Capoliveri Bike Park: Percorso C, Ripa EST – EMTB


Published by siso Pro , 2 October 2018, 22h10.

Region: World » Italy » Tuscany
Date of the hike:20 September 2018
Mountain-bike grading: PD - Moderate
Waypoints:
Time: 3:15
Height gain: 869 m 2850 ft.
Route:Spiaggia di Naregno (4 m) – Vigne Vecchie – Capoliveri, Piazza del Cavatore (164 m) – Pinocchiello – Bivio Cavallacce – Saglione (298 m) – Poggio Fino (307 m) – Ristorante Ripalte (217 m) – Poggio Turco (181 m) – Costa dei Gabbiani – Punta dei Ripalti (estrema punta sud dell’Isola d’Elba) – Punta Buzzancone – Capoliveri – Vigne Vecchie – Naregno.
Access to start point:Dalla Svizzera: Chiasso Brogeda – A9 – Milano – A1 – Parma – A15 – Passo della Cisa – Aulla – Livorno – Piombino – Traghetto – Portoferraio – Naregno. Pedaggi autostradali: 39,40 € (solo andata). Costo traghetto Piombino – Portoferraio (a/r) per un’auto e due persone: 120,45 €.
Accommodation:Alberghi o campeggi a Capoliveri e dintorni.
Maps:Itinerari in mountain bike e trekking sul Monte Calamita – 1:25000; Kompass 5765, Elba, Extra Tourenkarte – 1:35000.

Terza escursione in bici del soggiorno all’Isola d’Elba, seguendo in buona parte il percorso Ripa Est, ma con tratte di “Legend Cup” e alcune varianti sia volute che involontarie.

La meta principale di oggi è l’estremo punto sud dell’Isola d’Elba: la Punta dei Ripalti.

 

Inizio dell’escursione: ore 8.35

Fine dell’escursione: ore 11.45

Pressione atmosferica, ore 9.00: 1017 hPa

Temperatura alla partenza: 23°C

Isoterma di 0°C, ore 9.00: 4000 m

Temperatura al rientro: 25°C

Velocità media del vento: 3 km/h

Sorgere del sole: 7.03

Tramonto del sole: 19.19

 

Partenza di buon’ora oggi: alle 8.35 inforco la bici e mi avvio dalla spiaggia di Naregno verso Capoliveri. La pace dell’isola per tre giorni sarà parzialmente turbata dal XXX Rally Elba Storico, kermesse valida per il Campionato Europeo Rally Storici, che prevede tre giorni di sfide, con un totale di 9 prove speciali.

Non sono un amante degli sport motoristici, per cui mi disinteresso completamente all’evento; mi limiterò tutt’al più ad una veloce visita del parco veicoli alla fine dell’escursione.

In venti minuti arrivo alla Piazza del Cavatore (164 m): il punto di partenza di tutti gli itinerari del Monte Calamita. Il nome del percorso rivela che il suo sviluppo si colloca sul versante est del Monte Calamita, che si affaccia sul litorale toscano della Maremma fino al promontorio dell’Argentario. Percorro la Via Alcide De Gasperi verso Pinocchiello, sulle rampe asfaltate fino al bivio delle Cavallacce, quindi scendo a sinistra sulla sterrata. Da qui via il percorso è molto più selvaggio rispetto alla tranquilla strada delle miniere che si sviluppa sul versante occidentale del monte. Mi avventuro anche su un single-track, che mi porta ad una quota superiore ai trecento metri.

A Poggio Fino (307 m) il segnavia del percorso C è spuntato e girato da una parte sbagliata. Morale della favola: compio un anello di 1200 m nella macchia, che ha il pregio comunque di offrirmi delle spettacolari vedute sul Tirreno. Per mantenere le buone abitudini raggiungo il bar/ristorante della Tenuta delle Ripalte per l’abituale cafferino. Elisa ormai mi conosce e mi prepara il corroborante prima ancora che parcheggi la bici.

All’altezza della Reception della Tenuta delle Ripalte supero la barriera automatica a catena e scendo lungo l’itinerario “Legend Cup” verso lo spettacolare Poggio Turco e la Costa dei Gabbiani. È uno dei tratti più affascinanti che abbia mai percorso in bicicletta!
 


La sterrata scende fino alla Punta dei Ripalti, l’estremo punto sud dell’Isola d’Elba.

Non mi resta ora che risalire in quota per circa 200 m di dislivello, prima di affrontare un impegnativo single-track, sempre della “Legend Cup”, che passando in prossimità delle Miniere del Ginevro,  lambisce Capo Calvo, Punta Nera e la Spiaggia di Buzzancone.

Il rientro a Capoliveri e a Naregno si compie lungo le note vie, dapprima sterrate, poi con un manto d’asfalto.

 

Ulteriore escursione in MTB in un paesaggio incantevole fra macchia mediterranea, spiagge, cale, baie, golfi, valli e casolari ben fatti: è un vero piacere pedalare in questo parco!

 

Tempo totale: 3 h 10 min

Quota minima: 1 m

Quota massima: 327 m

Dislivello in salita: 869 m

Sviluppo complessivo: 31,9 km

Pendenza media: 8,5%

Pendenza massima: 26,5%

Difficoltà: PD

Consumo batteria: 54%

Copertura della rete cellulare: buona.

Hike partners: siso


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (4)


Post a comment

danicomo says:
Sent 2 October 2018, 23h13
Pietanze tante ma minerali pochi!!!
Ti è passata la passione? ;-))

siso Pro says: RE:
Sent 3 October 2018, 10h03
La raccolta di rocce e minerali è regolamentata da precise norme di legge e richiede un'autorizzazione da parte degli organi competenti, a maggior ragione in un parco nazionale.

GIBI says:
Sent 3 October 2018, 19h40
Non sono mai stato purtroppo all'Isola d'Elba però grazie alle tue " pedalate " mi sembra quasi di cominciare a conoscerla !

ciao Giorgio

siso Pro says: RE:
Sent 3 October 2018, 20h05
È un posto di straordinaria bellezza, molto godibile alla fine dell'estate, quando la massa se n'è ormai andata. L'acqua è ancora calda e l'aria è frizzante. L'unico aspetto negativo è dovuto alla quasi completa sfioritura della ricca flora dell'isola. In alternativa è molto piacevole anche il mese di maggio: pochi turisti, acqua marina accettabile e fiori stupendi.
Ciao,
siso.


Post a comment»