COVID-19: Current situation

Püscen Negro


Published by paoloski , 30 May 2017, 08h50.

Region: World » Switzerland » Tessin » Locarnese
Date of the hike:28 May 2017
Hiking grading: T2 - Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: CH-TI   Gruppo Monte Zucchero   Gruppo Pizzo Barone 
Time: 4:30
Height gain: 500 m 1640 ft.
Height loss: 500 m 1640 ft.
Access to start point:Gaggiolo, autostrada A2, uscita di Bellinzona Sud, seguire le indicazioni per Locarno, quindi quelle per la Val Verzasca. Sonogno è l'ultimo paese della valle. Grande parcheggio prima del paese. Per il pagamento vi sono due possibilità: inserimento di monete nel parcometro (max 10 FrS) o tramite parking Card (acquistabile nei negozi e negli esercizi pubblici della valle) al costo di 10 FrS che permette di parcheggiare per l'intera giornata anche in diversi parcheggi della Val Verzasca.
Access to end point:Gita andata - ritorno con varianti.
Maps:CNS 1272 Campo Tencia e 1292 Maggia

Pur conoscendo abbastanza la Val Verzasca, le mie "esplorazioni" non si sono mai spinte oltre Frasco, oggi quindi decido di recarmi con Anna a Sonogno, l'ultimo paese della valle. Faremo una breve escursione e ne approfitterò per studiare le varie possibilità di salita della zona.
Partiamo con tutta calma ed arriviamo a Sonogno all'alba delle 11, breve giro in paese, mirabilmente conservato e con notevoli innesti di architettura moderna che, lungi da aver snaturato il borgo, hanno valorizzato ulteriormente l'architettura tradizionale.
Percorriamo la Val Redorta lungo la strada forestale e ben presto la cascata della Froda si impone alla vista. Il salto è decisamente importante e così la portata d'acqua, attraversiamo il torrente Redorta e sull'altra sponda risaliamo il sentiero che arriva nei pressi della cascata con un paio di passerelle.Qualche foto e ridiscendiamo, ci dirigiamo verso la testata della valle seguendo un bel sentiero in saliscendi che corre all'ombra di aceri, faggi e betulle, Raggiungiamo Fracèd e riattraversiamo il torrente, passiamo accanto alla partenza del filo che serve Püscen Negro e prendiamo il sentiero che sale. La vista si allarga sempre di più ed abbiamo modo di vedere altre innumerevoli cascate che scendono dalla corona di montagna che vanno dalla Cima di Carded alla Rasiva. Seguiamo il sentiero segnato in bianco rosso che con vari tornanti ci porta in breve a Püscen Negro, la fame si fa sentire cosicchè decidiamo di fare subito la pausa pranzo, troviamo un bellissimo punto panoramico all'ombra di un grande acero e diamo fondo alle cibarie.
Ora breve giro del nucleo: vi sono molte baite riattate e con il tetto in piode, altre hanno il tetto in lamiera molte, purtroppo, sono ormai solo un cumulo di pietre, una casa ha una Madonna affrescata di fattura pregevole sulla facciata, la piccola cappella ha pochi quadri ma non banali e con cornici di un certo pregio.
Ridiscendiamo a valle con un sentiero più diretto e facciamo una breve deviazione per ammirare un'altra cascata che, curiosamente, assomiglia a quelle del Toce anche se in piccolo.
Rieccoci a Fracèd, tralasciamo la strada, assolata ed asfaltata, per ripercorrere il sentiero sull'altra sponda del torrente, saliamo di nuovo alla cascata della Froda e da qui prendiamo il bel sentiero che scende verso Sonogno.
A Sonogno acquistiamo tre Parking Card presso il negozio di prodotti artigianali, sono più pratiche e convenienti rispetto al riempire di moneta il parcometro, hanno scadenza 2018 per cui troverò senz'altro l'occasione per usarle: di cime da salire qui ce n'è in abbondanza.

Tranquillo giro alla portata di chiunque ma che permette comunque di gustare la grande bellezza di questa zona.

Hike partners: paoloski, annna


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Post a comment»