Fisetengrat


Published by paoloski , 24 October 2016, 15h13.

Region: World » Switzerland » Uri
Date of the hike:23 October 2016
Hiking grading: T3 - Difficult Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: CH-UR   Claridengruppe   Ortstockgruppe 
Time: 6:00
Height gain: 800 m 2624 ft.
Height loss: 800 m 2624 ft.
Access to start point:Gaggiolo, autostrada A2, tunnel del Gottardo, uscita di Erstfeld, ad Altdorf prendere la strada per il Klausenpass e seguirla passando per Bürglen, Spiringen e Unterschachen fino al passo. Parcheggio gratuito.
Access to end point:Gita andata - ritorno.

Mentre per il Sud delle Alpi si preannuncia una domenica piovosa la meteo da qualche speranza per il Nord Est della Svizzera. È la volta buona per andare a fare un giro al Klausenpass e da lì andare a vedere com'è la salita al Gemsfairenstock che è in programma da un po' di tempo.
Oggi sono con Francesca, ci troviamo alle sette a Gaggiolo e alle dieci partiamo dal passo del Klausen.
Saliamo per una stradicciola ad un edificio con delle antenne da cui si diparte il sentiero. La neve non è molta ma in molti punti nasconde del ghiaccio per cui mettiamo mano alla piccozza.
Il sentiero è largo, ben tracciato e ben segnalato ma in diversi punti corre non lontano dallo strapiombo che è decisamente impressionante: le pareti verticali si affacciano sul sottostante Urnerboden qualche centinaio di metri più in basso. Il sentiero compie due grandi giri per contornare i circhi di Chlaridenbodemli e di Chlus, è tutto un salire e scendere superando impluvi ghiacciati spesso affacciati sul vuoto. Ad un tratto sentiamo il richiamo di un gallo cedrone ma senza vederlo, proseguiamo e passiamo di fianco all'indicazione per il Gletscherseeli ripromettendoci di andare a vederlo al ritorno.
Ora percorriamo una larga dorsale che in leggera discesa si abbassa verso la Gemsfairenhüttli, è un tratto veramente godibilissimo: semplice, con il sole che ci scalda e, davanti agli occhi, un panorama entusiasmante.
Dalla Gemsfairenhüttli, chiusa, attraversiamo il vastissimo pianoro detto Gemsfairenboden, costellato da mucchi di pietre pazientemente accumulate dagli alpigiani per ingrandire il pascolo.
Ora saliamo leggermente ed in breve raggiungiamo la stazione di monte della funivia, in funzione, che da Urnerboden sale fin quasi al Fisetenpass.
Il passo si trova una trentina di metri al di sopra della stazione, lo raggiungiamo e decidiamo di fare qui la nostra sosta pranzo approfittando delle comode panchine che vi si trovano. Poco dopo arrivano tre mountainbiker, a parte una ragazza con il cane vista poco sotto la stazione della funivia, le uniche persone incontrate oggi.
Ci guardiamo un po' intorno, facciamo qualche foto poi decido di salire velocemente lungo la Fisetengrat in direzione del Chamerstock distante un quarto d'ora. Salgo meno di cento metri ma mi accorgo che il tempo sta rapidamente cambiando : si è alzato un vento gelido ed il cielo si è completamente coperto. Torno indietro e, raggiunta Francesca fermatasi al passo, decidiamo di riprendere la via del ritorno.
Ripercorriamo il sentiero fatto stamane ma ben presto ecco rispuntare il sole, il vento è cessato e in breve ci troviamo a rimboccare le maniche, ripassiamo dal Gemsfairenboden e riprendiamo la dorsale panoramica; tempo mezzora però ed il sole sparisce di nuovo, si è alzato un vento fortissimo che ha coperto completamente il cielo, inizia anche a nevischiare, ripassiamo dal cartello indicante il lago glaciale ma con questo clima è il caso di soprassedere, continuiamo il cammino sferzati dal vento che, a tratti, è così forte da farci barcollare. Con molta attenzione visto i vari punti esposti e scivolosi raggiungiamo la baracca sovrastante il passo, da qui all'auto sono solo pochi minuti. Molto prima di raggiungere Unterschachen inizia a piovere, ma ormai siamo in auto.

Difficoltà: con tempo asciutto e senza neve probabilmente fra T2 e T3, il sentiero è largo e ben segnalato anche se spesso corre su tratti veramente aerei. Con le condizioni trovate oggi: neve e ghiaccio, va affrontato con attenzione, scarponi seri e una piccozza.
Gita veramente appagante per il panorama, lo sviluppo è notevole.

Hike partners: paoloski


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Post a comment»