Monte Gleno 2882 m


Published by cristina , 7 August 2019, 12h22. Text and phots by the participants

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike: 4 August 2019
Hiking grading: T3+ - Difficult Mountain hike
Mountaineering grading: F
Climbing grading: I (UIAA Grading System)
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Access to start point:Milano-Bergamo uscita Bergamo. Seguire per Clusone/P.so della Presolana. Superato il P.so continuare per Schilpario fino alla deviazione per Vilminore. Seguire le indicazioni per Pianezza. Al tornante di svolta andare diritti fino ai carabinieri. Svoltare a sx, posteggi.

A Vilminore di Scalve abbiamo la fortuna di trovare un bar aperto con una ragazza piuttosto esperta della zona che ci indica alla perfezione il sentiero che si innesta in quello per la diga del Gleno che parte da Pianezza. 

Posteggiamo l’auto nei pressi dei carabinieri. Proseguiamo lungo la strada fino alla Cappella dei Donatori dove svoltiamo a sx. Raggiungiamo delle case dove troviamo l’indicazione e i bolli per il Pizzo Tornello. Seguiamo i bolli fino ad un incrocio dove teniamo la sx, Seguiamo sempre la sterrata principale che compie una ripida salita. Più avanti perde anche un po’ di quota. Andiamo quindi a incrociare il sentiero per la diga del Gleno poco sopra Pianezza.

Proseguiamo quindi per la diga e oltre, in direzione del P.so di Belviso. Passiamo un primo bivio che indica il P.so a 50 minuti e al successivo, 30 minuti svoltiamo a sx, per il P.so di Bondione. Il cartello non c’è ma il sentiero è bollato. Quando il sentiero prende a scendere lo abbandoniamo e cominciamo a salire in diagonale andando a prendere la traccia per il Monte Gleno. Proseguendo sul sentiero bollato si dovrebbe trovare un’indicazione su un sasso, noi ne abbiamo trovata una sbiadita più in alto. La traccia ci porta alle prime rocce. Da qui seguiamo bolli e ometti. La traccia non sempre è visibile ma la bollatura è buona. Purtroppo oggi non saremo altrettanto fortunati. La Valle del Gleno si riempie velocemente di nebbia. La salita, più semplice del Pizzo Coca, è comunque sempre su terreno instabile e non dà un attimo di tregua se non in un breve traverso poco sotto la cresta. Raggiunta la cresta, il lato Val Seriana è limpido e siamo a cavallo tra nebbia e sole. Poco sotto la cima incontriamo un gruppetto salito dal rifugio Curò che ci chiede info per la discesa nella Valle del Gleno. Scambiate le info raggiungiamo la cima dove riusciamo a fare una bella sosta al sole.

Abbandonata la cima notiamo che il gruppetto è ancora nei pressi della cresta, sono andati oltre la deviazione. Vedendoci scendere, ci aspettano. Ci riuniamo sulla cresta dove notiamo che, con la nebbia, non è facile vedere la traccia nelle ghiaie, soprattutto se non si è mai fatta. Scendiamo quindi insieme fino ai pratoni dove noi svoltiamo a sx per il P.so di Belviso. Rimaniamo alti, poco sotto le rocce e rintracciamo un vecchio sentiero. Ci sono dei bolli bianchi e s'intravvede una traccia. Riusciamo quindi a raggiungere il P.so di Belviso risparmiandoci un po’ di dislivello e tempo.

Giunti al P.so svoltiamo a dx e proseguiamo per il rifugio Tagliaferri dove faremo sosta pranzo.

Lasciato il rifugio affrontiamo la lunghissima discesa della Valle del Vò….bellissima valle ma discesa eterna!

Giunti in località Ronco, naturalmente l’ultimo bus è passato da tempo, per cui ci armiamo di pazienza e affrontiamo i 2,5/3 km di asfalto che ci riporteranno a Vilminore.

Week end bellissimo, in tutti i sensi e con rientro senza traffico…tutto perfetto!


Hike partners: cristina, Marco27


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (13)


Post a comment

Sent 7 August 2019, 15h16
Vai di week sereno in montagna... :-)

Salutoni...

Angelo

cristina says: RE:
Sent 7 August 2019, 15h48
Sereno in tanti modi.... :-)

danicomo says:
Sent 7 August 2019, 15h31
Orpo....
a saperlo..
nel cannoncino del Rifugio Tagliaferri c'era da recuperare la data di fusione !!

PS: scherzo... dai!!!

cristina says: RE:
Sent 7 August 2019, 15h47
:-P

Camoscio says:
Sent 7 August 2019, 22h22
Meno male che avete avuto un po' di nebbia e il terreno instabile, così tanto per rompere la monotonia! :D

cristina says: RE:
Sent 8 August 2019, 12h37
La zona è molto interessante anche a livello storico...la diga del Gleno è stata una sorta di Vajont lombardo...

Camoscio says: RE:
Sent 8 August 2019, 14h35
Sì, mi sono espresso male! Comunque era una battuta...

cristina says: RE:
Sent 8 August 2019, 15h51
Avevo capito :-) volevo darti qualche info in più sulla zona...

Camoscio says: RE:
Sent 8 August 2019, 15h58
Grazie, è sempre un piacere ricevere informazioni supplementari! eheh

andrea62 says:
Sent 8 August 2019, 08h02
Avevo scoperto da poco, sulla carta, la salita al Gleno dal lago di Gleno. Naturalmente siete arrivati prima:D
Ciao

cristina says: RE:
Sent 8 August 2019, 12h38
Ora hai anche la traccia :-))))

GIBI says:
Sent 9 August 2019, 12h48
Concordo in pieno sul fatto che dopo un po di tempo ve lo meritavate tutto un week-end così ... di sicuro poi però siete anche bravi voi a cucirvelo su misura !

ciao Giorgio

cristina says: RE:
Sent 9 August 2019, 12h50
Grazie Giorgio...ci voleva proprio...


Post a comment»