Pizzo della Pieve e Grignone


Published by Andrea! , 26 August 2015, 19h12.

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike:26 August 2015
Hiking grading: T3+ - Difficult Mountain hike
Climbing grading: I (UIAA Grading System)
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Height gain: 1250 m 4100 ft.
Route:12,5 km a/r
Access to start point:Vo di Moncodeno, da Esino Lario seguire per Cainallo e proseguire fino a fine strada. Parcheggio a pagamento (2€ al giorno). I biglietti si ritirano nella macchinetta automatica vicino al Rifugio Cainallo (prima di arrivare a fine strada).

Oggi voglio raggiungere il Pizzo della Pieve, cimetta all'ombra del Grignone.
Lo affronto passando dalla Bogani e poi dirigendomi verso il Passo Zapel (o di Val Cugnoletta) e senza raggiungerlo ci si inoltra sulla classica Via del Nevaio.

Da una relazione che ho, credo di individuare il canale di salita: sembra fattibile e abbastanza logico.

Abbandono il sentiero 37 del nevaio e mi addentro nel canale. Il percorso è fattibile, non presenta particolari difficoltà tecniche, l'unico inconveniente? E' tutto sfaciumi.
Se si cammina al centro del canale è praticamente impossibile non smuovere sassi, se si prova a stare sui bordi le prese ti rimangono in mano  ... che m---a!
Stando "un po' quà e un po' là" risalgo il canale che per fortuna non è molto lungo.

Esco in cresta, proprio nel punto in cui il sentiero invernale la raggiunge e mi dirigo a sinistra verso la mia cima che si raggiunge dopo qualche breve sali-scendi. Ovviamente non c'è nessuno e in effetti non è un granchè! Quindi se proprio dovete salirci, meglio seguire tutta la Via del Nevaio fin quando questa raggiunge la cresta principale.

Escludendo di rientrare per la via di salita, decido di salire sul Grignone per poi scendere dai classici e comodi sentieri. Raggiunta la cima, ci transito rapidamente e inizio la mia discesa.
Dopo il primo tratto sulla via normale "della Ganda", devio sul sentiero della Cresta di Piancaformia, visto che è passato un po' di tempo dall'ultima volta che l'ho percorso.

Transitando prima dalla Bocchetta di Piancaformia e poi da quella di Prada il sentiero si congiunge a quello dell'andata e dopo poco si ritorna al Moncodeno.

Hike partners: Andrea!


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (5)


Post a comment

Daniele66 says:
Sent 26 August 2015, 20h45
Bella li Complimenti Daniele66

Andrea! says: RE:
Sent 26 August 2015, 22h28
Grazie.
A.

Barbacan says:
Sent 27 August 2015, 09h26
La zona del Moncodeno è sicuramente la più selvaggia del Grignone, gran bel giro!

Andrea! says: RE:
Sent 27 August 2015, 17h53
Dici?
Sul sentiero della Ganda c'è sempre tanta gente.
Forse un po' di meno verso il Passo Zapel e la Via del Nevaio.

Se si vuole stare un po' più in solitudine, in zona c'è anche il Monte Palone. Più interessante del Pizzo della Pieve.

Barbacan says: RE:
Sent 29 August 2015, 17h15
Sì, bè in zona Bogani di gente ce n'è. Il Moncodeno però comprende quasi tutto quel versante del grignone, nevaio e zapel inclusi. Sul Palone Vallori sicuramente trovi meno traffico :)


Post a comment»