Una gita al Rifugio Pontese - Valle Orco


Published by rochi , 21 July 2019, 22h20.

Region: World » Italy » Piemonte
Date of the hike:21 July 2019
Hiking grading: T2 - Mountain hike
Waypoints:
Time: 4:00
Height gain: 300 m 984 ft.
Height loss: 300 m 984 ft.
Access to start point:All'uscita dell'autostrada di Ivrea, proseguire per Valle Orco\Ceresole Reale. Dopo Locana, sulla destra parte la strada per il Lago Teleccio (pannello Rif. Pontese) che in dieci km molto ripidi e stretti portano alla base della diga dove si può comodamente e liberamente parcheggiare. Un segnale di divieto non preclude la possibilità di transito sulla strada.

Obiettivi della gita odierna:
- vedere un posto nuovo, possibilmente bellissimo;
- fare una passeggiata rilassante, adatta anche ai gusti di mia moglie,
- gustare una abbandonte mangiata al rifugio, possibilmente ben annaffiata.
Sbucati sulla diga del lago Teleccio, dopo aver comodamente parcheggiato poco sotto la stessa, appare subito evidente che il primo obiettivo è ampiamente raggiunto: ai nostri occhi il lago azzurrissimo sovrastato da pendii molti verdi sopra i quali si ergono importanti cime, anticamere del Gran Paradiso. Siamo infatti qui in Valle Orco, nel pieno del parco nazionale e a dominare la valle è la Gran Becca Meridionale della Tribolazione che in qualche modo ci ricorda il Monviso come lo avevamo visto qualche anno fa da Pian della Regina.
Camminiamo in pianura costeggiando il lago con irrilevanti saliscendi ma al momento di attaccare il pendio che sale al Rifugio appollaiato su un costone trecento metri più in alto, che il secondo obiettivo non sarà centrato mi è tristemente chiaro. Le pendenze sono da ginocchia in gola, il tracciato è costellato di fastidiosi sassi, molti tratti sono bagnati e insidiosi tanto che sono poste catene in ben due tratti.
Il "comodo sentiero" descritto in molte relazioni è in realta una via che si infila in un canalone prima di sbucare sui prati antisatanti il Rifugio. Seppur non lungo e senza pericoli oggettivi, mi sento di rivedere la defizione "comodo", soprattutto per persone con scarsa attitudine a questo tipo di terreno.
Finalmente arrivati al Rifugio, in compagnia di un buon caffè, ci godiamo per un po' lo splendido panorama, sia al sottostante lago, sia agli alpeggi alti sovrastati dalle succitate cime.
Il pranzo viene servito alle 13.00 ci avvisano, ma aspettare in questo contesto non è un problema. Intanto il luogo si affolla (oggi era prevista peraltro una Ultra Trail) e pure qualche nuvola sale da valle contribuendo al fascino dell'ambiente con i suoi vedo\non vedo.
Anche le aspettative del pranzo saranno almeno parzialmente deluse: menu fisso alla cieca, porzioni ridotte, qualità così così, simpatia mezzo e mezzo. So bene di trovarmi in un rifugio alpino e non in un ristorante gourmet, tuttavia in luoghi ben più angusti di questo sono stato molto meglio.
Comincia ora la discesa che affrontiamo per la stessa via con estrema cautela causa ginocchia ballerine di mia moglie, comunque passo dopo passo torniamo al lago e di lì velocemente all'autobile con i piedi stanchi, lo stomaco perplesso e gli occhi pieni di bellezza.
Per chi voglia effettuare un giro ad anello, dal rifugio è possibile risalire sino ad un ponte, attraversarlo e discendere  dall'altre parte del lago. Questo percorso richiede un'ora e mezza, vale a dire il doppio del tempo della via "normale". La maggior lunghezza, ci ha detto la rifugista, non riduce la ripidità del percorso.
I tempi da me indicati sono relativi alla sola marcia molto molto lenta con qualche pausa.
Sviluppo: 5 km circa; SE: 8 km circa. (A\R)

Hike partners: rochi


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window

T3+ AD III
13 Jul 19
Torre del Gran San Pietro · Alpingio
T2
T2
T6 PD II
5 Aug 21
Punta d'Ondezana 3492 m · antonios59

Comments (10)


Post a comment

cristina says:
Sent 22 July 2019, 12h10
Peccato per la simpatia perchè è quella che fa il rifugio, ma anche noi avevamo avuto questa impressione tempo fa...

rochi says: RE:
Sent 22 July 2019, 13h10
Ciao Cristina,
Non è che siamo stati trattati male, anzi un ragazzo si è anche dimostrato molto carino.
Per il resto, come posso dire, un po' poco coinvolti.
R.

Alpingio says: RE:
Sent 23 July 2019, 20h13
Si anche io settimana scorsa ho avuto quell'impressione, dipende con chi parlavi: abbiamo chiesto della pasta ad una rifugista e mi ha risposto che avevano solo polenta e carne, dopo ne abbiamo beccata un'altra e per conferma l'abbiamo chiesto anche a e lei e di fatti ci ha detto che pasta c'era!!!!! Mah... sarà che erano pieni...

numbers says:
Sent 22 July 2019, 12h19
Non li conosco, ma sembrano bei post cmq,
anche se non ti hanno del tutto soddisfatto.
Soprattutto tua moglie, mi sa che nn era contenta del sentiero...


Mario
P.s. Ti sei abituato troppo bene su dall'Elisa :):):)


rochi says: RE:
Sent 22 July 2019, 13h24
Ciao Mario,
L'ambiente è straordinario, sia ben inteso.
Il resto è forse colpa mia, a causa di una programmazione non del tutto attenta. Infatti mia moglie era un tantino "indispettita".
L'Elisa resta la top rifugista a livello mondiale!
Ciao!
R.

Menek says:
Sent 22 July 2019, 16h17
spesso in un rifugio prediligo la simpatia e la disponibilità, se trovo poca empatia mi passa la voglia di ripassarci... ma questo è un mio pensiero.

rochi says: RE:
Sent 22 July 2019, 16h27
Con il quale mi trovi pienamente d'accordo!
Ciao.
R.

andrea62 says:
Sent 22 July 2019, 17h02
Anni fa ho letto testuali parole "sentiero facile e comodo" anche per quello di accesso al rifugio Dalmazzi nel gruppo del Bianco.
Ciao

rochi says: RE:
Sent 22 July 2019, 17h09
E quello mi sa che è ben più complesso, ho visto qualcosa.
Ciao!
R.

andrea62 says: RE:
Sent 22 July 2019, 17h16
Certe volte c'è un pò di faciloneria nel descrivere i sentieri, come nei casi che hai citato.
Ciao


Post a comment»