P.di Valrossa (Rotentalhorn) P. di Elgio (Helgenhorn)


Publiziert von adrimiglio , 22. Juli 2010 um 13:51.

Region: Welt » Italien » Piemont
Tour Datum:18 Juli 2010
Wandern Schwierigkeit: T3 - anspruchsvolles Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: CH-TI   I   Gruppo Grieshorn   Gruppo Pizzo San Giacomo   Gruppo Basodino 
Zeitbedarf: 1 Tage 8:00
Aufstieg: 2280 m
Abstieg: 2280 m
Strecke:Riale/P.di Valrossa/P.di Elgio/Rupe del Gesso/Boc. di Val Maggia/Riale
Zufahrt zum Ausgangspunkt:In auto
Kartennummer:C.N.S. N° 1271 Basodino

Circa 3 anni fa feci questa escursione che mi rimase nel cuore per la sua bellezza, quindi ho pensato di ripeterla oggi allungando il percorso. Raggiungo Riale alle 8:30, purtroppo trovando traffico sono gia in ritardo oltretutto, causa la spettacolare corsa Bettelmatt Sky race, mi tocca parcheggiare nel primo piazzale, meglio 1 Km in piu’ da percorrere. Salgo piuttosto deciso fino al rifugio Maria Luisa, poi mi inoltro nella bella Valrossa dove mi accoglie un gelido e forte vento ho quasi la tentazione di mettermi i guanti ma cerco di resistere, non e' possibile ieri mi trovavo a 32° oggi sono in pieno Inverno. L'escursione termica produce i suoi effetti infatti mi sento le gambe imballate sono costretto a rallentare il passo, raggiungo la Punta di Valrossa accumulando 15 minuti di ritardo rispetto alla volta precedente. Finalmente incontro una coppia di persone sulla cima, stavo iniziando a soffrire di solitudine, non si vede anima viva, dove sono gli escursionisti oggi? Scendo veloce cercando di sciogliere i muscoli, l'azione da i suoi frutti infatti salgo la Punta di Elgio decisamente meglio della precedente. Considerata la forma ritrovata decido di mettere in atto l'escursione completa, percio' scendo all' alpe Regina, poi proseguo al Colle di Randolo e successivamente tocco la Rupe del Gesso, ora mi manca solamente la risalita alla bocchetta di Val Maggia che sbrigo in 30 minuti circa, al valico incontro alcuni escursionisti svizzeri provenienti dalla Capanna Cristallina. Torno sui miei passi fino ai laghi del Boden e m' incammino verso il lago Castel dove decido di fermarmi a mangiare e riposarmi, operazione conclusa!

SPETTACOLARE!!!

Sviluppo planimetrico 25 Km.

Mi scuso per la pessima qualita' delle foto che pubblico causa errata impostazione ISO, peccato!.

 


Tourengänger: adrimiglio


Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Geodaten
 2922.gpx Traccia gps

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (6)


Kommentar hinzufügen

rochi hat gesagt: info
Gesendet am 20. Juli 2012 um 17:51
Ciao,
ho trovato la tua relazione perchè sto progettando un giro simile al tuo ma avrei bisogno di qualche informazione (non uso il Gps).
dal Maria Luisa alla punta Valrossa so che c'è una via non segnalata ma intuibile, quindi credo di cavarmela.
Come mi muovo dalla punta Valrossa alla punta d'Elgio. In cresta? devo tornare a valle e risalire?
E infine: dalla punta d'Elgio vorrei spostarmi al lago di Toggia per tornare al maria Luisa da quella parte. E' possibile? C'è una via o me la devo inventare?
Grazie sin d'ora per una tua risposta e scusa il disturbo.
Ciao, buona montagna.
Rocco.

adrimiglio hat gesagt: RE:info
Gesendet am 20. Juli 2012 um 18:25
Ciao Rocco
nessun disturbo, anzi mi fa piacere poterti aiutare, innanzitutto ti consiglierei di guardare la mia relazione dettagliata dell'escursione che ho pubblicato sul sito Gulliver, con l'aiuto della carta topografica che riporta la traccia GPS in rosso dovrebbe esserti tutto chiaro, se hai qualche dubbio scrivimi che ti chiarisco tutto molto volentieri, il giro è stupendo.

http://www.gulliver.it/itinerario/49266/#!prettyPhoto

adrimiglio@gmail.com

Adry.

rochi hat gesagt: RE:info
Gesendet am 20. Juli 2012 um 18:59
Grazie, ho visto la dettagliata relazione su Gulliver e non dovrei avere problemi. Credo che farò la gita settimana prossima e poi metterò qualcosa su hikr.
Ciao. Rocco.
PS:posto che amo muovermi su vie non segnalate da scoprire (a patto che non ci sia nebbia!), non trovi strano che percorsi così belli non abbiano - in Formazza - uno straccio di segnalazione? Incuria? Menefreghismo? Snobbismo? Mah, di certo gli svizzeri avrebbero fatto diversamente!

rochi hat gesagt: fatto
Gesendet am 26. Juli 2012 um 21:43
Caro Adry, grazie ai tuoi consigli le due vette della valrossa sono fatte. Per un bel po' abbiamo seguito le tue indicazioni, poi abbiamo (aihmè) personalizzato. Se vuoi c'è la relazione in cui mi son permesso di citarti.
Prossimo obiettivo: la punta Marani, hai in giro qualcosa?
Ciao e grazie.
Rocco

adrimiglio hat gesagt: RE:fatto
Gesendet am 27. Juli 2012 um 13:16
Ciao Rocco
complimenti ancora per la vostra riuscita, a proposito come ti è sembrata la relazione che ho messo su Gulliver, si capisce o è il caso di variare qualcosa?
La P.ta Marani non l'ho fatta, ma ho fatto il Cervandone, che ha l'itinerario in comune fino al Colle Marani, poi viene il bello...mentre la salita alla Marani vedendola appunto dal colle non mi è sembrata particolarmente difficile. Riassumendo velocemente: tratto iniziale Devero-Piani della Rossa buon sentiero, poi si prosegue su tracce con due punti molto ripidi, da 2500 m in avanti terreno meno ripido ma scomodo molto sassoso, aiutano le lingue di neve, infine strappo finale ripido fino al colle.

Adry

rochi hat gesagt: RE:fatto
Gesendet am 27. Juli 2012 um 13:59
Ciao,
la tua relazione è ottima e non è il caso di cambiarla o migliorarla (ci sono addirittura le gradazioni dei pendii!!). Ad ogni dubbio che abbiamo avuto, è bastata una rapida lettura per risolvere il problema. Quando abbiamo voluto fare di testa nostra (vedi canalone), siamo (o meglio sono perchè il mio amico è notelvolmente più agile di me) finiti nei pasticci. Ciò, non tanto per quel canalone ma per quello che poi è seguito, vale a dire la parete molto inclinata (credo 45/50°), infida e con pochi appigli: per scendere ho lasciato 45 minuti e un bel po' di ansia.Comunque è stato bellissimo, in uno scenario di primissimo ordine.
Per quanto riguarda la Marani, alle tue aggiungo il pericolo di scariche di cui sono stato recentemente informato. Fino ai piani della Rossa ci sono stato ma non mi è stato possibile studiare l'itinerario causa nebbia. Il mio dubbio è lì: dai piani, dove vado? Quali riferimenti ho per non finire su un'altra cima o in mezzo a qualche pasticcio? (fatto da cui, capirai, non sono immune).
Ciao, sempre grazie per la tua disponibilità.
Rocco.


Kommentar hinzufügen»