COVID-19: Current situation

Cima Grande di Lavaredo m.2999 per lo spigolo nordest o Spigolo Dibona


Published by accoilli , 13 August 2015, 00h15.

Region: World » Italy » Veneto
Date of the hike: 3 August 2015
Climbing grading: V- (UIAA Grading System)
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 6:45
Height gain: 650 m 2132 ft.
Height loss: 650 m 2132 ft.
Route:Dal rifugio Auronzo,prendere la strada bianca in direzione della forcella Lavaredo,raggiunta, seguire la traccia che conduce fra la cima Piccola e la cima Grande,salire per lo Spigolo Dibona, discesa per la via normale
Access to start point:Da Cortina d'Ampezzo,oltrepassare il passo Tre Croci e raggiungere il lago di Misurina,poi seguire le indicazioni per le Tre Cime di Lavaredo e il rifugio Auronzo
Accommodation:Rifugio Auronzo Rifugio Locatelli Rifugio Lavaredo

Finalmente un grande sogno si sta per avverare....scalare la cima Grande di Lavaredo. Son già alcuni anni che desidero fare questa montagna,ma vuoi il brutto tempo,vuoi non trovare combinazioni con amici per salirla.....quest'anno ecco la fortuna dalla mia parte.....mi ritrovo dopo diversi anni,con Wilfried e insieme pianifichiamo la salita,che sarà fatta per lo Spigolo nordest ovvero per il più conosciuto Spigolo Dibona,con discesa per la via normale sul versante sud. La via presenta sulla carta tiri iniziali di 4°+ costante e un passaggio di 5°-  per poi giungere nella parte centrale della salita con tiri più facili sul 2° e 3° grado,infine prima di giungere sulla cengia anulare,ancora tiri sul 4° e 4°+.......giunti all'attacco alle 06.40,davanti a noi ci son già 5 cordate....ci imbraghiamo e cominciamo la salita...subito la parete è verticale,ma presenta buoni appigli e i metri scorrono sotto le mie scarpette,La difficoltà costante,mi tiene molto concentrato,tanto da farmi trovare sempre il miglior modo di salire. Giunto sul secondo tiro,mi trovo sul passaggio più difficile e devo sudare per alcuni minuti prima di riuscire a superarlo.....continuiamo a salire dritti fino ad uscire dopo tre tiri, in un punto dove la parete appoggia un pò,qui,mi rilasso non poco....il panorama si fa sempre più bello ed esteso,sono eccitato ed emozionato allo stesso tempo.La roccia in questo tratto mediano è friabile e dobbiamo fare attenzione a non scivolare,provocando cadute di sassi sulle altre cordate....ogni tanto ci affacciamo sulla parete nord,impressionante e davvero verticale...impensabile che sia stata salita anche in libera....continuiamo la salita superando tutte le cordate,tanto da trovarci finalmente liberi da intrighi di corde e soste obbligate in parete.Ora siamo sugli ultimi 2 tiri prima della cengia anulare,sono stanco,ma ho ancora  davanti a me,  passaggi di 4°+, superati non senza sforzo, ecco apparire davanti ai miei occhi,(dopo un ultimo tratto nuovamente più facile), la cengia che decreta una bella sosta riposante e  rigenerante,prima dell''ultimo tratto che salirà per la via normale....mi cambio le scarpette che mi hanno rovinato un pò entrambi i piedi e poi via lungo la bellissima cengia.La percorriamo sul versante sud,fino ad imboccare una serie di canalini,paretine ed un camino,uscendo poco sotto la la vetta con in vista la croce.....il cuore batte forte,ormai è fatta e poco dopo siamo sul punto più alto....che spettacolo,che meraviglia !  Ovunque il mio sguardo si posa,è indescrivibile l'emozione...le Dolomiti sono uniche....abbiamo impiegato 3 ore e 50 minuti per giungere fino quassù dall'attacco,ora dopo le foto rituali,ci aspetta una lunga discesa per la via normale,che presenta diverse calate in doppia e alcuni tratti da scendere  disarrampicando....una discesa affollata ma divertente,che in un'ora e 30 minuti ci trova alla forcella della cima Piccola,ora non ci resta che percorrere l'ultimo tratto di sentiero fino al rifugio Auronzo,dove ci aspetta una grande bevuta per onorare questa bella giornata.....


Cima Grande di Lavaredo - Spigolo Dibona (Spigolo Nord/Est)

Attacco, descrizione della via
Da Misurina imboccare la strada che conduce alle Tre Cime di Lavaredo. Dopo qualche chilometro sulla strada vi è una barriera con casellante. Qui si può optare se proseguire in macchina e pagare il pedaggio (20 €) oppure parcheggiare e continuare a piedi (6,5 Km.).
La strada conduce al rifugio Auronzo (2320 Mt.) dove si parcheggia. Incamminarsi sulla strada carrozzabile che, in piano, passa prima prima da una chiesetta e poi conduce al rifugio Lavaredo (2344 Mt.). Oltrepassare il rifugio seguendo il sentiero che conduce alla bocchetta di Lavaredo. Una volta raggiunta la bocchetta tenere la sinistra e costeggiare (seguendo la traccia) la Cima Piccola con ottima visuale sullo spigolo nord/est della Cima Grande. Lungo questo spigolo corre la via Dibona.
Puntare all'inizio dello spigolo salendo per tracce. Circa 5 metri a sinistra dello stesso c'è una fessura, qui attacca la via.

1° tiro:
salire la fessura a circa 6 metri dallo spigolo. Al termine della fessura piegare a destra su un piccolo terrazzino e proseguire in verticale fino a giungere ad un altro terrazzino. Qui troverete un chiodo con anello. 20 Mt., III°.

2° tiro:
spostarsi leggermente a sinistra del chiodo con anello e salire obliquamente verso sinistra fino a giungere su un piccolo pianerottolo dove c'è uno spuntone. A questo punto proseguire salendo qualche metro in verticale (passaggio di V-) e poi spostarsi nuovamente a sinistra (passando sotto dei leggeri strapiombi) fino a giungere a una grossa spaccatura della roccia. Salirla in verticale e al termine traversare sulla destra (terrazzino) in direzione della sosta. 50 Mt., V°-, 2 chiodi.

3° tiro:
dalla sosta spostarsi a sinistra lasciandosi lo spigolo a circa 15 Mt. puntando ad una fessura/camino. Risalire verticalmente fino alla sosta su una cengia. Cercare i 2 chiodi della sosta spostandosi sulla cengia verso destra. 40 Mt., IV°+, 2 chiodi più 2 della sosta.

4° tiro:
salire verticalmente fino a raggiungere una terrazza detritica e superarla facilmente (II°). Quando la parete si fa nuovamente più verticale ci sono due chiodi per effettuare la sosta. Noi ci siamo ributtati sullo spigolo e abbiamo fatto sosta su un chiodo posto su un terrazzino che si incontra rimontando lo spigolo. 60 Mt., III°.

5° tiro:
rimontare lo spigolo sulla sinistra salendo verticalmente (passo di IV°). Proseguire poi in obliquo verso sinistra e appena possibile rimontare a destra in direzione della sosta. IV°-, 2 chiodi.

6° tiro:
da questo momento la via si distanzia circa 40 metri dallo spigolo. Traversare alcuni metri a sinistra e risalire verticalmente per poi tornare a destra e sostare quasi verticali alla sosta precedente. II°, III°.

7° tiro:
si risale la parete bianca raggiungendo una fessura che sale obliqua verso destra. Continuare lungo la fessura con difficoltà più contenute. III°, III°+.

Dall'8° al 10° tiro:
si sale seguendo la fessura ed al termine di questa se ne segue un'altra con caratteristiche simili. In totale sono circa 140 metri per arrivare nuovamente nelle vicinanze dello spigolo.
Le soste sono comode su cenge o terrazzini ma da attrezzare. (III°, passaggi di IV°, alcuni chiodi)

11° tiro:
salire senza via obbligata con facile arrampicata fino a raggiungere la grossa cengia anulare.
Seguendola verso sinistra si incontrano 2 chiodi (non vicini per sosta).



Hike partners: accoilli


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (9)


Post a comment

siso says:
Sent 13 August 2015, 00h18
Bravissimi, che spettacolo!
Ciao,
siso.

accoilli says: RE:
Sent 14 August 2015, 13h59
ciao Siso,ti ringrazio tanto,è stata una bella scalata in un giorno stupendo,tutto è andato bene,cosa si vuole di più?
ciao Marco

danicomo says:
Sent 13 August 2015, 11h14
Woww, complimenti.
Pure belle foto, ciao
Daniele

accoilli says: RE:
Sent 14 August 2015, 14h00
ciao Daniele....grazie anche a te,le foto sono belle,ma devi farla...con i tuoi occhi è qualcosa di sensazionale....saluti,buone montagne
ciao Marco

andrea62 says:
Sent 14 August 2015, 12h36
Una delle "scalate dell'anno" all'interno di hikr. Se ci fosse il "piolet d'or" di hikr questa sarebbe tra le candidate. :)
Complimenti.
Andrea

accoilli says: RE:
Sent 14 August 2015, 14h02
Andrea...che dire,grazie,ma mi sembra un tantino troppo quello che scrivi....anche se per me è stata una salita grandiosa,ti ringrazio ancora e ti auguro una buona montagna...
ciao Marco

Bertrand says:
Sent 18 August 2015, 14h25
Bravo ! Hai ragione di dire che le Dolomiti sono le piu belle...(forse dopo le Apuane ?). Io ho solo fatto la Cima Ovest (sono stato trascinato dalla guida nella Cassin - un incubo, mai avuto tanta paura nella mia vita !), la tua via sulla Grande sembra invece perfetta con difficolta piu umane...

accoilli says: RE:
Sent 18 August 2015, 22h40
ciao Bertrand,come stai? hai ragione,le Dolomiti sono la più belle in assoluto,anche se le Apuane sono il mio primo amore....hai fatto la Cassin?? bravissimo ! la mia salita è più facile,non una passeggiata,ma con difficoltà affrontabili..bravo,vieni a fare un giro sulle mie montagne ok?
ciao Marco

Bertrand says: RE:
Sent 19 August 2015, 08h16
Non so se posso dire di averla fatto, ho barato tutto il tempo e volevo chiamare i soccorsi nella orribile horizontale nel vuoto...e poi 20 anni fa ero molto piu bravo di oggi !

Comunque non dimentichiamo le Apuane, è solo questione di tempo ma ci vedrai di sicuro un giorno o l'altro...


Post a comment»