COVID-19: Current situation

Cresta delle Marmere


Published by cristina , 12 December 2011, 16h04.

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike: 7 December 2011
Hiking grading: T3 - Difficult Mountain hike
Mountaineering grading: F
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Route:Verghere-Buco del Tedesco-Cresta delle Marmere-Buco del Gatto-Monte Spino-Rif. Pirlo allo Spino-P.so Spino-Loc. Gemelle-Verghere
Access to start point:Autostrada A4 uscita Brescia Est proseguire per Salò, entrare in Gardone Riviera e prendere la strada che sale a San Michele, si passa accanto al Vittoriale. Giunti al Ristorante Colomber svoltare a dx e prendere una strada sterrata fino alla località Verghere, qualche posteggio altrimenti anche prima si trovano dei posti dove poterla lasciare, mai trovate troppe auto...anzi! La strada si può percorrere con qualsiasi auto, fare attenzione alle buche.
Maps:Parco Alto Garda Bresciano Sud-Ovest

Yuppiiiiiiiiiii!!!!!!!!!! Oggi per noi milanesi inizia il lungo ponte di Sant’Ambrogio, all’ultimo minuto secondo il richiamo del Tentino vince sull’altra nostra meta. Le previsioni sono buone, non c’è neve ma per noi che non amiamo particolarmente le ciaspole e non sciamo questo è un punto a favore.
 
Niente sveglia antelucana perché ci fermiamo sul Garda per fare un giro sopra Gardone Riviera. Bellissima cresta, non difficile ma con alcuni punti esposti.
 
Si parte dalla Località Verghera.  Il sentiero nel bosco è un po’ malmesso, bisogna tenere gli occhi ben aperti per reperire i bolli e non finire in una delle numerose tracce. Una volta fuori dal bosco una ripida salita su terreno prativo porta ad un primo bivio dove si va a dx, al successivo si prende a sx e si raggiunge il Buco del Tedesco, dove parte la cresta. Non è lunga e nemmeno difficile, si usano le mani in pochi punti per il resto si cammina. Da tener presente però che presenta dei brevi tratti esposti. La cresta termina al Buco del Gatto dove si ricomincia a salire per il Monte Spino. A circa 150 m dalla cima si può deviare per un sentiero a mezza costa che evitando la cima porta direttamente al Rifugio Pirlo allo Spino. Anche se ci siamo stati un milione di volte ci saliamo lo stesso per la milionesima e una volta! Veloce discesa per via del vento gelido e sosta panino al Rifugio Pirlo. Il sentiero di rientro a Verghera parte sia dal rifugio e passa sotto la panoramica e breve ferrata dello Spigolo Bandiera oppure come abbiamo fatto noi da Passo Spino, in ogni caso si ricongiungono poco sotto in località Gemelle.

Dati GPS:
Dislivello salita 1307
Km 9,487
 

Hike partners: cristina, Marco27


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (6)


Post a comment

heliS says: No neve
Sent 12 December 2011, 18h12
quest'anno vorrei fare la danza della "no neve" ... e continuare con itinerari splendidi come questo :)
A presto!
S.

cristina says: RE:No neve
Sent 13 December 2011, 09h03
Ok organizziamo

Una danza per far nevicare solo oltre i 3000 metri...magari!

Laura. says: neve
Sent 13 December 2011, 09h18
io quest'anno sto rivalutando il discorso neve...ma anche se non nevica fa lo stesso!!!

Sky says: RE:neve
Sent 13 December 2011, 11h05
Eh, no ! Non fa lo stesso se non nevica..!!
A prescindere dal nostro interessamento escursionistico-alpinistico (in ambiente innevato la progressione diventa molto più difficile e faticosa..) e dal fatto che con la neve le montagne sono tutte più belle.. un inverno povero di neve contribuisce alla regressione dei ghiacciai.. e questa è una perdita di un patrimonio dell'umanità ! Sfortunatamente questo processo è però già in fase avanzata.. senza possibilità di ritorno !
Ciao, Luca

Laura. says: RE:neve
Sent 13 December 2011, 11h12
sorry...
il mio discorso era legato solo ad un discorso escursionistico e al fatto che in un caso o nell'altro io vado sempre.
Se spostiamo l'argomento sul ritiro del ritiro dei ghiacciai è ovvio che il discprso diventa molto più serio e preoccupante...
ciao

cristina says: RE:neve
Sent 13 December 2011, 11h26
Non bastano le nevicate invernali se poi ti fa un'estate da 40° e oltre, inevitabilmente va tutto perso, purtroppo quello che sta succedendo ai ghiacciai sembra un processo irreversibile, il clima fa la sua parte ma sicuramente l'uomo fa di tutto per non migliorare la situazione!

Ciao. Cri


Post a comment»