COVID-19: Current situation

Gran panorama sulla Est dal Pizzo Croce


Published by rochi , 27 October 2017, 18h25.

Region: World » Italy » Piemonte
Date of the hike:27 October 2017
Hiking grading: T3 - Difficult Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 5:30
Height gain: 1150 m 3772 ft.
Height loss: 1150 m 3772 ft.

Se non sei capace di scalare la parete Est del monte Rosa, almeno cerca posti belli dove poterla ammirare.
Con questo pensiero, stamane, mi sono messo in viaggio verso Macugnaga, meta il Pizzo Croce, chiamato anche Faderhorn.
Ho parcheggiato a Pecetto e mi è bastato attraversare la strada per immettermi su una sterrata in direzione Belvedere. Dopo il ponte sull'Anza, salgo ancora un po' e ad un bivio giro a destra. Alcuni cartelli indicano la via.
Ben presto la stradina diviene lo straordinario sentiero dell'Oasi Faunistica. Si tratta di un sistema di ampie cenge protette che risalgono una parete a prima vista non percorribile.
Esco su bei prati dove la vista sulla grande parete è già mozzafiato. Il cielo è tersissimo perché c'è il vento. Lo si vede, dirompente, sulle creste sommitali del Rosa, lo si sente scivolare lungo il canalone Marinelli e infine giungere a me e come schiaffoni mi si avventa addosso.
Il vento, quello vero, mi accompagnerà da qui in poi, creandomi anche qualche disagio.
Giro a destra, direzione Bivacco Hinderbalmo e un bel traverso percorre alcuni canaloni sino ad uscire al pianoro dove risiede l'amena costruzione, spartana ma fully optioned all'interno.
Dietro il bivacco una traccia sempre evidente e marcata comincia a risalire ampi ed aperti prati dove tutto il vento che discende dalle creste è per me. 
Passo passo continuo a salire con la meta ben in vista sino a traversare un canalone sassoso nella sua parte alta. Di neve neanche un granello. Alla fine di questo breve ed un po' esposto traverso comincio a percorrere la cresta composta da grossi stabili blocchi che di loro non creerebbero alcun patema se non fosse, ancora una volta, per il vento.
Mi tocca aggrapparmi a tutto per non decollare, cosa non proprio consigliabile data l'esposizione.
Alla fine, con la solita gioia e il naso colante arrivo in cima dalla quale scendo qualche metro per risalire brevemente ed arrivare alla Croce, a picco sopra Pecetto, laggiù, mille metri e oltre.
Mi caccio in una specie di buca e riesco, nonostante tutto a godermi lo spettacolo della Est e di tutto il resto.
Poi viene il tempo di scendere e il transito a ritroso della cresta non è meno problematico dell'andata. Anzi, forse peggio, dato che Eolo ci ha preso gusto.
Nella discesa al bivacco, con sole pieno, vengo più volte investito da pallini di acqua ghiacciata, quella dei ghiacciai sollevata dalla forza del vento.
Poco cambia dal bivacco a Macugnaga (per la stessa via dell'andata), così arrivo all'auto decisamente rimbambito ma al solito felice.
I tempi comprendono un'ora scarsa di pause.
In condizioni tranquille, la gita è abbreviabile di una mezzora e la difficoltà scende a T2.
Sviluppo: 11 km circa; SE: 22.5 km circa.

Hike partners: rochi


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (4)


Post a comment

jkuks says:
Sent 28 October 2017, 12h38
che razza di giornata! ieri il vento portava via le orecchie... bella gita davvero!

rochi says: RE:
Sent 28 October 2017, 15h10
Grazie Gianluca.
Meno male che negli ultimi tempi ho messo su chili: questa zavorra mi ha tenuto attaccato alla cresta, altrimenti mi sa che dovevate venirmi a cercare a Saas Almagell!!!!!
Ciao!
R.

GAQA says:
Sent 29 October 2017, 18h26
Bella gita Rochi, che avevo adocchiato e prima o poi da fare !
Buon proseguimento:)
Alessandro

rochi says: RE:
Sent 29 October 2017, 19h41
Ciao Alessandro,
raccomando vivamente in una giornata limpida.
Ciao!!!
R.


Post a comment»