COVID-19: Current situation

Punta Marinelli


Published by cai56 , 25 October 2018, 18h14. Text and phots by the participants

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike:21 October 2018
Hiking grading: T3 - Difficult Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 7:00
Height gain: 2025 m 6642 ft.
Height loss: 2025 m 6642 ft.
Route:Parzialmente circolare 26,05 km
Access to start point:Da Milano a Sondrio lungo le statali 36 e 38; alla rotonda all'ingresso della città svoltare a sinistra in direzione Valmalenco. Risalire tutta la vallata fino alla Località Campomoro. E' utile parcheggiare direttamente alla base della diga (inizio del sentiero) scendendo lungo una sterrata che si imbocca presso la chiesetta.

Tutti sanno che non mi piace ripetere le escursioni a breve distanza di tempo e, anche in questo caso, la condizione è stata rispettata. Per cui: sulla Punta Marinelli ci ero già stato, ma nel frattempo molte cose sono cambiate. Avevo nove anni e ne sono passati cinquantatré; alle dighe i lavori stavano ancora terminando e la strada da Franscia non era accessibile al pubblico; si partiva a piedi parcheggiando nei pressi di enormi serbatoi per il cemento; anche in pieno agosto il traverso dopo la Bocchetta delle Forbici era innevato; il Laghetto di Musella non esisteva; i resti dell'elicottero erano riconoscibili come tali; un nevaio perenne terminava sul piazzale della "Capanna Marinelli" (allora si diceva così); i due Passi Marinelli erano distinguibili e anche qui non esistevano laghi; la Punta Marinelli era una roccetta al culmine di un comodo pendio nevoso e non sporgeva nemmeno troppo dal plateau della Vedretta di Fellaria Occidentale; gli Alpini erano ancora sepolti nel loro cimitero di pietre nel Vallone dello Scerscen. Era proprio ora di tornare.
Naturalmente in questi anni intermedi sono passato in zona decine di volte, ma senza salire alla Punta, e i cambiamenti graduali sono avvenuti praticamente sotto gli occhi; però...in questo caso lo sbalzo temporale ha mantenuto la sua interezza.


Dal parcheggio ai piedi della diga settentrionale di Campomoro parte - ben indicato - il ripido sentiero che, serpeggiando fra le cenge delle rocce basali del Sasso Moro, conduce ad aggirarne la cresta sud-occidentale; superata questa iniziale pendenza, entrati in un rado bosco di larici, si inizia il lunghissimo spostamento in saliscendi a mezzacosta verso il Rifugio Carate. Il cospicuo dislivello residuo viene superato con comode serpentine attraverso una serie di dossi morenici che, in questi ultimi anni, risultano erosi in più punti dal moltiplicarsi delle tracce di passaggio escursionistico e da tre canali di frana. Lasciata a destra la traccia (Alta Via della Valmalenco) per la Forcella di Fellaria, si oltrepassano il rifugio e - sulla sinistra - il sentiero per il Monte delle Forbici arrivando alla sempre panoramicamente incantevole Bocchetta delle Forbici. Il sentiero prosegue in lieve discesa fra le pietraie alle pendici delle Cime di Musella fino a svoltare nel vallone che scende con i suoi residui glaciali dalla Bocchetta di Caspoggio; passando fra un laghetto e i resti dell'elicottero, lo si attraversa avvicinandosi all'ultimo risalto verso il dosso roccioso che ospita il Rifugio Marinelli-Bombardieri e il suo ampio piazzale. Al margine nord-orientale della spianata prende avvio il sentiero per il Rifugio Marco e Rosa (e i Bivacchi Parravicini e Pansera): scavato nel terreno sassoso e sabbioso di una morena glaciale, sale ripido  - e successivamente più stabile - fino ad una zona di dossi rocciosi e grossi blocchi dove si presenta il bivio Bernina - Palù; qualche sbiadito segnale a sinistra verso il Rifugio Marco e Rosa, qualche essenziale ometto, poco visibile nella pietraia, a destra verso il Passo Marinelli Orientale. Oltrepassato un canalino detritico, senza scendere sulla riva dei laghi glaciali, ci si indirizza ad aggirare inizialmente la cupola rocciosa affacciata sulle morene della Vedretta di Caspoggio; poi se ne raggiunge il largo filo di cresta procedendo su comode e ruvide piode inclinate fino alle roccette di vetta della Punta Marinelli, con madonnina metallica ed un paio di lapidi. Per il ritorno, dopo essere tornati al Rifugio Marinelli per la stessa via, decidiamo di variare e tornare a Campomoro percorrendo tutto il Vallone di Scerscen: questa traccia non può certamente essere presa in considerazione come normale alternativa di accesso al rifugio per la lunghezza del percorso e per i lunghi tratti senza sentiero visibile, ma l'interesse paesaggistico, geologico e mineralogico non hanno paragoni. Dal belvedere a sinistra dell'ingresso dell'edificio si imbocca il sentierino che scendendo anche ripidamente attraversa lungo un sistema di cenge e vallette detritiche il margine occidentale dello sperone a nord del rifugio (Cresta del Rifugio - falesia) fino a raggiungere il circo terminale del Vallone di Scerscen sotto le cascate di fusione della Vedretta di Scerscen Superiore. Il percorso, sempre bollato con bandierine CAI e triangoli gialli dell'AVdV, attraversa tutta la testata del vallone guadando i numerosi torrenti glaciali su passerelle di legno (sono ancora visibili due dei ponti divelti dall'alluvione del 1987), seguendo il filo di due morene e arrivando infine alle rocce calcaree ai piedi della Vedretta di Scerscen Inferiore. Ignorate le deviazioni per l'ex-Rifugio Entova-Scerscen e per il vicino Cimitero degli Alpini, si inizia la percorrenza del fondovalle parallelamente al torrente: anche oltre il superamento del limite della morena frontale (Piccola Glaciazione ottocentesca), i pascoli sono cosparsi di pietrame e vegetazione periglaciale, fatto che, in associazione all'abbassamento della temperatura, portò all'abbandono della pur misera Alpe Scerscen, i cui resti sono visibili sotto un riparo roccioso a lato del passaggio. Proseguendo nella lunga discesa, si oltrepassano le vecchie miniere di amianto (la più recente abbandonata a fine anni '950) e una anonima deviazione a destra per la piana di Campascio, raggiungendo con breve salita l'Alpe Musella e sui rifugi privati (Mitta e Musella); si attraversa il vasto pascolo seguendo una carrareccia che conduce poi fino a confluire nella sterrata Campomoro-Foppa. Si segue quindi questa carrozzabile verso sinistra per qualche centinaio di metri, arrivando direttamente al parcheggio sotto la diga.



https://www.relive.cc/view/g26006095308

Hike partners: cai56, chiaraa


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window

T3 F
20 Jun 17
Punta Marinelli · gabri83
T3+
8 Jul 17
punta marinelli 3181m · pasty
T3 F
22 Jul 17
Punta Marinelli...finalmente · numbers
T3 PD-
6 Aug 16
Punta Marinelli (3182m) · zar
T3+

Comments (14)


Post a comment

danicomo says:
Sent 25 October 2018, 21h56
Giornatona...
Quanto è il dislivello dall'auto per la Punta Marinelli liscia?
D

cai56 says: RE:
Sent 26 October 2018, 09h36
Con qualche minimo saliscendi, sarà 1200/1300 metri al massimo.
M

blepori says:
Sent 26 October 2018, 07h28
spettacolo, certo che vedere tutti quei sassi e ricordare i ghiacciai e i nevai di una volta ciao Benedetto

cai56 says: RE:
Sent 26 October 2018, 09h42
Me li ricordo bene perché in parte li ho visti e percorsi. Sulla vedretta di Scerscen Inferiore si praticava anche lo sci estivo!
Ciao Marco

blepori says: RE:
Sent 26 October 2018, 09h43
come da noi, ricordo ancora il Campo Tencia con un bel ghiacciaio, orami è sparito quasi tutto. Ciao Benedetto

andrea62 says:
Sent 26 October 2018, 09h36
Ottima introduzione, oltre a tutto il resto.
Ciao

cai56 says: RE:
Sent 26 October 2018, 10h15
Grazie. Anche tu eri in zona all'epoca?

andrea62 says: RE:
Sent 26 October 2018, 11h39
Non proprio, però ho cominciato a visitare l'Alta Valtellina e a farvi le prime foto negli anni 1975-78, 40 anni fa. Ricordo bene le mie diapositive che mostravano Palon di Lamare, Cevedale, Tresero ben più innevate di oggi e per tutto il mese di luglio, ogni anno. Ricordo pure il nevaio perenne del Sobretta. Peccato averle perse.
Ciao

numbers says: Grandi!
Sent 26 October 2018, 11h07
Ambienti sempre spettacolari.
A parte la lunghezza,
il percorso del ritorno è cmq fattibile, giusto?

Mario

cai56 says: RE:Grandi!
Sent 26 October 2018, 11h25
Nessun problema. Occorre comunque buona visibilità perché i segnali non sono sempre vicinissimi ed il percorso segue una logica di far visitare tutta la valle.
Ciao Marco

Sent 26 October 2018, 23h27
Meritevole di visita la zona :-) Il ritorno lungo il Vallone dello Scerscen è ai limiti del masochismo escursionistico ma da voi mica ci si poteva aspettare di meno :-) Chapeau encore une fois !!

cai56 says: RE:
Sent 27 October 2018, 09h21
Con quello spettacolo di colori non ci si accorge nemmeno di camminare. ;-)))

GIBI says:
Sent 28 October 2018, 23h56
Bellissima escursione e splendide foto ... certo che mi piace molto di più vedervi impegnati in questi ampi spettacolari valloni che sapervi al chiuso del Büs di Pegur ... ma i gusti sono gusti !

ciao Giorgio

cai56 says: RE:
Sent 29 October 2018, 16h40
Anche le grotte hanno il loro perché...provare per credere!
;-))
Ciao Marco


Post a comment»