Piz de Cressim (m.2575)


Published by Poncione , 2 October 2018, 15h38.

Region: World » Switzerland » Grisons » Misox
Date of the hike:29 September 2018
Hiking grading: T5 - Challenging High-level Alpine hike
Mountaineering grading: F
Climbing grading: I (UIAA Grading System)
Waypoints:
Geo-Tags: Gruppo Val Cama   CH-GR   I 
Time: 10:00
Height gain: 2223 m 7291 ft.
Height loss: 2223 m 7291 ft.
Accommodation:Capanna Righetti - Capanna Miralago - Rifugio Alp d'Agnon

Dopo l'uscita mesolcinese della settimana prima al Pizzo Paglia opto per un bis, improvvisando all'ultimo - come spesso prediligo fare - la meta... sguardo attento alla cartina, scelta dell'itinerario, qualche rapida informazione dalla rete o qualche pubblicazione e via all'avventura.
Dopo la Val Grono tocca stavolta alla Valle di Cama, dove metto piede per la prima volta. Alle 7:45 - dopo un caffè veloce a Cama e il solito viaggio tra bus e treni vari dalla Valganna - sono in cammino inforcando quasi subito il bel sentiero scalinato da Ogreda (parcheggio riservato agli escursionisti), che prima risale il pendio a tornanti, quindi s'infila in Val Cama, dove l'ambiente è veramente splendido e suggestivo... con menzione particolare al sinistro Sass de la Vegia (m.980), sorta di naturale antro di streghe formato da enormi massi erratici. Dopo gli 800 metri di quota il sentiero traversa la valle con pendenza davvero minima, rendendo piacevole e poco faticoso il procedere, tanto che in meno di due ore mi ritrovo all'ombroso e dormiente Lagh de Cama (m.1265), circondato dalle sue baite e i suoi rifugi, oltrechè da pinete e faggete spesse, sin lassù ai picchi del Piz Martel e del Piz Croch.
Pausa breve, visto che il cammino è ancora lungo, e via subito in direzione della Bocchetta di Cressim con un breve ma deciso strappo in faggeta sino al raggiungimento di una zona più rada (ontani, felci, betulle) che sbuca nei pressi dell'Alpe d'Albion (m.1600), piccolo ma delizioso rifugio con 4 materassi e possibilità di cucinare. Poco prima del rifugio a destra sale il sentiero, che entra in pineta giungendo con un altro strappetto al Rifugio Alp Vec (m.1794), pure molto bello e curato. Una bella fontana garantisce rifornimento d'acqua fino a questa quota, ed anche più in basso ce ne sono almeno un paio. Si prosegue per un breve, suggestivo tratto ancora in pineta finchè si esce definitivamente allo scoperto poco prima dell'Alp de Sambrog (m.1993), con la sua cascina-stalla ancora in discreto stato. Abbandono la segnaletica per la bocchetta di Cressim, che continua a traversare, salendo in breve al piccolo ma delizioso specchio del Lagh de Sambrog (m.2076, ultimi segnavia in vernice), ove individuo subito la via di salita alla meta di giornata, ovvero il Piz de Cressim, che solo all'altezza dell'Alp de Sambrog mi si rivela.
Sopra il laghetto alcune cime poco frequentate ma di evidente spessore (Piz d'Uria, Piz Camporasca, Piz de Sambrog, Fil de Sambrog...), arricchiscono la bellezza dei luoghi, facendo da contorno al Piz de Cressim, pure formato da varie elevazioni e una bella nervatura rocciosa che lascia poche possibilità di salita su questo lato, ad eccezione dell'evidente canalino che va ad immettersi sulla selletta che lo divide dal Fil de Sambrog. Risalendo prima per prati (sentierino di capre), poi su ganne si arriva ad un primo canale, il cui accesso è però arduo per un saltino iniziale non indifferente, pertanto lo si aggira a destra risalendo all'imbocco del canalino "giusto". Il canale è abbastanza breve e sicuro, ma presenta due passaggini di arrampicata tra I° e II° su cui comunque prestare attenzione, specie in discesa. Superato questo tratto resta solo il breve strappetto finale sull'ampia dorsale (tracce) che porta sull'accresciuto omino di vetta del Piz de Cressim (m.2575), almeno stando alla foto di Gbal dell'agosto 2010 (http://www.hikr.org/gallery/photo345946.html?post_id=27025), la cui relazione mi è stata assai utile in fase di improvvisazione, avendo trovato poco altro.
Cima stupenda: il panorama di cui si gode una volta sbucati in cresta è davvero emozionante, e soltanto la vista dell'attiguo Piz Cavregasco, aldilà della sottostante Val Bodengo, "ombreggiato" dal Legnone alle sue spalle vale la salita. Qualche nuvola impedisce la visione sui tremila grigionesi e della Val Chiavenna, ma già quello che si vede è da leccarsi i baffi. Direi di aver improvvisato bene visto cotanto premio. ;)
Gustatomi la cima e il pranzo con calma, mi rituffo nel canalino - affrontato con cautela nei due passaggini rocciosi - per poi ripetere in discesa lo stesso lungo percorso dell'andata, in totale solitudine (incontrato nessuno), ma soddisfatto.

Avanti così.

NB. Cama-Alp de Sambrog T2 / Alp de Sambrog-(canalino mediano T5)-Piz de Cressim T4

Hike partners: Poncione


Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (24)


Post a comment

Menek says:
Sent 2 October 2018, 15h49
Grande giro anche questo, bella Emi...
Menek

Poncione says: RE:
Sent 2 October 2018, 16h52
Ciao Dome,
bello davvero... da ritornarci. Grazie.

saimon says:
Sent 2 October 2018, 16h21
Che zone stupendamente selvatiche come piacciono a me ;).
Complimenti bel tour, belle le foto, trovato anche funghi buoni?

saluti a presto saimon

Poncione says: RE:
Sent 2 October 2018, 16h51
Ciao Saimon, grazie.
Credo d'essere la persona meno indicata riguardo ai funghi... però li fotografo. ;)

Sent 2 October 2018, 16h50
Dislivello pauroso per una cima selvaggia in una zona stupenda...
Meglio di così è quasi impossibile!
Bravo Emiliano...

Angelo

Poncione says: RE:
Sent 2 October 2018, 16h54
Ciao Angelo,
guai a frequentare troppo queste zone... danno dipendenza. ;) E ci son tante belle cosine ancora in sospeso... ;)

Sent 2 October 2018, 17h40
Tutto molto bello!!!! E selvaggio!! Bravo!!!
ALE

Poncione says: RE:
Sent 2 October 2018, 20h38
Già, davvero fantastico...
Grazie Ale.

danicomo says:
Sent 2 October 2018, 19h46
Salite fantastiche, le tue, in una fetta di alpi che si presta all'esplorazione, a patto di aver gambe d'acciaio...
Complimenti sinceri.
D

Poncione says: RE:
Sent 2 October 2018, 20h41
Ciao Dani, grazie.
Avrei un ideuzza prima che arrivi l'inverno, e potrebbe interessarti (e non solo tu)... chissà... ;)

irgi99 says:
Sent 2 October 2018, 19h54
bello e super selvaggio.... complimenti!

Poncione says: RE:
Sent 2 October 2018, 20h40
Grazie Irene.
Sono ancora senza parole dal tanto bello vissuto in questa ascesa.
Ciao

ivanbutti says:
Sent 2 October 2018, 23h39
Sempre bravissimo, davvero un grande complimento.
Ciao, Ivan

Poncione says: RE:
Sent 2 October 2018, 23h49
Grazie Ivan, sempre gentilissimo. Un'altra cima che potrebbe molto piacerti... Intanto medito qualcosa.
Ciao

blepori Pro says:
Sent 3 October 2018, 07h44
grande classica della val di cama, bravo. Hai già fatto il Castel, quello è una chicca. Ciao Benedetto

Poncione says: RE:
Sent 3 October 2018, 13h21
No, ma ci credi che sono arrivato al Cressim pensando proprio al Castel?... ;)
Ciao

blepori Pro says:
Sent 3 October 2018, 13h23
devi farlo, anzi ti porte volentieri se capita. Tutti itinerari selvaggi, il più bello la cresta da est. Ciao Benedetto

Poncione says: RE:
Sent 3 October 2018, 13h55
Ne riparliamo il prossimo anno... ;)

veget says:
Sent 3 October 2018, 13h29
La fantastica e poco "celebrata"valle di Cama..... belllezza della quale i buon gustai ne conoscono i pregi.
Fino al suo lago ne conosco la bellezza!
Oggi mi hai regalato altri tesoretti....
Il notevole dislivello e le ore ,dimostrano notevole doti ,unite alla tua grande passione......e bravura!
Complimenti Emiliano....
Eugenio

Poncione says: RE:
Sent 3 October 2018, 13h54
Ciao Eugenio, grazie mille, sempre gentile. Era da tempo che intendevo recarmi in queste zone... e credo proprio che tornerò. Un abbraccio.

GIBI says:
Sent 3 October 2018, 13h35
... a parte farti i complimenti per la bellissima cima, il notevole dislivello e la pianificazione del tutto ... vuoi veramente dirmi che era la prima volta che andavi al Lago di Cama e di conseguenza anche al Sambroc ... non ci posso credere !!!!

ciao Giorgio

Poncione says: RE:
Sent 3 October 2018, 13h52
Credici, credici Giorgio. Solo ora sto dando uno sguardo "attivo" alla Mesolcina, dopo averla sempre tenuta chiusa nel cassetto.
Cose che capitano... ;)

gbal says:
Sent 3 October 2018, 17h39
Grazie per la menzione; e sono contento di averti ispirato. Per altri il leggere le mie 10h30' e i 2200 m di dislivello e oltre sarebbero stati sicuramente un deterrente ma per te....uno stimolo. Bravo Emi

Poncione says: RE:
Sent 3 October 2018, 20h28
Grazie a te, Giulio. Curioso che dalla tua salita del 2010 a questa praticamente a nessuno sia venuta l'idea di dare uno sguardo a questa bellissima cima, in mezzo a una miriade di tante altre bellissime cime.
Ciao


Post a comment»