Bruschghorn (3056 m)


Published by siso Pro , 19 August 2014, 22h00.

Region: World » Switzerland » Grisons » Hinterrhein
Date of the hike:17 August 2014
Hiking grading: T3 - Difficult Mountain hike
Mountaineering grading: F
Waypoints:
Geo-Tags: CH-GR 
Time: 7:15
Height gain: 912 m 2991 ft.
Route:Parcheggio Tguma (2340 m) – Curtginatsch (2272 m) – Quota 2556 m – Sella 2770 m – Bruschghorn (3056 m) – Curtginatsch (2272 m) – Parcheggio Tguma (2340 m) – Dumagns (1827 m).
Access to start point:Semiautostrada A13, Tunnel del San Bernardino – Hinterrhein – Zillis – Donat –Wergenstein Dorf – da qui via Bus Alpin fino a Tguma (2340 m).
Accommodation:Wergenstein
Maps:C.N.S. No. 1235 – Andeer - 1:25000.

Escursione nella Val Schons (das Schams in tedesco), più precisamente sulla Muntogna da Schons, nel Parco naturale del Beverin.

 

Inizio dell’escursione: ore 8:50

Fine dell’escursione: ore 16:10

Pressione atmosferica, ore 9.00: 1020 hPa

Temperatura alla partenza da Wergenstein: 5°C

Isoterma di 0°C, ore 9.00: 3000 m

Temperatura al rientro a Wergenstein: 18°C

Alba: 6:22

Tramonto: 20:30

 

Il tragitto per arrivare al punto di partenza della gita odierna è piuttosto lungo: dall’uscita della galleria del San Bernardino occorre percorrere la semi autostrada fino all’uscita di Andeer, si prosegue verso Zillis, quindi seguendo i segnavia e passando per i villaggi di Donat e Casti si raggiunge Wergenstein (1487 m). I più temerari, che non soffrono di vertigini sulle stradine di montagna prive di protezioni, possono continuare in auto per ulteriori 9,1 km fino a Tguma (2340 m). Io preferisco affidarmi al “Bus Alpin”, un pullmino che nel fine settimana parte dalla piazza di Wergenstein alle 8:23 e arriva a Tguma alle 8:57. Una corsa costa 10.- CHF. Il ritorno da Tguma è previsto per le 16:56.

Alle 8:50 posso finalmente partire da Tguma, su una sterrata in discesa, in direzione ovest, fino a Curtginatsch (2272 m). Per sbaglio, continuo lungo la stradina ancora per 250 m, fino a quando mi rendo conto dell’errore. Rimedio risalendo gli ampi pascoli dell’Alp Anarosa in direzione NW. La giornata è da cartolina: cielo azzurro privo della benché minima nuvoletta. È il regno delle marmotte! Ne ho viste molte di più qui che non nella Val Bergalga. La scena è dominata dalla parete rocciosa del Pizzas d’Anarosa, un tremila imponente e nel contempo elegante che svetta ad ovest della Cufercalhütte. Più a destra è il Gelbhorn (3036 m) a suscitare ammirazione: mai un toponimo è stato così azzeccato. La sua cima è come se fosse stata spolverata di Curry; un giallo ocra che risalta sul cielo azzurro e sul grigio della roccia sottostante. La meta che desidero raggiungere non è ancora visibile; punto all’ampia sella con la minima quota di circa 2770 m, alla sinistra del Piz Tuf. Superati i pascoli, intercalati da zone paludose, cominciano i detriti di falda. A 2700 m mi ritrovo su un sentierino, non segnalato né presente a quote inferiori. Le pietre, in parte cariate, segnalano la presenza di cristalli di quarzo e pirite. Mi sembra la stessa paragenesi dell’anatasio. Smuovo e rivolto diversi sassi alla ricerca di questo minerale, ma senza successo. In breve, raggiungo la sella che dà accesso alla Carnusatal. Da qui sono ben visibili sia il Bruschghorn che la cima senza nome quotata 3044 m. Il rumore di qualche pietra smossa mi permette di scorgere una femmina di stambecco, seguita dal capretto, nato verosimilmente in giugno. Mi ricordano lo slogan del Parco naturale del Beverin: “Dove lo stambecco è di casa”. Il Piz Beverin, a poco più di tre chilometri di distanza, oggi è particolarmente seducente.

                    Sella a quota 2770 m lungo la salita al Bruschghorn

Percorro per circa 400 m la cresta in direzione SSW, quindi mi porto sul lato destro del crinale su nevai coperti da una spolverata di neve fresca, caduta ieri. Giunto ad una seconda sella, a circa 2950 m, mi rimane l’ultima tratta, su sfasciumi di roccia di color grigio scuro, che risalgo di gran lena in una dozzina di minuti. Alle 11:34 posso affermare: Bruschghorn geschafft!

Avvio l’abituale procedura di vetta: carrellata fotografica a 360 gradi, saluti sul libro di vetta, sms, reintegrazione di liquidi, contemplazione silenziosa e intensa di questo ennesimo tremila raggiunto, l’ottavo dell’anno.

Pochi minuti dopo arriva una coppia di giovani che vive in una di queste valli. Mi complimento per la conquista e chiedo loro di spiegarmi il significato del toponimo Bruschghorn. Dopo un attimo di tentennamenti, mi danno una risposta sfuggente: “deriva dal nome di un’alpe ubicata sul versante della Safiental”; grazia fich!

 

Dopo una sosta di una mezz’oretta, riprendo il cammino, seguendo più o meno lo stesso percorso della salita. All’Alpe Curtginatsch (2272 m) cerco un sentiero che scenda direttamente a Wergenstein. Dopo essermi impantanato presso il porcile dell’alpeggio, fra acqua, siero e liquami di indubbia provenienza, mi vedo costretto a cambiare idea e a ritornare sui miei passi. Riprendo la sterrata in salita verso Tguma. Al parcheggio dovrei aspettare per ben due ore il pullmino! Troppo per me: decido di affrontare gli oltre nove chilometri di discesa a piedi…

Fervono i lavori di fienagione. Ne approfitto per tagliare furtivamente qualche tornante, trasgredendo il divieto di entrare nei prati. Dopo oltre un’ora di discesa al galoppo, poco sopra Dumagns, un automobilista, mosso da compassione, mi offre un passaggio fino a Wergenstein, dove ho lasciato l’auto: un autentico angelo custode!

 

Una gita in Val Schons non può concludersi senza la visita alla Chiesa di San Martino a Zillis, conosciuta da tutti gli amanti dell’arte per il soffitto romanico affrescato, con una superficie di 17 m per 9, che le ha garantito l’appellativo di Sistina delle Alpi”. Quest’opera, unica nel suo genere e conservatasi sino ad oggi, fu realizzata tra il 1109 e il 1114. Secondo lo storico Erwin Paeschal il maestro che operò a Zillis fu un certo Lopicino, di cui si registra la morte nella chiesa di Coira. Gli studiosi distinguono comunque la mano di almeno tre artisti diversi.

153 tavolette di legno quadrate di 90 cm circa di lato costituiscono il soffitto. Le file più esterne rappresentano favolosi esseri bizzarri che simboleggiano il male, e scene tratte dalla storia di Giona. Più lontano ci sono gli angeli che impersonano i quattro venti e annunciano il giudizio universale. Le immagini più interne sono dedicate a momenti della vita di Cristo. L’ultima serie di dipinti narra episodi della vita di San Martino. Oltre alla chiesa, vale la pena fare una capatina anche alla mostra permanente, che si trova nella piazza della posta (ingresso dall’edificio postale), a soli 5 minuti a piedi. Con strumenti moderni, la mostra aiuta a capire il soffitto dipinto della chiesa e il mondo medioevale delle immagini.

 

Per la terza volta nel Parco naturale del Beverin, su un tremila tecnicamente facile, adatto a tutta la famiglia.

Le ottime condizioni meteorologiche mi hanno fatto apprezzare particolarmente la Muntogna da Schons, luogo ideale per gite di un giorno o per trekking di più giorni.

 

Tempo totale: 7:20 h

Salita: 2:45 h

Tempi parziali

Parcheggio Tguma (2340 m) – Curtginatsch (2272 m): 20 min

Curtginatsch (2272 m) – Bruschghorn (3056 m): 2:25 h

Bruschghorn (3056 m) – Curtginatsch (2272 m): 2:10 h

Curtginatsch (2272 m) – Dumagns (1827 m): 2:30 h

Dislivello in salita: 912 m

Sviluppo complessivo: 16,9 km

Difficoltà: T3

Coordinate Bruschghorn: 743'0255 / 166'140

Copertura della rete cellulare: buona

Libro di vetta: sì

Hike partners: siso


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window

T3
T3
19 Aug 12
BruschgHorn 3056mt - il tremila del ritorno · giorgio59m (Girovagando)
T3+
T3
12 Jul 15
Bruschghorn Kurztour · StefanP
T3+
27 Sep 14
Bruschghorn 3056m + Nebengipfel · 2Cool4You

Comments (6)


Post a comment

Pere Pro says: Chiesa
Sent 20 August 2014, 11h04
Bel testo !

Ciao siso

siso Pro says: RE:Chiesa
Sent 20 August 2014, 13h44
Grazie Pedro,
belle montagne del Parco naturale Beverin!
Ciao,
a presto.
siso

paoloski Pro says: Etimologia Bruschghorn
Sent 21 August 2014, 09h07
da "Wie der Berg zu seinem Namen kam" di Andrea Schorta ed. Terra Grischuna 1991.

Bruschg, Alp-, Bruschghorn (Safien):
Spätlat. bruscum 'Baumschwamm', knorriger Auswuchs an Bäumen, lebt in Romanischebünden als bruos-cha (Engadin) 'Ueberbleibse', Fütterruckstände in der Krippe', brustga (Surselva, Sutselva, Surmeir) auch 'Speiseresten nach einem Mahl'. Der sachlich Bezug aber ist beim Alpnamen nicht ersichtlich, vielleicht über einen Personenname vergleiche 'Bruschga' urkundlich1461 in Filisur.

Bella relazione su dei posti magnifici. Buone ascensioni ed escursioni, Paolo

siso Pro says: RE:Etimologia Bruschghorn
Sent 21 August 2014, 16h59
Ciao Paolo,
ti ringrazio tanto per l'informazione e per la fonte bibliografica. Sono molto interessato sia all'etimologia che ai toponimi; purtroppo è un campo molto difficile anche per gli specialisti: spesso pure loro fanno delle supposizioni. Se per noi è già difficile con i toponimi italiani, figuriamoci con quelli romanci o tedeschi...
Buone escursioni anche a te, a presto!
siso

paoloski Pro says: RE:Etimologia Bruschghorn
Sent 22 August 2014, 09h49
Ciao Siso,
anch'io sono molto interessato alla toponomastica ed all'etimologia delle Alpi.
Secondo me è più semplice risalire all'etimologia dei nomi romanci e tedeschi che a molti di quelli italiani: i cartografi svizzeri sono stati molto più accurati e non hanno stravolto i termini dialettali come hanno fatto invece quelli italiani ( un esempio per tutti i toponimi 'or', cioè orlo tradotti sempre come 'oro' ) e non hanno neppure avuto la disgrazia del fascismo che ha poi aggiunto perle di idiozia al tutto (Cuormaggiore per Courmayeur).
Comunque il libro di Andrea Schorta è una vera miniera di informazioni sulla toponomastica grigionese, cosiccome l'Urner Namebuch per quella urana.
Buone gite, Paolo

siso Pro says: RE:Etimologia Bruschghorn
Sent 22 August 2014, 14h22
Grazie mille per questa ulteriore dritta.
Cercherò di procurarmi le pubblicazioni che mi hai gentilmente segnalato.
Ciao,
siso.


Post a comment»