COVID-19: Current situation

Via Alta della Verzasca - prima tappa - toccando il Precastello


Published by Michea82 Pro , 23 July 2020, 00h47.

Region: World » Switzerland » Tessin » Locarnese
Date of the hike:26 June 2020
Hiking grading: T6 - Difficult High-level Alpine hike
Mountaineering grading: PD
Climbing grading: II (UIAA Grading System)
Waypoints:
Geo-Tags: CH-TI   Gruppo Poncione Rosso   Gruppo Cima dell'Uomo   Gruppo Cima di Gagnone 
Time: 2 days
Access to start point:I Monti della Gana si raggiungono salendo da Cugnasco (piano di Magadino). Bisogna acquistare un ticket oppure lasciare la macchina prima della barriera e percorrere a piedi l'ultimo pezzo (circa mezz'ora)
Access to end point:Lavertezzo é in Val Verzasca e si raggiunge da Tenero seguendo le indicazioni per Sonogno.
Accommodation: Capanna Borgna  Capanna Cornavosa Rifugio Alpe Fumègna
Maps:Swisstopo 1313

Della Via Alta della Verzasca ho visto soltanto la prima e la terza tappa. Ma mi sono bastate per capire che é un itinerario di rara bellezza. Quella che vado a descrivere pare essere anche la più difficile. In effetti è stata molto impegnativa, soprattutto avendo con me mio figlio di 12 anni, per il quale abbiamo deciso di assicurarci nella maggior parte dei tratti esposti, che sono frequenti dopo il Poncione di Piotta. 

Link del video della gita: https://drive.google.com/file/d/1KMnqC5_Qk9B9QTcFrv_9WkzFY7Fklrly/view?usp=drivesdk

Alle 06 del mattino il Vogorno e il Madone davanti a noi. Dietro di loro la Via Alta per me è ancora pura immaginazione



Descrizione: 

Partenza dai Monti della Gana il 26 giugno dopo le 21.00 a causa di un temporale che ci ritarda. La Borgna è off-limits. L'idea è di raggiungerla e mettersi con i sacchi a pelo nella sala. Ma nei pressi delll'Alpe di Sassello, è ormai notte, ci fermiamo per dormire sotto una tettoia. 
Sveglia alle 04.30. Raggiungiamo la Borgna, breve pausa, il tempo è incerto, controlliamo più volte meteoswiss e notiamo che in giornata si dovrebbero sviluppare temporali a macchia di leopardo oltre alla linea di Sonogno  lasciando fuori la nostra zona. Proseguiamo titubanti, perché sappiamo bene che un temporale sulla cresta sarebbe pericoloso, rendendo le rocce scivolose e attirando i fulmini
Oltrepassiamo la Bocchetta di Cazzane, e affrontiamo il lungo traverso che ci conduce alla Bocchetta di Leis. Qui eidangram inizia a rallentare l'andatura, avendo un corpo improvvisamente grande ma i muscoli non ancora sviluppati fa fatica. D'altronde a 12 anni non è per nulla evidente affrontare una gita di questo tipo. 
In poco tempo e senza difficoltà raggiungiamo la cima. Che sarà anche l'unica. Sono le 11.20. Mi sembra di avere tutto il tempo del mondo, ma igor é irrequieto. Sa che usando il materiale e con Eidan che progredisce lentamente la tappa si sarebbe fatta molto lunga e il rischio di prendere il temporale maggiore. 
Dopo le 17 raggiungiamo il Poncione dei Laghetti e il Venn. Ma visto l'orario e la stanchezza di Eidan evitiamo di toccare le cime. In ogni caso la nebbia ci avrebbe ostacolato la vista. 

Subito dopo la cima del Poncione di Piotta: ci troviamo una lunga cresta aerea da percorrere con molta prudenza. Nella foto un passaggio sotto-cresta attrezzato con catena.



 I passaggi non sono mai superiori al grado 2, tranne in alcuni casi dove però sono attrezzati con catene o scalini. Lungo la cresta dobbiamo aggirare da destra la Cima della Cengia delle Pecore. Il percorso è segnato bene in bianco blu. Ma con la nebbia che spesso ci avvolge (presente una cumulogenesi importante ) una guida alpina davanti a noi si è persa ed è tornata per consultarsi su come proseguire (si é confuso nei pressi della Cengia delle Pecore perché la traccia si staccava troppo dalla cresta e aveva l'impressione di scendere troppo a valle).
Alle 17.30 ci troviamo davanti al Poncione dei Laghetti. Nell'ultimo tratto di cresta in discesa verso la Sella (2367m) ci caliamo, ma ho dovuto recuperare la corda tornando presso il punto di ancoraggio perché bloccata. Così io sono ridisceso senza sicurezze. Il passaggio in realtà è semplice, soltanto esposto sui 2 lati. 
Da qui risaliamo per sbaglio il Poncione dei Laghetti, ma ce ne accorgiamo quasi subito e ritorniamo per prendere il sentiero, un lungo e insidioso traverso per la Bocchetta del Venn. Siamo stanchi perché sono passate ormai più di 12 ore. 
La discesa verso la Capanna Cornavosa è semplice, ma dopo una giornata di grande concentrazione ci appare interminabile. 
Abbiamo riservato in Fumegna, ma alle 20.45 imboccare un ulteriore sentiero bianco blu con guadagni e perdite di quota è troppo per Eidan. Chiediamo ospitalità e ci prepariamo un pasto.

Uno dei punti più belli della tappa: siamo di fronte alla Cima della Cengia delle Pecore



L'idea originale era di proseguire dalla Fumegna fino alla Efra. Ma decidiamo di lasciare la Via Alta altrimenti Eidan non sarebbe più venuto in montagna. Lo lasciamo dormire e riposare al mattino, mentre io e Igor ci avventuriamo sulla Cima di Precastello. 
Risaliamo di buon mattino la grande placconata S-SW. Qui ci assicuriamo, mentre, lungo il traverso che ci porta sul fianco W, ci attacchiamo ai cavi di metallo con le fettucce. Risaliamo il ripido fianco erboso con facilità ma sempre con prudenza. Siamo sulla cresta principale. Vari passaggi esposti non difficili ci rallentano. Vedendo la cima ancora lontana, sebbene pochi metri più in alto, decido di tornare in capanna. Eidan è da solo e la discesa fino a Lavertezzo so che è lunga. 
Mangiamo in capanna, non c'è nessuno nel primo pomeriggio. 
Quindi con calma scendiamo a Lavertezzo su facile sentiero T3. Lavertezzo è molto lontano dal crinale spartiacque da cui giungiamo. Pertanto arriviamo solo in serata. 

La grande placconata della Cima di Precastello vista da sotto



Non sono riuscito a tracciare con il gps, si é scaricato, e non ho una stima attendibile del dislivello e dello sviluppo. Direi che questa prima tratta, percorsa da noi tornando a Lavertezzo, sia di circa 30 km e con un dislivello maggiore ai 2000m soprattutto in discesa. I saliscendi sono molto diffusi. 
L'app swissmap nella funzione "mostrare sentieri escursionistici" rileva la traccia della prima tappa in blu. Con essa ci si può facilmente orientare senza scaricare tracce gps. 

Questa tappa viene svolta in 8 ore circa. Ma noi siamo andati molto cauti e lenti. Pertanto i nostri tempi non sono da considerare. 

Gita di grande soddisfazione. 

Hike partners: igor, Michea82, Eidan


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window

T6 III
25 Jul 18
VAV+ · tricky
T6- II
T5
22 Oct 10
Poncione di Piotta (2439 m) · tapio
T4- F I
5 Jul 13
Poncione del Vènn (2477m) · Jules
T6 III

Comments (6)


Post a comment

Menek says:
Sent 23 July 2020, 17h27
per questo bel giro siete riusciti a stanare il buon Igor!
Menek

Michea82 Pro says: RE:
Sent 23 July 2020, 20h14
La bestia non ha bisogno di noi, sta scorazzando indomata per cime selvagge tra Lavizzara e Bavona

GIBI says:
Sent 24 July 2020, 05h55
Gran bella avventura soprattutto per Eidan ... se la ricorderà per tutta la vita !
Complimenti al formidabile trio e saluti al buon Igor !

Ciao Giorgio

Michea82 Pro says: RE:
Sent 24 July 2020, 08h21
Grazie Giorgio. Eidan si è portato a casa tante belle cose. Per quest'anno credo che sia abbastanza per lui (si è fatto anche un 3000 adesso devo portarlo al mare se no non viene più)

gbal says:
Sent 25 July 2020, 19h07
Beh i complimenti sono proprio meritati ragazzi!

Michea82 Pro says: RE:
Sent 26 July 2020, 01h31
grazie!


Post a comment»