Cascate di Ghiaccio a Lillaz


Publiziert von Simone86 , 17. Februar 2013 um 13:33.

Region: Welt » Italien » Aostatal
Tour Datum:16 Februar 2013
Wandern Schwierigkeit: T2 - Bergwandern
Eisklettern Schwierigkeit: WI3
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Raggiungere AOSTA. Deviare verso COGNE / CHAMPLONG e posteggiare a LILLAZ.

Lillaz presenta una serie di possibilità per neofiti ed esperti di cascate di ghiaccio. Ne abbiamo visitato solo un settore, quello più vicino al paese (10 minuti di cammino circa) dove si presenta già di un certo livello. Siamo in compagnia di Elio, una guida alpina, dato che partiamo da zero e siamo senza gran parte del materiale. Inoltre i tiri sono da attrezzare e qualcuno da primo deve pur salire!
E' presente il bar/ristorante/albergo "Ondezana" dove è possibile informarsi sul materiale che, a quanto pare viene anche prestato/noleggiato (non so se occorre una guida che faccia da garante o meno, chiedere non costa nulla!)
Oggi sono con 3 ragazzi del gruppo escursionistico "a tutta Montagna", organizzatori dell'uscita.
Nessuno di noi aveva esperienza su cascate.



Difficoltà media WI3 statunitense (WI = Water Ice) impostata su Hikr, ossia ghiaccio solido, buone protezioni (da secondi non conta) e buoni punti di riposo.

La scala UIAA su ghiaccio si basa sulla suddivisione in:
1) - DIFFICOLTA' D'AMBIENTE o IMPEGNO (monitiro, più tiri, difficoltà d'avvicinamento, pericoli oggettivi  per es. valanghe, zona isolata ecc..). Si indica con numero romano da I a VII.
2) - DIFFICOLTA' TECNICA (dalla camminata su ghiacciaio facile fino ai muri verticali o strapiombanti). Si indica con numero arabo da 1 a 7.

http://www.ufficioguide.it/diff-ghiaccio.htm  <--- qui si trova una delle classificazioni.

Quindi per l'uscita di oggi dire WI3 è un po troppo "generico", semplifica troppo la gradazione. Molto più preciso invece sarebbe dire IMPEGNO 1 e TECNICA 4. Risulterebbe scritto I/4.Impegno I° perchè si tratta di monotiri. Tecnica 4 perchè comunque ci sono tratti anche verticali, con sensazione di esposizione, il ghiaccio è buono e ci sono cengette per le pause.



CONSIDERAZIONI:

- Le cascate di ghiaccio in monotiro (quindi stile falesia) hanno più pericoli oggettivi della roccia. Cedimenti improvvisi e distacco di blocchi di ghiaccio avvengono ogni minuto. Paradossalmente si avverte più sicurezza di "tenuta" (sempre in base alle condizioni del ghiaccio). Quando si impara a picconare e a piantare il rampone discretamente ci si accorge che da li non ci si stacca cosi facilmente!
- La tecnica di base delle progressioni e degli spostamenti è la medesima dell'arrampicata. Il metodo Caruso è di grande aiuto per esempio. Si riesce a salire ben impostati, risparmiando energia e senza ghisare le braccia. Triangolazioni, lolotte, spaccate, bilanciamenti ecc.. sono tutte riproducibili con gran bei risultati.
-Pur non avendo mai arrampicato su roccia, fino a questo grado può salire qualunque persona mediamente sportiva e allenata in montagna. Sul ghiaccio verticale è necessaria molta più tecnica e forza di braccia. Ho provato qualche metro completamente verticale e la storia cambia parecchio.
-Con l'esperienza si impara a conoscere il ghiaccio. In un uscita è impossibile, ma sicuramente dopo qualche tempo se può percepire lo stato, la tipologia, la tenuta, la durezza ecc... 
-Il materiale è fondamentale: sarebbe impossibile approcciare alla cascata con picozze normali da ghiacciaio o ramponi non appositi. Inoltre sono necessari chiodi da ghiaccio di precisa tipologia.
-Il freddo è un compagno (seppur indesiderato) necessario!!

Per il resto, invito tutti (anche i titubanti) a provare perchè è divertentissimo!!

Tourengänger: Simone86


Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen

T2
10 Aug 15
Cascate di Lillaz · basodino
T1
25 Sep 11
Lillaz ! · lebowski
T1
27 Aug 15
Cogne, Lillaz e cascate · cristi4n
T2
T1
20 Aug 16
Cascate di Lillaz e Valnontey · cristina

Kommentare (4)


Kommentar hinzufügen

Pippo76 hat gesagt: Bello!
Gesendet am 17. Februar 2013 um 15:09
Complimenti per la relazione: il tuo racconto e le tue considerazioni sono davvero un invito a provare! Arrampicare su ghiaccio è davvero divertente, ma anche impegnativo fisicamente! Personalmente ho provato alcune volte (sempre da secondo), ma purtroppo non abbastanza da approfondire questa disciplina.

Un saluto
Giancarlo

Simone86 hat gesagt: RE:Bello!
Gesendet am 17. Februar 2013 um 15:16
grazie, eh si diciamo che una guida alpina sa dare consigli preziosi, e che forse l'amico che ti porta non conosce o sottovaluta.. per salire da primi anche li bisogna aver sangue freddo e padronanza, ma non nego che ci si possa arrivare. coraggio!!

gbal hat gesagt:
Gesendet am 17. Februar 2013 um 21:37
Ma super-complimenti! Non tanto per le prime prodezze su ghiaccio, tutte da approvare comunque, quanto per l'ottima descrizione della tua prima prova sia dal punto di vista tecnico che emozionale. Direi che il lettore può immedesimarsi molto nella tua esperienza. E pensare che il freddo ti ha cacciato dalla ferrata del XXV sul Corno di Canzo :):):)
Bravo Simone, a quando il bis?

Simone86 hat gesagt: RE:
Gesendet am 18. Februar 2013 um 13:52
eheh se avessi avuto i guanti giusti sulla ferrata (o un paio di piccozze??) non ci sarebbero stati problemi! grazie Giulio, per il bis magari l'anno prossimo anche perchè ormai la stagione per le cascate è quasi finita (ps: se vuoi venire eheheh)


Kommentar hinzufügen»