Laghi di Chiera Q2364 da Sompreì Q1840


Publiziert von roberto59 , 9. September 2009 um 10:43. Text und Fotos von den Tourengängern

Region: Welt » Schweiz » Tessin » Bellinzonese
Tour Datum:19 August 2009
Wandern Schwierigkeit: T1 - Wandern
Hochtouren Schwierigkeit: L
Wegpunkte:
Geo-Tags: Gruppo Pizzo del Sole   CH-TI 
Zeitbedarf: 4:30
Aufstieg: 660 m
Strecke:Somprei - Alpe Chiera - Laghi Chiera - Q2500 sotto il Pecian
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Percorrere l' autostrada verso il Brennero ed uscire a Faido. Seguire per Carì, quindi per Predelp (ampio parcheggio alla fine della strada asfaltata). Si può proseguire su sterrato stretto e con pochi slarghi fino a Somprei, piccolo abitato a Q1840. Due larghi parcheggi prima del centro abitato. Disponibile acqua da una fontana all'inizio del sentiero.
Kartennummer:1252

Escursione in Val Leventina per vedere due laghetti alpini, che si trovano sotto il Pizzo del Sole.

Partenza da Sompreì, un piccolo gruppo abitato che si trova alla fine di uno sterrato che lo collega a Predelp (dove si può lasciare l’auto ed allungare la gita di una quarantina di minuti) e quindi a Carì.

 

Parcheggiamo poco fuori il borgo abitato, sotto lo sguardo di un gran numero di mucche, fa fresco ma è una spendida giornata.

Purtroppo nei giorni precedenti ha nevicato (a luglio avanzato …),  le cime sono molto ben imbiancate già sopra i 2100mt, ci rendiamo conto subito che sarà necessario un cambio di programma.

Un primo bivio, seguiamo le indicazioni per Alpe Chìera e laghi.

Il sentiero, sempre molto ben segnalato, sale attraversando un ponticello, troviamo una piccola cappella, e proseguiamo attraversando un bel bosco di larici.

Si alternano brevi tratti di piano e tornanti, fino a raggiungere l’ Alpe di Chiera Q2038, posta su un bel piano erboso (e con grossi massi), su un balcone panoramico.

Troviamo una fontana dove dissetarci.

Proseguiamo diritti, sopra le nostre teste la cima con croce del Pecian Q2666, era una seconda tappa della nostra escursione, dopo i laghetti, ma la cima si presenta vistosamente imbiancata …

Oltre l’ Alpe, un altro bivio ci indica di salire verso i laghi, proseguendo si raggiunge Pian Pecian, con alcuni vistosi ripetitori, dove parte il sentiero che sale alla croce di vetta del Pecian.

Noi iniziamo la salita, incontrando le prime chiazze di neve, e via via sempre più neve, fresca e marcia.

Raggiungiamo il laghetto inferiore a Q2344, dove la neve è quasi ovunque ed in alcuni tratti anche abbastanza alta, ma mai consistente.

Il laghetto è bellissimo, scuro dove si specchiano  le biacnhe vette.

Proseguiamo verso la conca poco sopra, dove si intuisce subito la presenza del lago superiore.

Se quello piccolo è bello, questo laghetto, è veramente una perla nera incastonata.

Chiuso completamente tra il Pecian Q2666, il Pecianet Q2764, il Pizzo del Sole Q2773, con il perimetro tutto imbiancato e grossi iceberg bianco-azzurri che navigano lenti al suo interno.

Qui le vette non solo si specchiano, ma incombono sullo specchio scuro, ma brillano dei riflessi del sole sulla neve.

Camminiamo affondando nella neve, portandoci poco sopra il laghetto per controllare la situazione.

Il sentiero è praticamente coperto dalla neve, così come tutto il costone del Pecian.

Proviamo a salire fino a Q2500 cercando un traverso orizzontale verso ovest per raggiungere il costone che porta alla vetta del Pecian.

Praticamente impossibile senza correre rischi.

Decidiamo per una sosta, e finalmente abbiamo il tempo per guardarci attorno con tranquillità.

I laghetti sono 150mt di dislivello sotto di noi, piuttosto a picco, sotto il Pecian, vediamo bene la croce di vetta che speravamo di raggiungere.

Verso valle è tutto aperto, si vede bene l’ autostrada che da Bellinzona sale ad Airolo, il laghetto di Tremorgio è di fronte a noi, molto più in basso, così lo si vede bene.

Una serie di cime bianche dal Pizzo Campo Tencia Q3072, al Pizzo Campolungo Q2713, i grandi ghiacciai alle spalle del Gottardo.

Un paesaggio che grazie alla neve, che ha frenato il nostro cammino, rende ancora più bello da vedere.

Un momento di meritata pausa, prima di scendere di nuovo al laghetto inferiore, ci rendiamo conto che la salita sulla neve è stata particolarmente ripida, e la discesa lo è ancora di più.

Scendiamo al laghetto inferiore e ci ricolleghiamo al sentiero che abbiamo fatto  a salire, per ritornare fino all’ Alpe Chiera dove pranziamo, per poi ridiscendere al parcheggio.

Peccato per la vetta (che grazie al calore della giornata estiva si sta scrollando di dosso la neve …), comunque vedere i due laghetti è stato particolarmente appagante, e la neve lo ha reso ancora più incantevole.

 

Qualche dato :

Percorso completo : 8,2 Km (inclusa la salita a Q2500 sotto il Pecian)

Dislivello               : 660mt assoluto e 770 relativo (inclusa la salita a Q2500 sotto il Pecian)

 

Molte altre foto, cartine e file gps sul nostro sito:

www.girovagando.net                escursione #38

 


Tourengänger: giorgio59m, roberto59, brown

Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Geodaten
 1206.kml KML
 1207.gpx GPX

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen

T4 WS
17 Jul 16
Pecian dai laghi di Chiera · Califfo
T2
16 Jul 11
Laghi Chiera 2361 m · pelle9360
T1
1 Jul 12
Laghi di Chiera (2360 m) · Amedeo
T2
T2

Kommentare (3)


Kommentar hinzufügen

brown hat gesagt: bella escursione
Gesendet am 15. September 2009 um 12:27
Roberto , mi e' molto piaciuta l'escursione nel tentativo di raggiungere la vetta del Pecian che sara' sicuramente da ripetere essendo un'incompiuta.Nel complesso bella e ricca la descrizione come e' nella tua consuetudine .Bisogna come sempre crederci...
Un saluto da Brown

roberto59 hat gesagt: RE:bella escursione
Gesendet am 15. September 2009 um 15:02
carissimo Brown grazie per il complimento, so che apprezzi questo mio modo di scrivere, per tanto ti ringrazio anche se non è nulla di che, dai mi limito a scrivere quello che facciamo nel nostro piccolo, camminate per escursionisti tranquilli come noi.
Alla prossima allora.
Roberto59

gabriele hat gesagt: un po' fuori mano ...
Gesendet am 7. Juni 2011 um 21:20
se si parte dal Brennero :)


Kommentar hinzufügen»