Rifugio Garzonera (1'973 m.s.m.)


Publiziert von ale84 , 22. Februar 2018 um 18:13.

Region: Welt » Schweiz » Tessin » Bellinzonese
Tour Datum:10 Februar 2018
Wandern Schwierigkeit: T2 - Bergwandern
Schneeshuhtouren Schwierigkeit: WT3 - Anspruchsvolle Schneeschuhwanderung
Wegpunkte:
Geo-Tags: Gruppo Poncione di Vespero   CH-TI 
Aufstieg: 624 m
Strecke:[LUNGHEZZA 10.7km] Nante (1423 m) - quota 1424 m - quota 1489 m - Segna - Ressiga (1480 m) - Alpe Nuova - quota 1613 m - Pian Taiöi (1668 m) - quota 1819 m - Rifugio Garzonera (1973 m)

Altre foto e info su: www.ariafina.ch



Il tempo vola...era da un bel po'che volevamo tornare al Rifugio Garzonera con le racchette e caspita...aspetta, aspetta sono passati ben 9 anni! La nostra prima escursione invernale a questa bella capanna risale infatti all'ormai lontano 4 aprile 2009 (vedi relazione), non pensavo fosse passato così tanto tempo! 
La gita in questione è una classica dell'inverno ticinese, una bella (e faticosa) passeggiata tra i boschi che porta in alto fino al balcone panoramico che ospita il rifugio a 1'973 m di quota.

Questo il nostro itinerario:
Nante (1423 m) - quota 1424 m - quota 1489 m - Segna - Ressiga (1480 m) - Alpe Nuova - quota 1613 m - Pian Taiöi (1668 m) - quota 1819 m - Rifugio Garzonera (1973 m)

Il primo tratto è il più semplice, da Nante basta seguire la strada che passando da Segna, Ressiga e dall'Alpe Nuova porta all'acquedotto in prossimità del torrente Calcascia.
A differenza del 2009, stavolta risaliamo la valletta del riale Calcascia tenendoci sul lato orografico sinistro. Fortunatamente per noi vi è già una traccia e possiamo quindi salire agevolmente senza dover pestare i 30 centimetri di neve fresca caduti il giorno prima. A quota 1600 m circa sbuchiamo nei magnifici pascoli innevati che circondano Cascina di Prato. 
Attraversiamo il ponte a quota 1613 m e proseguiamo in direzione del Pian Taiöi sempre più affascinanti dallo stupendo paesaggio invernale che ci circonda. 
Oltrepassato anche il ponticello di Pian Taiöi ricomincia la salita, questa è sicuramente la parte più dura della gita, rimangono infatti da superare gli ultimi ripidi 300 metri di dislivello. Raggiungiamo i due signori che gentilmente hanno battuto la traccia finora e contraccambiamo loro il favore facendo da apripista attraverso la pineta. Una vecchia traccia è comunque ancora visibile quindi oltre alla fatica fisica di dover pestare la neve, non dobbiamo scervellarci per capire dove andare. Lemme lemme dopo due ore e mezza arriviamo soddisfatti alla meta! Non gira nessuno, c'è tantissima neve e il paesaggio quasi del tutto immacolato è davvero incantevole. Purtroppo la meteo non è delle migliori, girano parecchie nuvole e il sole gioca a nascondino.
La temperatura all'esterno della capanna, stando al termometro presente in loco, è di -6°C e complice il vento diciamo che la percezione del freddo è ancor più accentuata. Si congela e siamo sudatissimi, meglio mangiare in fretta e rimetterci in moto il prima possibile. Entriamo nel rifugio, all'interno 0°C (!!!), ci fermeremo talmente poco che è inutile accendere la stufa. Mangiamo al volo, scambiamo quattro chiacchiere con i due escursionisti incontrati sul sentiero e arrivati a loro volta in capanna. Alle 12:40 partiamo, la discesa che segue è tra le più belle e divertenti che io ricordi, i 30 centimetri di polvere ci consentono di scivolare giù con leggerezza e senza fatica, in un battibaleno siamo nuovamente all'acquedotto e seguendo la strada torniamo a Nante.
Bellissima racchettata, un po'meno si può dire della meteo, la Garzonera resta di fatto una stupenda meta invernale.   

Tempo impiegato:
Salita 2h 25 minuti
Discesa 1h 30 minuti
(soste comprese)

Tourengänger: ale84, Mauro78


Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Geodaten
 39146.gpx Tragitto Rif. Garzonera

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentar hinzufügen»