondo moderno almeno le leggende devono avere un po' di continuità. E' un po' come se Lancillotto decidesse di cambiare nome e chiamarsi Tiritotip.

Andrea! Pro hat gesagt: RE:Indetto referendum popolare
Gesendet am 16. Januar 2019 um 18:31
Certo che Lancilotto ... Tiritotip ... te le studi la notte?

Ma sì dai, per dare un po' di vita e suspense alla comunità in italiano ... un po' ferma sui soliti posti ...
Ma per i "nostalgici" ... ho lasciato la stessa foto ...

Ciao.
A!


Kommentar hinzufügen»