Rifugio Giuseppe e Bruno (1179 m) – EMTB


Published by siso Pro , 2 December 2018, 22h25.

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike:29 November 2018
Mountain-bike grading: PD - Moderate
Waypoints:
Geo-Tags: Gruppo Monte Generoso   I   CH-TI 
Time: 3:30
Height gain: 804 m 2637 ft.
Route:Meri (770 m) – Scudellate (910 m) – Cappella di Sant’Antonio (925 m) – Erbonne (955 m) – Pian delle Alpi (970 m) – Cascina Ermogna (1095 m) – Cascina Carolza (1110 m) – Alpe Bressera Alta (1060 m) – Monticelli (980 m) – Rifugio Giuseppe e Bruno (1179 m).
Access to start point:Autostrada A2 - uscita Mendrisio – Castel San Pietro – Valle di Muggio – Muggio – Meri.
Accommodation:Rifugio Capanna Giuseppe e Bruno.
Maps:Carta escursionistica transfrontaliera Monte Generoso 1:25000; Carta turistico – escursionistica Basso Ceresio – Lario Comasco (Strade di pietra no. 1) – 1:30000; Kompass 91 “Lago di Como-Lago di Lugano - 1:50000.

Terza escursione in quattro giorni nella Valle d’Intelvi: confesso che questa valle mi ha preso molto. 

La capanna - ristorante Bruno finora l’ho visitata prevalentemente in inverno, sulla neve, sempre dalla Cascina La Bolla; oggi desidero raggiungerla in bici, via Piano delle Alpi.

 

Inizio dell’escursione: ore 8.50

Fine dell’escursione: ore 12.25

Pressione atmosferica, ore 9.00: 1027 hPa

Isoterma di 0°C alle 9.00: 2500 m

Temperatura alla partenza: 0.5°C

Temperatura al rientro: 8°C

Velocità media del vento: 0 km/h

Sorgere del sole: 7.42

Tramonto del sole: 16.41

 

Parcheggiata l’auto in località Meri (770 m), sotto Scudellate, mi avvio in bici alle 8:50, con una temperatura decisamente rigida: solo 0,5°C!

Sui tornanti dell’alta Valle di Muggio mi riscaldo comunque velocemente, tant’è vero, che al momento della rituale foto all’osteria di Scudellate, l’aria mi sembra addirittura mite.

Conosco come le mie tasche il sentierino che conduce ad Erbonne; l’ho percorso più volte e l’ho già descritto: non mi ci soffermo più quindi.

Erbonne (955 m) merita sempre una fermata. Dal 1. agosto 2018 fa parte del nuovo comune Centro Valle Intelvi, nato dalla fusione dei comuni di Casasco d'Intelvi, Castiglione d'Intelvi e di San Fedele Intelvi. 

Attualmente c’è una mostra fotografica all’aperto: sui muri delle case sono esposte delle gigantografie raffiguranti alcune città europee.

La Valle di Muggio e il paesino di Erbonne, nella preistoria e nella protostoria, costituivano il principale ingresso alla Valle Intelvi, l’unico ad avere uno sbocco in aperta pianura. I ritrovamenti archeologici di Erbonne sembrano confermare tale ipotesi. Dall’alta Valle Breggia si poteva confluire in Valle Intelvi attraverso la Bocca di Orimento o il Passo del Bonello e quindi scendere ad Argegno attraverso Schignano (ove si rinvenne una tomba gallica) e Sant’Anna, lungo un percorso ancor oggi diretto e semplice.

 

Ecco come descrisse Erbonne la scrittrice e filologa pelliese Maria Corti (Milano, 7.9.1915 – Milano, 22.2.2002):

“…Un paese montano da cui parte una sola strada automobilistica verso la Valle Intelvi, ma tanti sentieri che a volerli contare ci si perde. Vanno in cerca delle profondità della Val di Breggia, salgono verso l’alpe e il passo di Orimento, verso il Monte Generoso, che guarda giù dall’alto e si frappone fra Erbonne e il Lago di Lugano coi suoi tanti paesi rivieraschi. Anche quando è notte, si sente la presenza invisibile del Generoso… fuori c’è la bella aria pura dei mille metri e al crepuscolo l’ultima luce dell’Ovest e le tenebre dell’Est si scontrano sulle facciate delle cascine”.

 

Riprendo la pedalata imboccando “la sola strada automobilistica”. In venti minuti arrivo all’area picnic di Piano delle Alpi (970 m), poco prima del sorgere del sole. Da qui via vado alla scoperta del versante sud-orientale del Pizzo della Croce. Premetto che la segnaletica è “così così”! Sul segnavia appare la scritta “mulattiera per Ermogna – Carolza – Bolla”. L’inizio è decisamente non ciclabile. Il fondo del sentiero è ricoperto da numerose pietre di tutte le dimensioni, che rendono la pedalata praticamente impossibile. Morale della favola dovrò spingere il mezzo per 20 minuti, compresa un’erronea deviazione sulla destra, su terreno assai faticoso. Finalmente, verso le dieci sbuco nella radura presso la Cascina Ermogna (1117 m). Mi ritrovo ora sul sentiero no.1 della Via dei Monti Lariani, molto più facilmente percorribile anche con la mountain bike. Rimango affascinato dall’architettura della Cascina Carolza (1110 m): al primo piano c’è una loggia con cinque arcate a tutto sesto, a cui segue una grande apertura sui due piani che riprende l’altezza degli archi precedenti. Mi ricorda la tipologia delle fattorie lombarde, anche se qui manca il porticato. La mulattiera continua nel bosco con un incessante saliscendi, facilmente percorribile, fino alle prime case della parte alta di Casasco, in Via Fratelli Terragni, a 980 m di quota. Finalmente appare di nuovo il segnavia VML1: mi fa salire per 500 m lungo un pascolo fino a raggiungere la strada asfaltata per la Capanna Bruno, poco sopra il parcheggio di Cascina la Bolla.

Proseguo in salita passando dal Ristoro Alpino, adagiato su un dosso panoramico, sopra una pronunciata conca valliva nella quale si è formata una bolla. Al tornante successivo, pure molto panoramico, una manica del vento aiuta i parapendisti al decollo. Sono in località “3 crus”, a 1120 m di quota. Sul lato interno della curva sono infisse tre croci lignee.

Dopo 1 h e 45 min di pedalata, al termine della carrozzabile, pervengo al Rifugio Giuseppe e Bruno, chiamato anche Capanna Bruno (1179 m), del CAI Como.  

Venne inaugurato il 17 ottobre 1920 dal Gruppo Escursionistico Comasco che con la sua confluenza nel CAI nel 1933 portò la proprietà del rifugio.

Si può classificare come un rifugio – ristorante, che offre una buona varietà di piatti tipici della cucina prealpina lombarda: salumi e formaggi, sciatt, pizzoccheri, polenta, stinco.

Il cartello rosso “chiuso” mi fa rinunciare non solo ad un buon piatto, ma persino al caffè.

Oltre al cane sulla terrazza si aggirano numerosi gatti.

Decido di continuare per qualche centinaio di metri lungo il sentiero che sovrasta la conca di Cascina la Bolla, dove un tempo era in funzione uno skilift. Gli impianti di risalita per lo sci del Monte Crocione sono rimasti in funzione fino al 2005. Data la limitata altitudine e l’assenza di un impianto di innevamento artificiale, il loro funzionamento, entrato in esercizio nei primi anni Sessanta, era mediamente modesto ed in alcuni inverni addirittura nullo.
 

                                                   Cascina La Bolla

Da allora questi pendii sono frequentati dagli amanti dello sci escursionismo e dai racchettisti.

Torno in Valle di Muggio, seguendo più o meno lo stesso percorso dell’andata, in meno di un’ora e mezza di tranquilla discesa.

 

Pedalata alla scoperta del territorio, sul versante sud-orientale del Monte Crocione, nei comuni di Cerano d’Intelvi e Centro Valle Intelvi. Nel tratto di 4 km che non avevo ancora percorso, ho apprezzato molto la Cascina Carolza, purtroppo dismessa.

 

Tempo totale: 3 h 35 min

Tempo di salita: 1 h 45 min

Tempi parziali

Meri (770 m) Erbonne (955 m): 30 min

Erbonne (955 m) – Pian delle Alpi (970 m): 20 min

Pian delle Alpi (970 m) – Cascina Ermogna (1117 m): 25 min

Cascina Ermogna (1117 m) – Monticelli – Rifugio Giuseppe e Bruno (1179 m): 30 min

Rifugio Giuseppe e Bruno (1179 m) – Meri (770 m): 1 h 25 min

 

Dislivello in salita: 804 m

Quota massima: 1191 m

Quota minima: 770 m

Sviluppo complessivo: 24,2 km

Consumo batteria: 61%

Difficoltà: PD/D

Coordinate Rifugio Giuseppe e Bruno: 726′020 / 89′150

Copertura della rete cellulare: buona

Libro di capanna: no

Elisoccorso: 118

Hike partners: siso


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (4)


Post a comment

Francesco says:
Sent 3 December 2018, 17h01
Ciao Amis, sabato(10 giorni fa) giornata uggiosa,ho fatto mio solito giro per far gamba al Mendrisio monte Generoso con sosta agriturismo alpe la Grassa,all'interno c'era una compagnia di 15 persone che banchettavano, pensavo trovarti in zona.
Comunque ,l'oste e la sua signora si ricordano di te : quel sciür cu la macchina fotografica attagada al cò.

siso Pro says: RE:
Sent 3 December 2018, 17h37
Ciao Amis,
non immaginavo di essere così conosciuto: grandi Cristina e Pietro!
Attualmente ho il privilegio di poter scegliere la più bella giornata settimanale per le escursioni. A volte, per crisi di astinenza, mi mobilito anche con tempo uggioso: non è stato il caso per sabato 24 novembre.
Ciao Francesco,
grazie per l'attenzione!
siso.

gbal says:
Sent 3 December 2018, 17h32
Bravo siso. Bel giro e ben descritto, come sempre. Da questi racconti delle gite in MTB traspare un nuovo punto di osservazione degli stessi luoghi che hai/abbiamo raggiunto in altri modi.

siso Pro says: RE:
Sent 3 December 2018, 18h01
Certo Giulio; il fatto non esclude che si possano ancora raggiungere con i vecchi mezzi: a piedi, con le racchette da neve o con gli sci. In ogni caso, queste montagne sul confine tra Mendrisiotto, Luganese e Valle d'Intelvi non mi stancano (nel senso di stufare). Ogni volta mi regalano nuove scoperte e soddisfazioni; inoltre sono quasi a chilometro zero.
Ciao, buona continuazione, a presto!
siso.


Post a comment»