Pécian e dintorni - anello tra nebbia sole e freddo ...


Published by giorgio59m (Girovagando) , 29 July 2013, 16h34. Text and phots by the participants

Region: World » Switzerland » Tessin » Bellinzonese
Date of the hike:28 July 2013
Hiking grading: T3 - Difficult Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: CH-TI   Gruppo Pizzo del Sole   Gruppo Pizzo Molare 
Time: 6:00
Height gain: 1100 m 3608 ft.
Route:Somprei - Alpe Chiera - Pecian - bocchetta verso Pecianet (rinuncia) - ritorno ai laghi di Chiera - Stabbio di Cima - Stabbio dei Vitelli - Somprei
Access to start point:Autostrada per Gottardo, uscire a Faido. Seguire per Faido, e qui per Carì. Salire fino a Carì, proseguire dopo gli impianti sciistici, strada stretta. Dopo Predelp la strada diventa sterrata, ma percorribile con attenzione anche con auto normali. Si parcheggia poco prima di Somprei.

Pécian – chiudiamo un’ incompiuta, ma che giornataccia …

 

 

Le previsioni questa volta ci hanno beffato …

Aspettavamo bel tempo la mattina e qualche pioggia nel pomeriggio, ma la realtà è stata l’ opposto.

 

Partiamo anche questa domenica con mezz’ora d’anticipo sul solito, l’ idea è di beccare meno acqua al ritorno … Dopo la galleria del Ceneri, gli entusiasmi si placano … tutto coperto, le  cime maggiori sono tutte ben coperte, il Claro chiuso da una spessa coltre nuvolosa, nemmeno la Cima di Piancabella salita la scorsa domenica si lascia intravvedere.

 

Alle 7:30 siamo a Somprei, 1847mt, conosciamo bene il posto, tra l’ altro ci siamo stati a luglio del 2009, con l’ intento di salire al Pecian, ma … la neve ci aveva bloccato, la sera precedente aveva lasciato 25cm di neve fresca ed abbiamo rinunciato.

 

Alle 7:40 partiamo, la vetta NON si vede coperta da nuvole basse, ma … questa volta ci si arriva.

Salendo nel bosco inizia anche a piovere, ci ripariamo per 10min, cessa e ripartiamo. Passaggio all’ Alpe di Chiera, ricerca dei tritoni nei laghetti attorno all’ alpe, poi salita fino al bivio laghi Chiera o Pecian.

 

Inizia la bella e abbastanza ripida salita sul fianco del Pecian, in alto non si vede nulla … anche i paravalanghe non li vediamo se non quando arriviamo proprio sotto …

 

Nonostante tutto, alle 10:00 siamo alla grande croce di vetta del Pecian, ci ripariamo per alcuni minuti, tira un vento gelido (e pensare che a casa si boccheggia), possiamo proprio dire che fa freddo, ci si copre.
 

 

 

Il programma prevede di proseguire sul Pecianet, sappiamo del tratto attrezzato con funi, il problema maggiore è che non si vede nulla, il gran vento e le rocce che umide sono diventate viscide.

 

Che si fa? Si prosegue, almeno ci si prova.

 

Percorriamo la cresta, siamo in pieno vento e completamente immersi nelle nuvole, visibilità meno di 10mt ….

Arriviamo al tratto attrezzato, caspita come è ripido.

Mi siedo e aggrappato al primo tratto controllo la situazione. Certo che è bello in piedi, ma la cosa che più mi preoccupa è che gli appoggi sono incerti per la roccia viscida, calarsi giù solo con gli appigli mi pare poco sensato …

 

Uno alla volta controlliamo il tratto attrezzato, e poi a maggioranza si decide, e saggiamente si decide di tenere la visita al Pecianet per un’altra volta.

Rischiare per salire sulla cresta stretta, in mezzo a nuvole, vento forte e gelido, per vedere “una mazza”, su una vetta che è un meraviglioso punto panoramico , direi proprio che non ne vale la pena.

 

Quindi scendiamo per lo stesso percorso, passato il ripetitore (ci si passa sopra) ed arrivati ad un serbatoio per l’ acquedotto abbandoniamo il sentiero per salire in libera ai laghi.

 

Ci dovrebbe essere (e lo abbiamo visto al laghetto inferiore) un sentierino poco o per niente segnalato che taglia attorno i 2300mt tra i laghi ed il costone del Pecian, ma non lo abbiamo visto, anzi abbiamo visto dei bolli giallo-rossi che finivano in nulla …

 

Alle 11:30 siamo al lago basso, poi il lago alto e cerchiamo un posto dove ripararci dal vento per pranzare.

Le nuvole ed il vento non mollano, per lunghi momenti non vediamo nemmeno il lago che è a pochi passi.

Ben coperti pranziamo, e alle 13:10 decidiamo di scendere, anche qui niente foto ricordo (in cima al Pecian era impossibile per vento e visibilità), arrivati a Q2240 (sotto Stabbio di Cima) propongo agli amici un anello, e prendiamo il sentiero in costa che porta verso la Bassa di Sou.

 

Il tempo migliora, ed arrivati ad un grande omone di sasso, zona Stabbio dei Vitelli) a Q2224 ci fermiamo per una meritata sosta, questa volta al sole.

 

Altri 50min di relax, per poi riprendere il ripido sentiero che scende fino a Q2000, dove incontra il sentiero Somprei -  Passo Predelp, scendiamo a Somprei arrivando al parcheggio alle 14:40, mai così presto, pur avendo percorso 10Km.

 

Resta un leggero amaro in bocca, ma neppure tanto, abbiamo deciso comunque bene, peccato per il meteo, ma a quello (e qual cosa d’altro) non si comanda ….

 

E’ l’ultima escursione prima della pausa estiva (per il sottoscritto), ci si vede dopo la seconda metà del prossimo mese, speriamo subito un bel tremila …

Ciao

 

Giorgio

 

 

 

Vista da Roberto  - (roberto59)

Purtroppo il meteo ci ha traditi, peccato aver rinunciato al Pecianett, ma assolutamente corretto così, non aveva senso rischiare di cadere con un volo di 10 metri su della roccia liscia e bagnata, per il resto una bella escursione in compagnia degli amici, camminata piacevole e rilassante a parte il vento freddo che ci ha dato parecchio fastidio.
Il ritorno a casa a 38 gradi da impazzire se pensiamo ai pochi gradi della giornata, per ora un saluto a presto buona vacanze a tutti ciao

Roberto 

 

 

 

Vista da Gimmy  - (gimmy)

meteo veramente strano, che in parte ha un pò stravolto i nostri piani ...peccato ,comunque è stata
una bella domenica  con  gli amici ,la camminata è stata piacevole a parte  alcuni momenti  in cui la visibilità ,e il vento a tratti davano veramente fastidio.sempre molto belli e suggestivi i laghi di Chiera

ciao alla prossima e buone ferie a tutti

 

 

Vista da Barba  - (barba43)

 

Anche oggi siamo andati su una bella cima, Giorgio sempre centellina posti favolosi.
Siamo andati al monte Pecian, sopra Somprei, un giro bello ed anche impegnativo, purtroppo il freddo la nebbia ed anche il vento, ci ha fatto desistere, perchè volevamo fare anche la cima del Pecianett, ma in cresta non si vedeva più di 5/10 metri, e le rocce erano bagnate dalla nebbia che imperversava, così siamo scesi ai laghi di Chiera a ripararci dal freddo e dal vento.
Lì abbiamo pranzato vicino al lago più grande, la nebbia ogni tanto lo copriva del tutto.
Dopo aver riempito le pance, ed imbacuccati per il freddo, siamo scesi alla macchina non per la stessa via dell’ andata.

Comunque è sempre stata una bella giornata, in allegria come d’ abitudine.
Auguro a tutti gli Hikriani buone ferie.
alle prossime
ciao a tutti

Barba

 

 

 

 

Il solito riassuntino:

Percorso :  10.1 Km totali, 8h:20m totali, 6:00m di cammino

Andata   :   4.1 Km, 2:10 lorde, 0:15m soste (alla vetta del Pecian)

                   7.0 Km, 4:00 lorde, 0:30m soste (pranzo lago superiore Chiera)

Ritorno   :   3.1 Km, 2:10 lorde, 55m soste (da Q2224 con sosta 50min)

 

Dislivello :  823 mt di assoluto , 1100 mt di relativo

 

Partecipanti :  Giorgio, Paolo, Gimmy, Luciano

 

Altre foto, diario, tracce sul nostro sito     

 

www.girovagando.net        escursione # 166




Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window

T3
T2
T3
T3+ II
28 Jun 15
Pécian · Giaco
T3
18 Jun 13
Pécian e Pécianett · Laura.

Comments (21)


Post a comment

Amedeo says:
Sent 29 July 2013, 17h16
Ciao a tutti i monelli!!
A presto
Amedeo

Sent 1 August 2013, 20h16
Ciao Amedeo buone vacanze....monellaccio

Amedeo says: RE:
Sent 2 August 2013, 09h39
Vacanze?? Cosa sono??
Monellaccio io?? Non sono santo solo perchè non credente!!
Ciao

Sent 2 August 2013, 09h41
..sono cose strane che alcuni fanno........
sant' Amedeo da Coscia

ivanbutti says:
Sent 29 July 2013, 17h46
A casa bisognava stare fermi per non sudare, non avrei mai detto che nel Sopraceneri il clima potesse essere così diverso!
Bravi comunque, non mollate mai.

Ciao, Ivan

Sent 30 July 2013, 09h16
Quando abbiamo chiamato casa non ci credeva nessuno che stavamo al freddo, e che frescolino.
In tutta sincerità ci siamo goduti anche il fresco, qualcuno diceva stassera lo rimpiangeremo ... e così è stato.
Ciao



Sent 1 August 2013, 20h16
Ciao Ivan.........in effetti arrivato a casa non mi muovevo per non sudare ma ti assicuro gran freddo prima, ciao buone vacanze a settmebre se riusciamo si fa qualcosa insieme
Ciao

Laura. says:
Sent 29 July 2013, 17h53
Ottima scelta...anche perchè la salita al Pecianet con la nebbia e il bagnato sarebbe stata più pericolosa che la discesa con le funi.
Di sentieri per scendere o salire al Pecian ce ne soo almeno tre: uno quello che avete percorso voi, uno che passando dai laghi di Ghiera arriva direttamente alla croce (bello e diretto) e l'altro che taglia a metà il percorso di discesa (credo sia quello che avete visto) e di cui puoi trovare la traccia gps su una mia relazione.

Sent 30 July 2013, 09h14
Grazie Laura delle informazioni.
La visibilità era ... forse 5mt e mettersi a cercare sentieri in quelle condizioni era da incoscienti.
Visto che di certo ci torneremo (una incompiuta si DEVE sempre chiudere), magari proviamo un altro dei due sentieri che ci hai segnalato.
Ciao


beppe says:
Sent 29 July 2013, 18h21
Sempre bravi un caro saluto
Beppe

Sent 30 July 2013, 09h12
Grazie Beppe, ricambio il caro saluto.
Ora metto gli scarponi a riposo per una ventina di giorni ...
A presto


Massimo says: "Gruppo sfighis"
Sent 29 July 2013, 21h30
...... osti ma se siete rognati, quando vi muovete voi alla domenica è garanzia di maltempo. Provate con un'opera di stregoneria del Bradipo...... magari!!!!
Scherzi a parte complimenti x la costanza.

Saluti dal big elephant

giorgio59m (Girovagando) says: RE:"Gruppo sfighis"
Sent 30 July 2013, 09h11
Ehi BIG ELEPHANT ved de curas !
Che dire del meteo? siamo bravi a non beccarne una giusta ...
la prossima consulto
www.ilmeteodelbradipo.it
:-)


roberto59 (Girovagando), says: RE:"Gruppo sfighis"
Sent 1 August 2013, 20h17
Ciao Elephant
ta ghet resun ...........faseva un cald bestia e num murivum del frecc..........saludi
sta su viscur ul rubert

Francesco says:
Sent 30 July 2013, 11h09
...Non vi è alcun dubbio:: L'oscar delle giornate di cattivo tempo è Vs.
Incredibile..... l'unica valle al fresco l'avete trovata.... grandi.

Ciao, buone vacanze a Voi tutti.

zar says:
Sent 30 July 2013, 15h14
...come testa d'ariete a sfondar portoni, sfidano i monti i nostri campioni...
...la pioggia ed il vento sul loro cammino, imperterriti vanno di fronte al destino...
...se voi montanari li vedete arrivare, spostatevi a lato e lasciateli passare...
Bravi !!!!
Ciao a tutti
Luca

Sent 30 July 2013, 15h20
Ma chi sei Ungaretti ?
ciao ;-)

Sent 31 July 2013, 08h26
Bravo sei un poeta,dai che mettiamo su un'opera
ciao Zar

Sent 1 August 2013, 20h14
Grande poeta .....ma grande montanaro soprattutto ciao a presto
Roberto

gbal says:
Sent 1 August 2013, 19h55
Se non avete forato la nebbia voi ben GPS-assistiti chissà altri eventuali turisti. Purtroppo ogni tanto capita la giornata che non è come la si vorrebbe ma così avete la motivazione per tornarci di nuovo.
Buone vacanza, Girovagando!

Sent 1 August 2013, 20h15
Grazie Giulio sempre molto gentile, buone vacanze anche a te e buona montagna
Roberto ciao


Post a comment»