Monte Cornizzolo, birra blues & McCarthy


Published by lebowski , 22 November 2011, 23h09.

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike:20 November 2011
Hiking grading: T2 - Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 6:00
Height gain: 1100 m 3608 ft.
Height loss: 1100 m 3608 ft.
Route:Civate, San Pietro al Monte, Monte Rai, Monte Cornizzolo
Access to start point:Civate (LC)

Monte Cornizzolo.
Sotto l’assurda croce di ferro infilata sulla testa della montagna, immagino le scosse di emicrania che si diffondono nella roccia durante un temporale.
Verso ovest il mio sguardo corre seguendo la linea immaginaria che seguirà il sole fino al Monte Rosa.E' facile attribuire doti magiche al giallo disegnatore di arcobaleni, basta un tocco perché la sua luce trionfi su qualsiasi ombra.




- Vedo che la pensiamo allo stesso modo.
Mi volto, ma non vedo nessuno dei miei compagni di salita vicino a me.
- Chi parla?
- Sono io, il monte che hai sotto i piedi, Mister Cornizzolo of course.

- Ho sempre creduto che le montagne avessero un'anima, ma non una voce.

- Eccome, solo che non tutti riescono a sentirla.Mi chiedo sempre: quando la smetterete di piantare croci sulla nostra capoccia?
- Uh...Benzina sul fuoco, io le toglierei tutte sai, cime anticime e creste sono infestate da ferraglia inutile.
- Con i fulmini è una sofferenza. Non parliamo della ferita che ho sul fianco destro, la cava di estrazione, scavata nel mio fianco per fabbricare cemento. Essenza di montagna rubata per ingrigire il mondo, semplicemente orribile.
L'uomo è senza dubbio la specie più pericolosa, su questa palla di terra e acqua sospesa nel cosmo!

Non sapevo della cava...mi dispiace.
- Il vostro più grande difetto è quello di pensare solo al possesso, gongolate nel capitalismo, la vostra religione cattolico epicurea.Denaro uber alles.
- Non essere troppo pessimista, abbiamo anche sviluppato la vita su questo pianeta... siamo artefici del progresso.Ricaviamo energia dal sole e dal vento, ti ricordo che ultimamente abbiamo scoperto la massa dei neutrini e mappato il genoma umano.
- Ti rispondo con una parola giapponese: Fukushima.
- Stai generalizzando, non siamo tutti così male come ci descrivi...io sono antinuclearista, credimi, e poi io sono iscritto a Greenpeace.
- Uh un ambientalista...sì, in fondo c'è qualcosa di buono che avete inventato, come il blues, la birra ed i libri di Cormac McCarthy...per il resto, signor animo verde, non avete privilegiato nella corsa al progresso la parola più importante: libertà.
I soli uomini che hanno avuto questa priorità, sono sempre stati messi sotto la lente del sospetto.
Gli illuminati spesso indossano camicie di forza, oppure si aggirano coperti di stracci tra i vicoli, sorseggiando vino scadente in tetrapack.L'uomo nasce nudo e permeabile, il determinismo ambientale lo plasma nel bene e nel male, diverrete tutti grigi come il vostro cemento.

-Catastrofista.

- Realista.Un tempo avevate gli sciamani e le coicidenze astrali per le divinazioni, oggi avete i future, lo spread o il possesso dell'ultimo modello di ipad a regolare le vostre vite, non dovreste permetterlo.
- Non salvi nemmeno gli indignados...siamo senza speranza dunque?

- Ognuno di voi può fare qualcosa per cambiare il mondo: fondere le contraddizioni nel crogiolo del buon senso, gioire delle cose piccole, e lottare per vivere libero, come un fiume che scende a valle con rapinosa violenza...impedendo che qualcuno costruisca una diga!

Chiudo gli occhi, la testa gira come incantata da un violinista zingaro che suona la Pacsirta.Ci si sente scossi ogni volta che si tocca il mistero profondo dalle montagne, è come salire in soffitta e parlare con la propria anima.
Mentre un coro di uomini liberi intona canzoni senza tempo, solo per il piacere di farlo, il cerchio della loro amicizia ci stringe in una simbiosi di forza e saggezza.




soundtrack:    Dinicu "A pacsirta"     http://www.youtube.com/watch?v=UXjuK9FFbzg 

 



 link utili:                                            http://www.cornizzolonocava.com/
 


Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (18)


Post a comment

tapio says: Cornizzolo
Sent 22 November 2011, 23h53
Complimenti!
...molto bello l'impianto e alcuni passaggi veramente all'unisono con le mie idee. In special modo (ma non solo) quello riguardante la ferraglia inutile sulle creste.
La montagna e la natura in genere sono espressione di libertà; la ferraglia, la sua negazione!
Lasciamoci incantare dalle cose piccole (senza ferro!)
Ciao, Fabio

lebowski says: RE:Cornizzolo
Sent 23 November 2011, 11h46
Grazie Fabio, si potrebbe promuovuere insieme un movimento per la liberazione delle cime.
Occorrerebbe un nome convincente per iniziare, che ne dici di "No-Fer" ?

ciao

Luca_P says: Complimenti...
Sent 23 November 2011, 07h57
Ho letto tutto d'un fiato e mi ci sono ritrovato perfettamente, bravo!!
Le questioni sono espresse in maniera veramente piacevole e poetica.
Per le croci di cui i nostri monti sono zeppi è vero, forse sono troppe, ma per qualcuno sono anch'esse un segno di pace amicizia e libertà ed io le rispetto per questo.
Ciao Luca_P.

lebowski says: RE:Complimenti...
Sent 23 November 2011, 11h52
Molto gentile mio omonimo, ti ringrazio dell'apprezzamento, che espresso da un cultore delle cime come te risulta ancora più gradito.
Sul significato della croce nutro rispetto anch'io, da agnostico quale sono però, le trovo più adatte ai luoghi di culto.
So di essere un inguaribile idealista, però, sogno un giorno di ritrovare le montagne spoglie dalle nostre tracce invasive, solcate solo dalle impronte dei nostri scarponi...

ciao

Sky says: RE:Complimenti...
Sent 23 November 2011, 12h35
Le vette, spesso raggiunte da noi amanti della montagna con il sudore della fronte, sono luoghi in cui siamo immersi dalle bellezze della Montagna.. un po’ più vicini a Dio o alla Natura, siamo noi credenti oppure no.. e le croci sono per me un simbolo di questo legame, di questa vicinanza.. oltre che, come ha scritto Luca, simbolo di pace e libertà, concetti che trascendono il credo religioso..
Per questo mi piace trovarle sulle mie vette, e mi incuriosisce notare la varietà delle loro forme.. da quelle più spoglie, al limite due bastoni legati insieme da una corda, o due tondini uniti da un fil di ferro, come mi è capitato di trovare al Mont Gelè.. a quelle più vistose (e, concordo, esagerate).. passando per tutta una varietà di stili e dimensioni..
Luca

lebowski says: RE:Complimenti...
Sent 23 November 2011, 13h50
Grazie Luca.
Come dici tu sulla cima delle montagne si è "immersi nella bellezza" , non ci basta?
C'è più fede nei tondini uniti con il fil di ferro o nelle opere di artigianato metallico di stile Eiffel che deturpano il paesaggio?
A me comunque, è sufficiente arrivare lassù con le mie forze, e come segnalazione va bene anche un ometto di pietre :)

Luca_P says: RE:Complimenti...
Sent 23 November 2011, 20h00
Grazie a te mio omonimo Luca!
Ti confesso che anch'io quaggiù in città, nel grigiore delle cose brutte che il più delle volte ci circondano sono razionale, agnostico, anche ateo se vogliamo.
Lassù mi scatta qualcosa dentro, mi trasformo cerco (spero) in qualcosa di Superiore, come possono esistere queste bellezze?
Una povera croce in legno intesa nel suo significato che ho detto precedentemente, e non altro (no alle strutture che deturpano e vogliano dimostrare una superiorità umana da cui mi sento lontano anni luce) mi dà questa speranza.
Ciao Luca_P

lebowski says: RE:Complimenti...
Sent 24 November 2011, 08h29
Vedo la salita è come un risveglio, l'uscita da uno stadio ipnotico che la quotidianità, con tutti i suoi aspetti della vita moderna contiene.
L'eliminazione di tutte le sovrastrutture che intrappolano la coscienza, o anima se preferisci, permette di accedere ad un livello superiore di utilizzo dei sensi.
L'uomo risvegliato agisce e non reagisce, ha piena consapevolezza della vita che lo circonda.
Il bruco diventa farfalla e finalmente riesce a volare.

Ciao

heliS says: Grande!
Sent 23 November 2011, 08h16
Un modo splendido per raccontare idee comuni.
Non mi pronuncio sulle croci ... dico solo che una volta fu portato un Budda in cima al Badile .
S.

lebowski says: RE:Grande!
Sent 23 November 2011, 11h57
Grazie, Silvia sapevo di raccogliere proseliti sull'argomento, sei anche tu del NoFer dunque, arruolata!!
Ho visto il cortometraggio, sul budda portato in cima al Pizzo Badile, una frizzante provocazione che molti hanno frainteso.



ciao

tapio says: Cornizzolo bis
Sent 23 November 2011, 09h57
Anche io non mi pronuncio sulle croci, bensì sull'inutile ferraglia che adorna creste e pareti...
Ciao-bis, Fabio

ritata says: Cornizzolo
Sent 23 November 2011, 11h17
Bravo! Ti si legge sempre volentieri. Quanto alle croci... aggiungerei le cosiddette madonnine. Mai vista quella del monte Zerbion?

lebowski says: RE:Cornizzolo
Sent 23 November 2011, 12h02
Quella sul Monte Zerbion è quasi della dimensione della statua della libertà...è impressionante come invece non la rappresenti!
Grazie dei complimenti, sicuramente ho deluso qualcuno che si aspettava la descrizione dell'escursione classica, ma...questo ha sfornato l'immaginazione in piena...come sottolineavo "libertà".


ciao

adrimiglio says: No-Fer
Sent 23 November 2011, 15h18
Appoggio pienamente la campagna "No-Fer" per quanto riguarda l'annosa vicenda "Croci e Madonne" io proporrei di lasciare solamente quelle in legno a basso impatto ambientale, poi decideremo l'altezza massima, per non incombere in mostruosità tipo Madonna dello Zerbion...

Complimenti per il racconto e le ottime foto!

Adry.

lebowski says: RE:No-Fer
Sent 23 November 2011, 16h00
Grazie mille Adry, sei anche tu dei nostri!!


p.s. adoro il legno...

stefano58 says: RE:No-Fer
Sent 24 November 2011, 13h03
... io pure!
Una volta ho raddrizzato una croce di legno caduta, nonostante sia anch'io contrario a tante croci e madonne.
Ciao
Stefano

lebowski says: RE:No-Fer
Sent 24 November 2011, 18h05
...se hai raddrizzato una croce ti sei guadagnato uno scalino in più verso il paradiso...;)

ciao

Luca

lebowski says: Commento di Maurizio, utente non registrato
Sent 23 November 2011, 15h58
Molto profondo e pieno di sincero sentimento questo tutto scritto. Magari questo Homo Sapiens sapesse ravvedersi e iniziasse a rispettare maggiormente la stupenda natura che lo circonda, invece che distruggerla, inglobarla, modificarla solo per osannare il dio denaro…. Concordo! "No-Fer" per tutti i monti.
E’ un onore poterti annoverare tra le mie amicizie.
Maurizio C.


Post a comment»