Lago di Sfille, i primi colori d'autunno smorzati dalla nebbia


Published by paolo aaeabe , 11 October 2016, 22h17. Text and phots by the participants

Region: World » Switzerland » Tessin » Locarnese
Date of the hike: 8 October 2016
Hiking grading: T2 - Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: CH-TI   Gruppo Rosso di Ribia 
Height gain: 900 m 2952 ft.
Height loss: 900 m 2952 ft.
Route:Cimalmotto, alpe di Fii, Lago di Sfii

ivanbutti Arriva l'autunno ed abbassiamo quote e dislivelli. Raggiungiamo Cimalmotto (è un piccolo viaggio, 1 ora e 45 da Chiasso), bella località in fondo alla Val di Campo, laterale della Val Maggia. Questa volta siamo ligi ai cartelli di divieto e ci fermiamo in paese, facendoci su strada asfaltata i 20 minuti che ci portano a Pianelli, anche se quasi certamente vi è tolleranza e si potrebbe arrivare tranquillamente fin lì. Perdiamo un centinaio di metri per attraversare il rio Rovana sul ponte in cemento; risaliamo verso l'Alpe di Sfii sul sentiero già percorso in passato quando andammo al Lago Pozzoi; la novità è che ci sono lavori in corso per allargare in modo importante il percorso, il motivo ci è per ora sconosciuto. Poco prima dell'alpe deviamo per il lago di Sfille, dove arriviamo che sono da poco trascorse le 10.00. Purtroppo la nebbia e le nubi basse limitano di molto la vista, anche se il lago ha comunque un suo fascino anche così. Vorremmo salire sulle cime vicine, ma il sentiero non è più marcato e la visibilità in certi momenti è davvero minima, così decidiamo che per oggi la nostra escursione finisce lì, anche se, come spesso accade, una volta presa la decisione il meteo migliora un pò, esce qualche occhiata di sole e quanto meno la nebbia si dirada. Però ormai scendiamo e con tutta calma arriviamo al paesino, che visitiamo brevemente. Che dire, i luoghi sono senz'altro belli; è chiaro che vederli in una giornata soleggiata sarebbe molto meglio ma per oggi ci accontentiamo, andando in montagna si sa che bisogna prenderla come viene.

paolo aaeabe
Forse vent'anni fa, una mia collega mi rassicurava: "se scrivi alla banca del Gottardo, ti risponderanno inviandoti gratuitamente un plico di depliant sui laghetti ticinesi..." 
Infatti non esitai a scrivere e dopo pochi giorni mi trovai a leggere con estremo interesse questi preziosi libretti (sono poi gli stessi che oggi ritroviamo facilmente in internet). Tra questi, ricordo, di uno mi fece effetto una frase:

"Come Campo, anche Cimalmotto è minacciato dalla frana, che ha fatto dire allo scrittore Angelo Nessi: «È un paese tragico: ogni giorno si appresta a morire». Dal 1892 al 1950 il campanile della parrocchiale di Campo, per il continuo movimento di terreno, si è abbassato di 5,72 m; lo spostamento orizzontale è stato invece di 24,50 m (esso raggiunse, nel 1940, i 7 centimetri al giorno)."

Oggi posteggiamo a Cimalmotto e, mentre ci incamminiamo verso il lago di Sfille, racconto agli amici di questa lettura. Tempo pochi minuti e si sente un tuono. Ci obbliga a rivolgere lo sguardo verso un canale che sta scaricando una grossa frana. Una grande nuvola di polvere si alza e un macigno rotola fino a valle causando per alcuni secondi un sordo rimbombo.
Non so se è stato un evento sporadico, ma personalmente mi stupisce come la gente del luogo riesca a vivere in tranquillità sopra un simile terreno...
Proseguiamo verso l'alpe di Sfii. Camminiamo su terriccio appena riportato perchè sul sentiero è in corso un lavoro di allargamento e riposizionamento delle pietre. Un buon lavoro, anche se ai nostri occhi pare quasi eccessivo. I larici qui purtroppo non hanno ancora preso i classici colori di stagione, mentre quando raggiungeremo il lago, il giallo degli aghi si specchia nell'acqua in un contesto tipicamente autunnale. Le nuvole si muovono veloci. A volte si vede un'apertura di sereno e il sole scalda forte, ma appena la nebbia ci avvolge precipita la temperatura e pensiamo che non sia il caso di procedere oltre, come inizialmente avremmo voluto.
Per oggi si delinea una gita tranquilla, di quelle che piacciono molto a me come paesaggio, anche se un po' di sole in più non avrebbe guastato.

beppe Contento di aver visto il Lago Sfille che era uno dei pochi laghetti Ticinesi che non avevo visto, nonostante la giornata nebbiosa anche oggi abbiamo trascorso una piacevole giornata. 

proralba giornata di transizione questa ... tra una stagione  e l'altra... momenti di sole caldo e avvolgente..come è stato fino a pochi giorni fa... tra nuvole e foschia in movimento..biglietto da visita dell'autunno ormai in arrivo con i suoi splendidi colori... 
Prima volta per me in ValleMaggia... gran bella scoperta..splendido il lago...bellissima la Vallata!
Grazie ragazzi ad ognuno

Hike partners: ivanbutti, beppe, proralba, paolo aaeabe


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (2)


Post a comment

numbers says:
Sent 12 October 2016, 20h21
Bella raga,
peccato per il meteo.

Mario

paolo aaeabe says: RE:
Sent 12 October 2016, 21h25
Eh giá... con un po' di sole magari potevamo salire un poco oltre il lago,
a presto,
Paolo


Post a comment»