Cima di Timogno m 2099


Published by grandemago , 29 March 2012, 23h23.

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike:28 March 2012
Hiking grading: T2 - Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Height gain: 1380 m 4526 ft.
Height loss: 1380 m 4526 ft.
Route:percorso ad anello: Piazzolo, sentiero 312, Cappelletta Sacra Famiglia, Colle Palazzo, Baita alta di Remescler, Cima Timogno, Colle Vodala, Ave, Cappelletta Sacra Famiglia, Piazzolo
Access to start point:Bergamo, Val Seriana, Ardesio, Piazzolo
Maps:Kompass n. 104

22 Marzo
 
Ieri ho avuto la nefasta idea di lavare la macchina; evento straordinario che in un anno difficilmente si ripete due volte.
Mentre infilo il tubo del “bidone aspiratutto” sotto i sedili, per snidare tutti gli ospiti che dimorano li da mesi, mi arriva un “colpo della strega”......e rimango piegato in due!
 
Che faccio? Rinuncio al Timogno?
Do uno sguardo alla webcam degli Spiazzi di Gromo e vedo che una spolverata di neve ricopre la montagna.
Niente di eccezionale, ma salita e discesa dalla cima sono piuttosto ripidi e con la schiena bloccata è un attimo scivolare e farsi male.
Non me la sento di dire a Lella che non si va, perciò il mattino dopo.....sant’aulin e via!
 
Saliamo da Piazzolo, minuscolo paesino sopra Ardesio, e poco prima dell’altrettanto minuscolo borgo di Ave, scendiamo a guadare il torrente Rino e risaliamo fino a Colle Palazzo.
Volgendo a sinistra iniziamo a percorrere la lunga dorsale in direzione del Timogno e superata la prima ripida rampa, sopra le Case Campello, incontriamo la prima neve.
E’ solo una spolverata, ma con questa temperatura crea un mix con il fango che sembra di camminare sul sapone.
Proseguo, ma guardare la rampa di salita e soprattutto quella di discesa mi fa scappare la voglia di salire......non ho voglia di rischiare una scivolata con la schiena in queste condizioni!
Andiamo avanti fin dopo la Baita Alta di Remescler, ma poi, a malinquore, torniamo sui nostri passi e scendiamo a valle.
Il Timogno rimane lì.....nessuno lo sposterà, e sappiamo già che torneremo.
 
 
28 Marzo
 
Giornata stupenda!
Sosta banana alla Baita Remescler, poi zaino in spalla e via per la ripida rampa finale.
La neve se n’è andata e pure il mal di schiena e nonostante senta mordere i garretti, arrivo in cima senza dannarmi troppo.
Il panorama è grandioso!
 
La discesa al Colle Vodala è ripida e veloce.......e altrettanto velocemente lo abbandoniamo!
E’ un luogo da dimenticare; qui arrivano gli impianti di Gromo Spiazzi, e se per tre mesi la neve ha steso un velo pietoso sull’obbrobrio fatto, ora per altri nove rimarrà lo spettacolo offerto dalla “valorizzazione”.
Chissa come doveva essere questo posto una volta.......fantasticando vedo due baite, un bel pascolo affacciato su due valli; intorno boschi di conifere......ma non valeva un cazzo!
 
Dal Colle Vodala, lungo il sentiero 312, scendiamo ad Ave, dove una visita è d’obbligo; poco sotto ritroviamo la cappelletta e tornando sui nostri passi scendiamo al punto di partenza.
 
Come avevo detto....il Timogno è rimasto lì, nessuno lo ha spostato, e noi siamo tornati!

 


Hike partners: grandemago, Lella


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (3)


Post a comment

stefano58 says: sant'aulin
Sent 30 March 2012, 08h34
Io diverse volte ho fatto ricorso a sant'aspirina, ma sulla confezione non dicono che è anche doping, con il risultato che un paio di volte sono rimasto mezzo rotto per una settimana.
Per cui sempre con calma!
Ciao
Stefano

grandemago says: RE:sant'aulin
Sent 30 March 2012, 11h16
L'aspirina mi fa il solletico......per il resto non prendo farmaci inutilmente, ma quando ci vuole ci vuole!

ciao
A

stefano58 says: Fantasia
Sent 30 March 2012, 14h48
Anche a me piace a volte fantasticare su come doveva essere una volta un luogo, anche aiutato dai miei primi ricordi di mezzo secolo fà.
Ma purtroppo tutto ciò che in soldi non vale un cazzo è destinato a sparire o ad essere rovinato.
Ciao
Stefano


Post a comment»