COVID-19: Current situation

Traversata Piramide Vincent - Corno Nero - Ludwigshohe - Balmenhorn - Lyskamm orientale - Lyskamm oc


Published by Marco_92 , 23 August 2019, 13h43. Text and phots by the participants

Region: World » Italy » Val d'Aosta
Date of the hike: 4 August 2018
Hiking grading: T3+ - Difficult Mountain hike
Mountaineering grading: AD
Climbing grading: III (UIAA Grading System)
Waypoints:
Geo-Tags: I   CH-VS 
Time: 2 days
Height gain: 1600 m 5248 ft.
Height loss: 2000 m 6560 ft.

Fino ad ora sicuramente la più bella e tosta scalata della mia "carriera". Un ambiente senza paragoni che fa davvero battere il cuore.

Avviso subito che la traccia caricata ha delle imperfezioni grafiche perchè non è facile avere una risoluzione geografica tale da riuscire a tracciare una cresta affilata quanto quella dei Lyskamm.

Non mi dilago molto a descrivere l'itinerario in quanto descritto ampiamente in centinaia di relazioni molto più autorevoli della mia, ma darò solo alcune note.

1) Tutte le cime che attraverseremo vengono spesse salite in un'unica scalata o al massimo concatenandone alcune. Salirle tutte in un'unica 2 giorni richiede un ottimo allenamento fisico.

2) La salita alla Piramide Vincent e alla Ludwingshohe sono davvero tecnicamente semplici. Il "Corno Nero", invece, prevede di salire la paretina Nord che è discretamente ripida (50°) e successivamente delle roccette e può essere infida a stagione inoltrata a causa di possibile ghiaccio. La discesa è descritta anche in corda doppia (personalmente lo ritengo eccessivo) o anche ridiscendendo faccia a monte.

3) Dormire al bivacco Giordano è un'esperienza straordinario che permette anche di risparmiare per il giorno successivo circa 500 metri di salita. La controindicazione è il possibile sovraffollamento: nel nostro caso eravamo 15 con 7 posti letto (notte insonne sdraiati per terra). Il bivacco è dotato anche di attrezzatura per cucinare.

4) La traversata dei Lyskamm (vero percorso clue della relazione) prevede sia ghiaccio che tratti di misto e roccia (max III). In realtà più che tecnicamente difficile è mentalmente molto impegnativa: non ci sono mai passaggi difficoltosi, ma è l'esposizione a dare l'idea del rischio. Soprattutto il tratto di cresta in salita che porta al Lyskamm orientale è da palpitazioni. Più che avere conoscenze alpinistiche estreme è quindi più importante avere abitudine al vuoto e sangue freddo.

Superati i Lyskamm si discende tranquillamente al Quintino Sella e da qui, su stupendo sentiero, al colle di Bettaforca dove si prendono gli impianti per rientrare a Stafal.

Tutte le cime percorse sono di una notevole bellezza. La traversata dei Lyskamm è però qualcosa di indescrivibile...veder sorgere l'alba arroccati su una cresta affilatissima è stata l'esperienza più bella della mia vita.
Consigliata a tutti dopo qualche annetto di gavetta alpinistica

Marco e Francesco

Hike partners: francesc92, Marco_92


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window

T4- AD+ III
21 Aug 10
Monte Rosa Tour 15x4000 · Wojtek
AD III
29 Aug 08
Monte Rosa 13 x 4000 · Schlumpf
PD+ II
T4 AD III
AD- III

Comments (1)


Post a comment

Daniele66 says:
Sent 25 August 2019, 10h51
Molto bello e spettacolare Complimenti....Daniele66


Post a comment»