COVID-19: Current situation

Corno di Grevo (2827 m) per la via Ferrata Erminio Arosio


Published by Laura. , 29 July 2013, 10h48. Text and phots by the participants

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike:27 July 2013
Via ferrata grading: TD+
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 7:30
Height gain: 1350 m 4428 ft.
Height loss: 1300 m 4264 ft.
Route:Dal parcheggio seguire il sentiero n. 15 per il rifugio CAI di Lissone> dal rifugio sentiero n. 24 fino al bivio dove su una pietra è indicato il sentiero per la ferrata. Per la discesa seguire le indicazioni per il rifugio Città di Lissone, poi a ritroso il sentiero dell'andata.
Access to start point:Da Milano A4 Milano- Venezia >Cedegolo> Andrista, Fresine> Valle> Malga Lincino
Access to end point:idem
Accommodation:rifugio CAI citta di Lissone

laura: Oggi lunga trasferta in Val Camonica...ma ne valeva assolutamente la pena.
La ferrata Arosio è, come viene descritta, una ferrata lunga, impegnativa, esposta e non per tutti...ma decisamente bella e di grande soddisfazione.
La roccia è ottima e questo permette spesso una divertente arrampicata, ci sono un paio di passaggi su placche d'aderenza, che in arrampicata corrisponderebbero ad un IV grado, ma qui superabili con l'ausilio del cavo. Non ci sono catene moschettonabili, ma solo il cavo metallico, per cui non è possibile aggangiarsi per un riposino e per la progressione  si può contare solo sulle proprie forze e capacità tecniche.
Certo...stiamo parlando di una via ferrata e non di una via d'arrampicata, ma da ferrate come questa è meglio tenersi alla larga se non si è sufficientemente preparati e non si sa arrampicare ( non ci sono possibili vie d'uscita alternative, essendo un percorso di cresta).
La ferrata si sviluppa in un contesto di grande bellezza, di fronte al ghiacciaio dell'Adamello, per l'avvicinamento si impiegano circa due ore e per la discesa della normale altrettante.
Il canalino che si percorre scendendo ad oggi è ancora tutto innevato e data la pendenza sono consigliati i ramponi.
Che altro aggiungere se non che io, Gabry e Domenico ci siamo divertiti alla grande

domenico : la ferrata del Corno di Grevo, girava tra le cose da fare da parecchio tempo e oggi è arrivato il momento di tirar fuori il set da ferrata. Personalmente l'ho trovata molto impegnativa e faticosa: il lavoro  di braccia è continuo, l'esposizione costante e in alcuni punti bisogna adeguarsi alla roccia per poter passare (fessure e tetti aggettanti)...tanto per dirla tutta io mi ero dimenticato i guantini e  alla fine  le mani erano piene di di vesciche!!
Arrivati di  buon orario, all'attacco della ferrata, solo tre o quattro persone ci precedono, ma dopo una ventina di minuti, li raggiungiamo e, nonostante una resistenza serrata, al primo slargo, il nostro trio, capitanato da Laura, passa in testa; siamo a circa metà della ferrata e da qui il percorso diventa ancora più aereo e si sviluppa per lo più su spigoli e placche laterali. Finita la ferrata si saliamo tra roccette  fino a raggiungere la croce di vetta, poi ci rilassiamo e ci godiamo un pò di meritato riposo. Anche la via di discesa è molto bella e nel primo tratto è attrezzata con cavo metallico, poi, dopo un breve tratto su pietraia si scende lungo un canalone ripido, ( attualmente innevato, ramponi necessari) dopodichè su sentiero fino al rifugio e all'auto.
Al mattino la ferrata resta quasi tutta all'ombra, per cui molto gradevole in questo periodo di calura, forse un pò meno in autunno o ai primi freddi.
L' escursione che non si limita alla sola ferrata ma ha anche un discreto dislivello totale e chi volesse salire al Corno di Grevo può farlo, evitando imbraghi e moschettoni, per la via normale, in un ambiente solitario e di grande fascino.
Bellissima escursione, come sempre ottima compagnia... e con degno finale davanti ad una birra fresca e a tanti progetti futuri.

ttp://www.vieferrate.it/ferratagrevo.htm 


Hike partners: Laura.


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (9)


Post a comment

Barbacan says:
Sent 29 July 2013, 11h13
Bella questa ferrata, mi fa gola. Me la segno, si sa mai che capiti da quelle parti :)

Laura. says:
Sent 29 July 2013, 11h22
è davvero una gran bella ferrata!

Amedeo says:
Sent 29 July 2013, 11h37
...e avanti.....però non fate la Nord dell'Eiger senza di me !! Bravi.
Amedeo

Laura. says: RE:
Sent 29 July 2013, 12h28
non ti faremmo mai un torto del genere!!!

Amedeo says: RE:
Sent 29 July 2013, 12h32
fiuuuuuuuuuu........che sollievo!! meno male!!

Laura. says: RE:
Sent 29 July 2013, 18h00
Però, se intanto che aspetti, vuoi provare la ferratina in questione...ti assicuro che non è adatta nè a nonni, nè a bambini!!!

Amedeo says: RE:
Sent 29 July 2013, 18h05
Ma scherzi!! Devo fare ben altro, prima, un gradino alla volta, mica sono forte come voi due!...........la Nord dell'Eiger è una cosa a parte !!

cristina says:
Sent 30 July 2013, 14h52
So che è una ferrata tra le più impegnative, l'ambiente è superbo!

Complimenti! Ciao Cri

Laura. says: RE:
Sent 30 July 2013, 20h30
è tosta, sopratutto perchè non concede tregua, ma è veramente bella.
L'ambiente è davvero superbo e vista la lunghezza dei percorsi, poco frequentato (tranne il rifugio che è un via vai di escursionisti della domenica)


Post a comment»