Short report 

Pizzo Stella / Martschenspitz


Published by paoloski Pro , 13 June 2019, 17h53.

Region: World » Switzerland » Tessin » Locarnese
Date of the hike:28 March 2004
Ski grading: D+
Waypoints:
Geo-Tags: CH-TI   I   Gruppo Pizzo Quadro 
Time: 6:00
Height gain: 1185 m 3887 ft.
Height loss: 1185 m 3887 ft.
Access to start point:Gaggiolo, autostrada A2 fino a Bellinzona Sud, poi seguire le indicazioni per Locarno e quindi quelle per la Valle Maggia che si risale fino a Cevio da qui seguire le indicazioni per Bosco Gurin.
Access to end point:Gita andata - ritorno.
Accommodation:A Bosco Gurin ci sono un paio di alberghi ed un ostello. Poco distante dal percorso di salita, e raggiungibile con gli impianti di risalita, si trova la Capanna Utoe Grossalp.
Maps:CNS 1291 Bosco Gurin

Oggi siamo in otto, la destinazione è il Pizzo Stella una cima con un pendio finale decisamente ripido, l'esposizione a Sud ed a Est però dovrebbe far si che i pendii siano ben assestati.
Alla partenza da Bosco Gurin l'innevamento è piuttosto scarso ma dopo un paio di centinaia di metri di dislivello diviene abbondante. Questi pendii iniziali sono poco ripidi per cui saliamo rilassati conversando fra noi.
Raggiungiamo la baita di quota 2010 metri e poi risaliamo un canalino poco inclinato fino al ripiano di Bort. Da qui il versante si fa vieppiù ripido. Durante la salita mi si sgancia lo sci che inizia a scendere, con una mossa incredibile Antonio, una ventina di metri sotto di me, riesce a bloccarlo con il suo bastoncino. Lo raggiungo derapando econ non poca fatica riesco a ricalzare lo sci, un'operazione che su un pendio ripido ed innevato con l'attacchino non è proprio banale.
Ripartiamo, stavolta ho messo i cinghietti di sicurezza: il pendio è stabile e la possibilità di essere travolto da una valanga è certamente inferiore rispetto a quella di perdere un'altra volta lo sci.
Dopo innumerevoli svolte, coltelli montati, arriviamo al deposito sci, ad una trentina di metri dalla vetta, mettiamo mano alla piccozza e saliamo per roccette alla vetta caratterizzata da un'antenna e da una croce in marmo nero lucido.
Il panorama è mozzafiato: oltre ai consueti 4000 vallesani ed a quelli dell'Oberland Bernese, a colpire è soprattutto il solco vallivo della Val Formazza ai nostri piedi.
Torniamo al deposito sci e ricalzateli partiamo con qualche timore: il pendio nel tratto iniziale supera i 40° di pendenza, più giù si raddolcisce e la tensione lascia il posto al piacere della sciata.
A Bort facciamo una sosta più prolungata per mangiare qualcosa e poi ripartiamo verso Bosco Gurin.

Cima non banale, i pendii finali sono decisamente ripidi e richiedono neve assolutamente assestata. Piccozza ed eventualmente ramponi per la salita in vetta possono essere necessari. Il panorama è fantastico. 

Hike partners: paoloski, fabiano


Gallery


Open in a new window · Open in this window

T3+
D+
PD I WT5
PD- AD
28 Mar 14
Pizzo Stella (2688 m) - SKT · tapio
T5 PD II