Gradiccioli (1935) da Mugena preso per la "pancia"; Monte Ferraro (1494)


Publiziert von rochi , 26. November 2012 um 09:34.

Region: Welt » Schweiz » Tessin » Sottoceneri
Tour Datum:25 November 2012
Wandern Schwierigkeit: T3 - anspruchsvolles Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: CH-TI   Gruppo Tamaro-Lema 
Zeitbedarf: 6:15
Aufstieg: 1250 m
Abstieg: 1250 m
Strecke:vedi way points
Zufahrt zum Ausgangspunkt:A Mugena parcheggio libero vicino al cimitero.

Mi aspettavo il Gradiccioli tra le nebbie come una affascinante signora con i suoi vedo non vedo e invece mi son trovato di fronte una signorina in vestitino di seta svolazzante di sole e luce che passeggiava sul lungomare della mia gioia.
E questa signorina l'abbiamo presa per la pancia, senza esitazioni.
Di seguito la cronaca:
  • Auto al parcheggio del cimitero di Mugena, si torna indietro di cinquanta metri, si attraversa la strada e ci si addentra prima in paese e subito dopo su larga mulattiera (segnavia per alpe Nisciora, La Bassa).
  • La strada si alza pigra sul lato destro della valle che scende direttamente dal Gradiccioli. Difatti la vetta è sempre in vista e sembra bella lontana.
  • Giunti ad un punto dove la valle è sbarrata da un costolone boschivo, si scende di poco ad attraversare il torrente e si risale il dosso su buon sentiero in magnifico ambiente autunnale.
  • Usciti dal bosco, si perviene all'alpe Nisciora, ottimo terrazzo sulla valle appena percorsa con vista verso nord che abbraccia tutta la cresta di collegamento tra Gradiccioli e Lema.
  • Dallalpe, volendo andare in vetta al Gradiccioli, ci sono tre possibilità:
  • seguire il sentiero per il passo di Agario e percorrere la lunga cresta Ovest;
  • puntare il lato opposto su sentiero verso La Bassa e risalire l'erta cresta Est;
  • puntare la vetta posta sopra l'alpe, abbandonare il sentiero e risalire per ertissimi prati la pancia della montagna.
  • Si decide per questa ultima possibilità e si comincia a salire. L'erba asciutta e l'assenza di neve facilitano l'ascesa. Puntiamo ad una sella tra il monte Pola e la vetta del Gradiccioli e zigzgagando alla ricerca di qualche canale meno faticoso, sbuchiamo in cresta dopo circa trenta minuti dalla partenxza della Nisciora.
  • Ancora dieci minuti sul largo filo di cresta e siamo in vetta: per è la quinta volta ma l'emozione è sempre nuova: questa è proprio una montagna che sento speciale, chissà perchè.
  • Discesa ora per cresta Ovest, magnifiche immagini di fine mattinata di novembre. Qualche capitombolo dove le pendenze e il fieno secco lo obbligano, ma niente di grave, solo qualche paroloccia.
  • Alla fine della lunga discesa si perviene alla Bassa di Arosio dove si attacca il sentiero che scende al paese.
  • Si decide tuttavia di completare l'escursione passando al monte Ferraro su evidente sentiero che parte dalla Bassa e sale dolce nel bosco.
  • Ultimo pendio verso il Ferraro senza traccia fissa ma l'omone di vetta è un segnavia sicuro. In venti minuti dalla Bassa siamo sul Ferraro, cima minore e inedita per me, così come è sorprendente il panorama che vi si gode. La vista sulla cresta del Gradiccioli appena discesa è mozzafiato. Qualche nube e i primi cenni della sera, acuiscono l'enfasi.
  • In discesa senza ttraccia, scendiamo il versante opposto (verso Sud) del Ferraro e incontriamo un sentiero segnato da paletti che scende verso Arosio.
  • Al limitare del bosco il sentiero, causa foglie secche, si perde, ci spostiamo un po' a sinistra e sbagliamo perchè ci tocca scendere pendii assai ripidi e talvolta esposti nel bosco scivoloso. Per chi intendere percorrere la stessa via, dunque, consiglio di stare sulla destra, qualcosa si meno pericoloso dovrebbe essereci.
  • Finalmente fuori dal bosco, un po' ammaccati, prendiamo la gippabile che in breve scende ad Arosio e da lì, su cantonale per circa un chilometro, torniamo all'auto.

Sviluppo: 17 km, SE: 30 km.
6h, 15 min, soste comprese.
Il dislivello tiene conto della risalita al Ferraro dalla Bassa.


Tourengänger: rochi, POLI89

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (5)


Kommentar hinzufügen

gbal hat gesagt:
Gesendet am 26. November 2012 um 17:08
E' vero ci siamo andati vicini ma allo stesso tempo eravamo discretamente lontani. Mi sembra che tra le vette Tamaro e Gradiccioli ci sia un'ora di cammino.
Un bel giro anche il vostro, complimenti!

rochi hat gesagt: RE:
Gesendet am 26. November 2012 um 18:28
si più o meno un'ora ma con una giornata tersa quale ieri, ci si poteva salutare da vetta a vetta.

gbal hat gesagt: Verifichina....
Gesendet am 26. November 2012 um 18:38
...giusto per capire se siamo entrambi moooolto distratti o se i tempi non hanno coinciso: io ero in vetta al Motto Rotondo alle 11 e al Tamaro alle 11:40 ca.
Che mi dici di voi?

rochi hat gesagt: RE:Verifichina....
Gesendet am 27. November 2012 um 18:08
Noi siamo arrivati in cima al Gradiccioli intorno alle 10.30 e abbiamo sostato per circa mezz'ora per pausa pranzo. Alle 11.00 abbiamo attaccato la cresta SE in discesa non prima di aver pensato di scendere dal lato N e risalire il Tamaro. Se l'vessimo fatto, ci saremmo incontrati di sicuro. Peccato. Comunque non ho dimenticato il vecchio progetto del Pizzo di Claro da Lumino per la via Lumino. In tarda primaavera dobbiamo organizzarci senz'altro. Ciao.

gbal hat gesagt: RE:Verifichina....
Gesendet am 27. November 2012 um 21:42
Pare quindi questione di minuti e/o di occhi di linci (mancate :):):)
Tranquillo! Il Pizzo di Claro non lo smontano ancora e quando vorrai ci proveremo: il patto è stretto!


Kommentar hinzufügen»