Punta d' Elgio / Helgenhorn 2837mt, un ottimo dopo-sole


Published by giorgio59m (Girovagando) , 2 September 2014, 09h43. Text and phots by the participants

Region: World » Switzerland » Tessin » Bellinzonese
Date of the hike:31 August 2014
Hiking grading: T3 - Difficult Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: CH-TI   I   Gruppo Grieshorn   Gruppo Pizzo Rotondo 
Time: 5:30
Height gain: 1050 m 3444 ft.
Route:Pantano - Alpe S.Giacomo - Passo S.Giacomo - Punta d' Elgio - P2596 cippo confine (pranzo) - cresta - Alpe S.Giacomo - Pantano
Access to start point:Autostrada per il Gottardo, uscire ad Airolo e seguire per Val Bedretto - Passo della Novena. Risalire tutta la Val Bedretto, dopo All'Acqua proseguire verso la Novena, passare un doppio tornante, alpe Cantina di Cruina sulla destra, proseguire ancora per poco, parcheggio sulla sinistra della strada (cartelli sentiero). Il posto lo si riconosce bene perchè poco più in alto ci sono gli scavi per ricerche minerarie.
Accommodation:Capanna Corno Gries, Rifugio Maria Luisa CAI

   
 

Via i sandali ... per gli scarponi

 

Due belle settimane di vacanze al mare, con la famiglia, anzi io e Gimmy con le rispettive famiglie, caldo, tanto sole, ed il bel mare della Calabria.

Due settimane di braghe corte, canottiera e sandali ... ma all' ultima settimana facciamo progetti per un rientro "alpino", una cosa soft, ma non troppo.

Per abituarmi alle calzature, sabato giretto abbastanza fruttoso a funghi (un'altra delle mie passioni), quattro orette per ritrovare il piacere di andar per boschi.

Domenica, soli io e Gimmy (il resto del gruppo è uscito in settimana per impegni domenicali), in Val Bedretto, a Pantano, a togliere i sandali ed infilare i riluttanti piedi dentro gli amati scarponi.

8:10 si parte, il sentiero sale verso Pian S.Giacomo o il Passo di S.Giacomo, lo abbiamo percorso lo scorso agosto per salire al Pizzo Cavagnoo, di nuovo di rientro dal mare ... stessa spiaggia stesso parcheggio.

Questa volta non saliamo al piano con la chiesetta ma tagliamo dritti verso il passo, dietro l' Alpe S.Giacomo, ritrovando il sentiero che sale al passo dalla capanna Corno Greis.

Arriviamo al passo in circa 1:10, il meteo non è dei migliori, ma ormai ci si accontenta ... basta che non piove.

Al passo vedo i laghi Toggia e Castel, e lontana la nostra meta, la Punta d' Elgio, il pensiero va alle relazioni di chi vi è salito, sembra veramente lontana ... ma l' avvicinamento è rapido.

Al passo finisce il sentiero, il riferimento è quello che siso ha definito la pinna di delfino un picco roccioso che si trova sulla dorsale, alla destra di un canale di risalita, e che veramente assomiglia ad una pinna.

Si sale in libera, c'e' chi prosegue verso il lago Toggia e poi sale, che si porta gradualmente in quota. Noi seguiamo questa seconda opzione.

Si sale su prato e tratti con terriccio, ci sono vari dossi, ma scegliendo bene il percorso si riesce a non perdere quota.

Alle 10:20 raggiungiamo il cippo di confine a Q2592, pausa di 10 minuti, cerchiamo di scoprire quale sia la via di salita.

Stupenda la vista sui laghetti Toggia, Castel e Boden, il ghiacciaio del Basodino e la torre del Kastelhorn. Sul lato della Val Bedretto la vista è solo verso il basso, i bei tremila sono avvolti da una coltre di nubi.

Tornando alla via di salita, il canale alla sinistra della pinna di delfino sembra ripido e non stabile, ma non lasciatevi ingannare, la via è quella, grazie alla traccia di ale e siso, e grazie ad un escursionista di Claro che con il cane sale di gran passo, anche lui alla Punta d'Elgio.

 

La via di salita per la Punta d'Elgio. A destra si vede la pinna di delfino, al centro il canale di risalita

 

Per raggiungere la base del canale si può salire a piacere, il sentiero che sale alla bocchetta lo si vede solo quando ci si avvicina, non ci sono marcature o ometti, solo alla bocchetta un gendarme che abbiamo rinforzato.

La salita è tranquilla, proprio non sembrava dal basso.

Arrivati alla bocchetta ci si trova in una conca, la cima ancora resta nascosta da un ennesimo balzello.
Si risale sulla sinistra o sulla destra, portandosi alla quota della pinna, che su questo lato è un panettone detritico, mentre dal lato opposto appare come una parete verticale di roccia.

Dopo l' ultimo balzo, altro pianoro con conca e la cima che si staglia davanti a noi.

E' veramente una punta piuttosto affilata, gli ultimi 5mt sono uno sperone roccioso, si sale senza bastoncini.

Si può salire sia da destra che da sinistra con un pò di attenzione, sciovolare ... non sarebbe proprio salutare.

In cima alle 11:18, Q2837, decisamente felici, c'e' poco posto.

Foto in quantità, anche se la luce è poco adatta, e le tante nuvole coprono le cime vicine.

Molto bella la vicina Punta di Valrossa, si vedono gruppi in salita, si riconosce gran parte del sentiero che sale dal rifugio Maria Luisa, e si riconosce quello che sembra il passaggio chiave, un canale con neve (vedendo foto di altri report questo canale è sempre innevato) che conduce alla cresta.

Scendiamo per il pranzo al cippo di confine a Q2596, riparati dal venticello, e con la fortuna di qualche breve raggio di sole.

Siamo sopra la capanna Corno Greis, che si trova quasi 300mt sotto di noi, a dividerci un bel dirupo.

Alle 12:41, dopo 35min di relax e pranzo, ripartiamo per un giro diverso dall' andata, pensiamo di fare tutto il percorso in cresta, fino alla fine, verso il pian S.Giacomo.

Percorso divertente, mi piacciono molto le creste, cercando sempre la via migliore per evitare troppi saliscendi.

Giunti all' ultimo dosso, scendiamo per prati e canali di scolo di ruscelli, puntando al sentiero che porta al passo dalla capanna Corno Greis.

Quindi Alpe S.Giacomo ed il sentiero della mattina a ritroso, arriviamo all' auto alle 14:25, le creste ci hanno accorciato parecchio il lungo ritorno.

Un bel rientro, una bella cima.
Alla prossima.

 

Giorgio

 
 
   
 

              Vista da Gimmy-    (gimmy)

 

Qui

Gimmy

  

 
 
     
 
Percorso Totale : 11,4 Km totali, 6h:15m totali, 5:10m di cammino
Andata : 5,8 Km, 3:08 lorde, 20m soste    alla cima
6,8 Km, 3:55 lorde, 40m soste al pranzo
Ritorno : 4,6 Km, 1:45 lorde, 10m soste
Dislivello : 970 mt di assoluto , 1050 mt di relativo
Libro di vetta: NO
Copertura cellulare: Buona sul percorso
Partecipanti :

Giorgio, Gimmy

 
 
   
 

Altre foto, diario, tracce sul nostro sito     

www.girovagando.net        escursione # 199

  

 

 
 



Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (6)


Post a comment

zar says:
Sent 2 September 2014, 11h22
Bravissimi 2G...mai dimenticare il vecchio scarpone anche perché, a veder le foto, il mare lascia sempre un "certo valore aggiunto" che mal concorda con l'andar per monti...;-))))
Ciaoooo
Luca

beppe says:
Sent 2 September 2014, 16h17
Complimenti la prossima volta con le ciaspole .
Ciao
Beppe

Sent 2 September 2014, 19h31
Bella cima!!!! Ciao!!!! ALE

Sent 3 September 2014, 07h50
Hanno liberato i leoni di montagna... Perché se eravate leoni marini sicuramente era meglio al mare. Bel rientro Well Done!

gbal says:
Sent 4 September 2014, 18h00
A ranghi ridotti ma il rientro c'è stato e felice.
Bravi
(meno male che avete lasciato i sandali a casa!)

Sent 5 September 2014, 14h52
Guadagnate, stà arrivando il tempo di oliare le ciaspole.
Complimenti a voi
ciao


Post a comment»