PUNTA LARESCIA MANCATA


Publiziert von beppe , 4. Dezember 2012 um 17:59. Text und Fotos von den Tourengängern

Region: Welt » Schweiz » Tessin » Bellinzonese
Tour Datum: 1 Dezember 2012
Schneeshuhtouren Schwierigkeit: WT2 - Schneeschuhwanderung
Wegpunkte:
Geo-Tags: CH-TI   Gruppo Pizzo Molare 
Zeitbedarf: 5:15
Aufstieg: 797 m
Abstieg: 791 m
Strecke:Camperio m.1221 - Pozzarach m.1603 - Piana di Sgianares - piano Cassinella m.1737 - capanna Gorda m.1800
Zufahrt zum Ausgangspunkt:da Milano prendere l'autostrada per Chiasso,seguire per Bellinzona,poi proseguire in direzione Gottardo,uscire per Biasca e proseguire per il Lucomagno.Superare Olivone,superare il tornante con biforcazione per Piancabella,preseguire oltre la fermata di Pianezza,giunti a Campra,proseguire fino al tornate che curva a destra,subito a destra vi è una stradetta dove si parcheggia su un lato (strada a senso unico)
Unterkunftmöglichkeiten:capanna Gorda
Kartennummer:CNS n°266 valle Leventina

gabri
Oggi Suni deve stare in panchina dopo aver tolto in settimana una piccola ciste sulla
zampa posteriore e pur essendo già bella pimpante deve rimanere a casa!
Alla fine decido di andare con gli amici alla Punta Larescia  e arrivati a Camperio
pronti si parte ma.... il Bradipo ha toppato alla grande e ha dimenticato
a casa (o al Parco...eh eh) le ciaspole!!
Non ci voglio credere visto che nel suo zaino non manca mai nulla....accendini, pile,
diavolina, scure,chiavi , viti ..... ma oggi ha proprio fallito nell'organizzazione!!
Dopo la meritata abbondante dose di sfottimenti partiamo  con cielo plumbeo e grigio
sperando come le previsioni meteo dicevano che sarebbe migliorato...?!!!
La salita nel bosco rivela già la scarsa qualità della neve poco portante ma fino alla
capanna Gorda anche senza traccia non ci sono grossi problemi tranne per il Bradipone
che nelle retroguardie affonda ... affonda!
Alla Capanna dopo breve sosta decidiamo di andare alla Punta Larescia.
Cominciamo a tracciare su neve sempre più abbondante e per nulla portante.
Saliamo fino a quota 1937m ma vista la situazione neve , la meteo che non migliora per
nulla decidiamo che è meglio tornare alla Capanna Gorda dove il nostro capanat sicuramente
ha lavorato duro è il calduccio non manca!
Alla capanna mangiamo in allegria e ci consoliamo con vinelli e torte mentre fuori nevica alla grande!
Scendiamo contenti non certo per la meteo oggi scarsa ma per l'ottima compagnia!
Un grazie ai compagni per la bella giornata
e alla prossima escursione speriamo in compagnia di Suni!!
Gabri

beppe  Oggi causa meteo pessimo non proprio previsto è mancata la Punta Larescia ma non è certo mancata tanta allegria in capanna e il piacevolissimo ritorno con noi di Ewa.
Ciao a tutti
Beppe

ivanbutti Della escursione con tanta neve e tempo brutto (in barba alle previsioni anche mattutine di Radio Svizzera) parleranno gli amici. Quindi, a parte il ritorno di Ewa che ci fa sempre molto piacere, come ben detto da Beppe,  io mi concentro sul "giallo" delle ciaspole mancanti del Bradipo.
Un noto proverbio dice " A furia di andare alle Groane (anche) il cervello va a p......", e quindi poteva sembrare la classica dimenticanza. In realtà tramite un conoscente vengo a sapere che  il 23 novembre è stata eseguita una retata alle Groane. Un individuo riesce a sottrarsi alla catttura correndo im mezzo al fango (lasciando evidenti impronte di scarpone), ma è costretto dalla fretta a dimenticare sul campo delle ciaspole (strano ma vero). Ora, sabato scorso 24 novembre,  dopo una presunta influenza, il Capanatt si presenta con scarponi infangati come non mai. Ieri si presenta senza ciaspole.
Alberto, confessa tutto; le ciaspole adesso le hanno i RIS, e tanto prima o poi risalgono a te. Gli amici ti capiscono, non preoccuparti. Ciao e alla prossima he, he , he.

massimo61 Primo dicembre inizio dell' inverno meteorologico  con i fiocchi di neve in barba alle previsioni meteo svizzere che preannunciavano sole nel medio ticino . Oggi per mè e giorno di novità provo per la prima volta le ciaspole gentilmente prestate da massimo e collaudo la nuova maglietta intima che ha sostituito quella bruciata alla baita del lago . Oltre ad essere una giornata storta per i meteorologhi svizzeri è anche una giornata partita male per il nostro amico Alberto che si è trovato a percorrere il sentiero senza ciaspole per i dettagli vedi relazione di Ivan e successivi articoli sul Giorno cronache Lombarde .Un altra piacevole sorpresa è stata la conoscenza di Ewa una tipa tosta in montagna e pure brava in cucina grazie per la squisita torta.
Nonostante il meteo e la mancata conquista della vetta la compagnia degli amici ha compensato tutto rendondo la gita piacevole grazie a tutti e ad Alberto che ci ha fatto trovare la capanna calda
Alla prossima ciao Massimo61
ps Alla prossima anche con la Suni

Massimo   Oggi escursione sottotono  con rinuncia alla meta finale ( Punta Larescia ) causa meteo decisamente sfavorevole e la presenza di quasi 1m. di neve non portante tutta da battere da prima della capanna Gorda sino alla cima, pensate che l’Ivan rischiava di essere sommerso dalla coltre bianca fino al collo; ma giornata sempre al top grazie all’allegra compagnia e alla presenza di una rappresentante del gentil sesso nella “squadra fortissimi”, è con grande gioia che salutiamo il ritorno nel gruppo della polacca volante: bentornata Ewa.
Un pensiero anche a Suni oggi in convalescenza che ci è mancata tantissimo, ormai è la nostra mascotte, ti aspettiamo alla prossima in grande forma.
E che dire del Bradipone, visti gli ultimi eventi ormai credo sia da mettere nelle liste per i soggiorni  nelle case di riposo, da quando sente profumo di”farfalla” non è più lui, una ne fa cento ne combina.
Grazie ragazzi e ci vediamo alla prossima.
  Ewuska 
All’inizio di ogni settimana, mi arriva puntualmete dall’organizzatore di turno una proposta per la gita del weekend. Un grazie ai ragazzi, che mi tengono informata pur sapendo  di non sempre trovarmi partecipe. Dopo la camminata alla “prova del fuoco” preparata da Francesco settimana scorsa e superata discretamente dal mio piede  ormai  “disarmato” , adesso è la volta della ciaspolata verso la Punta Larescia. Il nome mi suona familiare… perciò dopo il tentativo non riuscito alla fine non mi si manifesta la sindrome da meta non raggiunta. In compenso posso gioire della calda accoglienza dopo lunga assenza nel gruppo preparatami dai miei soci!!!
Nel mio carnet mancava appunto “PUNTA LARESCIA MANCATA”.


Vista da Alberto: Ci troviamo al Breggia con Ivan,Beppe,Massimo,Gabriele e Max,poi con Ewa che è mesi che non ci si vede,sempre in forma smagliante e andatura supersonica. Giunti al parcheggio ci si prepara,solo che un pirla del gruppo,si accorge che le ciaspole le ha lasciate a casa: al suddetto è capitato in passato di dimenticare gli scarponi,ma poco male: con le scarpe estive,quasi da spiaggia,riesce con un paio di sacchetti a renderle impermeabili e salire alla Garzonera con un marasma di neve in compagnia di 2 amici che volevano rinunciare per me. Le rinunce sono gradite e fanno piacere.....ma solo se non vi sono alternative! Arrivato lassù i miei piedi erano caldissimi,provare per credere.....se vi dovesse capitare! Alle 8,10 sotto le incessanti risate e prese per il c....ci avviamo.....sotto lo splendore dei 4 soli previsti.....ma dove??????

Ad un certo punto gli amici decidono di ciaspolarsi e io proseguo,inutile aspettare,loro tarellano e mi raggiungeranno,superandomi e eclissandosi,dimenticandosi del sottoscritto (normale amministrazione....? normale?) quindi evito l'ulteriore allungamento delle tempistiche,che la mia situazione crea.....oltre alla neve freschissima.....prima si arriva in vetta,meglio è.....si può tornare presto e bere un tè a casa he he he!

Gli amici mi raggiungono e mi si dice stare dietro che loro battono.....ma.....devo crederci?.....pensate che hanno fatto un buon lavoro?.....ma va laaaaaaa! he he he!

1) sulla strada addirittura tre piste.....qualcuno disse: stai dietro che te la battiamo noi.....credici.....2) nonostante l'elevato numero di battitori,rimaneva buona parte di neve da battere.....ne sono consapevole già dalla partenza....3) i soliti passi da gigante.....pare che accorciare il passo crei dolori terribili di grande sofferenza,io pensavo al contrario hi hi hi (i miei sono standard,sia senza sia con le ciaspole.....invece chissà perché quando batto io,riescono a farli più corti).

Se poi aggiungiamo la neve fresca.....non mancavano gli sfondamenti in ogni caso e quindi il rallentamento era ulteriore. Ovviamente il Bradipo si ritrova in breve,ad essere solo soletto,mentre il gruppo scompare dalla vista: si ricorderanno tra un paio di km. che c'è uno del gruppo che è stato distaccato?.....Certo,meglio tardi,,,,,molto tardi che mai he he he! Dopo un po ci si ricompatta ma in breve,la partenza è fulminea e.....aleeeee,gli amici si dissolvono come la nebbia al sole: caspita,non pensavo che fosse così complicato tenere il passo del più lento!?.....ma è così anche con il proprio partner?.....forse ho la peste bubbonica o il colera e non me ne sono accorto he he he. E va be,che ci vogliamo fare.....poi,nei punti classici (bivi) mi dico: saranno lì ad attendermi.....ma quando vi giungo vi è il nulla.

Opsss,no,qualcosa c'è: neve e alberi.....poi,mi dico: be,saranno un poco avanti....macché.....non avranno mica sbagliato.....hanno il Galaxxxxiano con loro he he he. Più in là alla località piano Cassinella m.1737 ho un miraggio: Max,che mi chiede se va tutto bene......si,sono ancora vivo!.....lamentando che ha tentato di chiamare sul cellulare e dicendomi che è meglio se lo tengo acceso.....dato che sono ultimo,per quale ragione tenerlo acceso?......semmai chi è in testa che lo deve tenere acceso,così se devo avvisare che rinuncio,chiamo ed è giusto e doveroso....mi pare più che normale.....poi se stiamo più compatti senza darci distanze kilometriche sarebbe ancor più sensato.....o forseeeeeeee no....no....no....meglio distaccarsi notevolmente dal Bradipo (in questo caso) perché ci rallenta troppo......poi facciamo tardi,chi più ne ha più ne metta hi hi hi! Avviso Max di avvisare gli altri che io mi fermo alla capanna.....chissà se avevano dei dubbi a riguardo e riprendo il mio andar lento fin ché arrivo a guadare il torrentello: mi trovo davanti a una muraglia di neve.....eppure vi sono le impronte,devono essere passati di quà.

Comincio a fare dei tentativi.....mi sbilancio.....ooooooooo.......paff.....caduta libera all'indietro: e mo come faccio a rialzarmi? Chiamare aiuto è fiato sprecato: con calma,molta calma.....anche per evitare di rompermi caviglie o altre articolazioni,in primis mi slego lo zaino poi,rotolandomi da un lato e riempiendomi di neve come il classico pupazzo natalizio,"risorgo" sulle due gambe.....mi mando da solo in quel lontano paese e mi guardo attorno.....haaaa,ma ci sono altre impronte più a valle he he he,allora noto che risulta molto,ma molto più semplice l'attraversamento......mi chiedo chi sia stato il "genio" a fare l'altro guado......dev'essere un esperto.....spero che si perda in una di queste uscite he he he!

Finalmente alle 11,00 arrivo in capanna e comincio a riscaldarla in attesa che gli amici "frettolosi" tornino,dandomi il tempo di rassettare,ma dopo circa un'ora qualcuno chiama......Alberto,Bradipoooo.....ma come,sono già di ritorno?.....Ha haaaa......ma questi non sono saliti he he he,ma come,con tanto di ciaspole hanno rinunciato.....pure con il Galaxxxxiano con traccia virtuale (che non ti dice dove sono le rocce rotte).....ma pensa un po.....PUNTA DI LARESCIA.....MANCATAAAAAAA!!!!!! Ancora loro,il gruppo del "LIGONCIO" e ma allora è diventato un vizio ha ha ha ha!

Dopo arrivano le ragioni riguardo la rinuncia,(in pratica,loro pare che abbiano le giustificazioni adatte,il Bradipo NO he he he!) si comincia a mangiare,bere e sparate a non finire sul povero Bradipo che si è fatto un mazzo a non finire per rendere confortevole la capanna per il ritorno degli amici.....mi hanno massacrato! Poi qualcuno causa la calata che gli fa chiudere gli occhietti,si fa un pisolino al caldo della stufa.

Per un bel paio d'ore nevicava e anche bene,ma tutto sommato la giornata è stata ottima,l'allegria non è mancata,ed è ciò che conta,ma cerchiamo di perfezionare anche lo stare in gruppo....se non è proprio possibile,uno si "deve" sacrificare restando vicino a chi è lento o abbia problemi: io l'ho dimostrato più volte,ma credo che sia giusto contraccambiare!


 

IMPORTANTE!!!!!! Qui sotto seguono una serie di domande rivolte a TUTTI i lettori,una sorta di test: le risposte non dovete darle a me,ma indirizzarle verso quella cosa impalpabile che a volte si potrebbe paragonare ad una roccia granitica.....per chi non c'è l'ha,si chiama COSCENZA.....che è colei che vi fa stare male sempre, a meno che non siete indifferenti e con tanto di pelo sullo stomaco. Domande di un certo spessore,forti che servono a smuovere ciò che noi cerchiamo di nascondere: i nostri errori,ma ancor peggio,li ripetiamo a non finire!


 

1) Che effetto avrebbe sulla nostra persona se,avendo lasciato da solo un amico durante un'escursione,scoprite che non ci può raggiungere perché morto causa malore?

2) Alla domanda dei soccorritori: ma era da solo o voi siete i sui compagni di gita.....ma dove eravate quando è successo? cosa rispondiamo?

3) Alla seguente domanda dei soccorritori: ma perché lo avete lasciato solo?....almeno uno poteva tenergli compagnia....potevate salvarlo....come vi sentireste?....avreste un rimorso di coscienza?

Sono 3 domande,dal grande e profondo significato sull'essere solidali quando si fa GRUPPO,che mettono in gioco la nostra coscienza scuotendola,cercando di rimuovere quella superficialità che ci trascina all'indifferenza e a preoccuparci solo del nostro IO magari rispondendo con frasi banali e senza fondo....questo è il mio passo.....la mia andatura....avevo freddo.....avevo fame....e chi più ne ha ne metta.

Ricordiamoci che nessuno è esente da INFARTO: prova a pensare,ricorda,rifletti e domandati....se capita a me e sono solo perché gli amici sono avanti con svariati minuti di vantaggio? in SINTESI: è giusto e normale lasciare un amico.....SOLO? Ti senti a posto con la tua coscienza? Facciamo in modo di non dover sostenere fino alla fine dei nostri giorni,un simile fardello.....di difficile convivenza per chi ha una coscienza!

Meditiamo e cerchiamo di cambiare radicalmente il nostro modo di andare in montagna con i fatti e non con le parole!


 

Spero che questa sorta di "test" possa essere di aiuto a NOI stessi e automaticamente agli ALTRI: ovviamente,se siamo soli le cose cambiano.....dobbiamo esserne consapevoli!

Ciao a tutti e alla prossima!


 




Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen

WT2
T2
4 Jul 12
Punta di Larescia (2194 m) · cappef
T2 WT2
23 Nov 14
Punta di Larescia mt 2195 · turistalpi
T2 WT2
17 Feb 13
Punta di Larescia mt 2195 · turistalpi
WT2
9 Mär 14
Punta di Larescia mt 2195 · turistalpi

Kommentare (17)


Kommentar hinzufügen

pm1996 hat gesagt: No...no...
Gesendet am 4. Dezember 2012 um 19:16
Albert, Albert mai me lo sarei aspettato da te...ora si svela il mistero delle Groane e del Garelli rosso che nessuno a citato...eh...hi,,hi.

Alberto hat gesagt: RE:No...no...
Gesendet am 11. Dezember 2012 um 14:51
he he he.....ma io non sono un pensionato,ciao!

igor hat gesagt: fantozzi
Gesendet am 4. Dezember 2012 um 19:25
Troppo da ridere questa relazione.....
Ciao

Massimo hat gesagt: RE:fantozzi
Gesendet am 5. Dezember 2012 um 00:45
Ciao Igor,
con questo gruppo, oltre la fatica e il sudore, l'allegria e la goliardia la fanno sempre da padrone, se poi ci aggiungi l'immancabile presenza di un buon vinello,
ecco svelato l'arcano.

Max

Alberto hat gesagt: RE:fantozzi
Gesendet am 11. Dezember 2012 um 14:52
ciao Igor,le relazioni bisogna anche che facciano ridere,altrimenti sarebbe monotono,ciao!

igor hat gesagt: RE:fantozzi
Gesendet am 11. Dezember 2012 um 20:20
Chiaro,meglio ridere che piangere cmq bella relazione ciao

Francesco hat gesagt:
Gesendet am 4. Dezember 2012 um 19:55
....Che dire !!!!!
Non appena mi sarò depurato delle mie tossine tornero' a far baldoria con Voi, nel frattempo , mi diverto a legger "strano ma vero"l'intera relazione.
Un caro saluto a tutti.

Ewuska hat gesagt: RE:
Gesendet am 5. Dezember 2012 um 00:07
Ma cos'hai fatto per accumulare tutto questo veleno da smaltire!??
E poi , dove ti depuri se non in montagna?
Buona lettura della cronaca...oppsss...della relazione!
Ricambio saluto.
Ewa

Francesco hat gesagt: RE:
Gesendet am 5. Dezember 2012 um 07:08
Grazie Ewa, rassicuro coloro che inesorabilmente ed in modo reiterato stanno commettendo i miei stessi errori che la cura sarà molto ma molto lunga.

Barba43 hat gesagt:
Gesendet am 5. Dezember 2012 um 08:34
Mà che bella ed allegra compagnia,vorrà dire che per il Bradipo invece di andare alle groane,,a..p rifarà larescia con voi a sue spese,prima di natale,
bravissimi ciao a voi

Massimo hat gesagt: RE:
Gesendet am 7. Dezember 2012 um 10:29
Ciao Barba,
come punizione il Bradipo per la prox ciaspolata con neve fresca farà da battitore per l'intero percorso!!!
Ci vediamo presto
Max

Alberto hat gesagt: RE:
Gesendet am 11. Dezember 2012 um 14:54
Ciao Barba,il BNradièpo è sempre pronto ad affrontare la neve anche senza attrezzi.....forse ho fisico? he he he

gonzo hat gesagt:
Gesendet am 5. Dezember 2012 um 12:29
Bradipo, grazie x averci creato il tormentone inverno 2012-2013
ps domenica prox vedi di caricarle in auto anzi, facciamo cosi', x sicurezza porto dietro anche quelle d mia moglie che non si sa mai
(e lo sfotto' continua!!!!!!)

gonzo hat gesagt:
Gesendet am 6. Dezember 2012 um 12:39
mi sovviene un dubbio: anche il DA TE ISPIRATO mc giver tiene nelle zaino 1 kit con fil d ferro e saldatore x costruirsi le ciaspole sul posto, vuoi dirmi che hai dimenticato a casa ANCHE QUELLO ?!?!? oppure dobbiamo cercarlo al parco delle Groane?

gonzo hat gesagt:
Gesendet am 6. Dezember 2012 um 13:05
mai pensato a dei razzo-missili da montare lateralmente allo zaino x rialzarsi dalle cadute?!?!?

gbal hat gesagt:
Gesendet am 6. Dezember 2012 um 22:03
Mi pare che dobbiamo dedurre che la Suni è la colonna portante del gruppo. Se manca lei.....potrebbe finire così malgrado il generoso apporto di Ewa che saluto cordialmente.
Avanti così, ragazzi; la Suni ritorna presto!

Gabri hat gesagt: RE:
Gesendet am 8. Dezember 2012 um 10:50
Ciao Giulio.... No Suni no... vetta!
Rifaremo con Suni e meteo più favorevole...!


Kommentar hinzufügen»