Cima della Costa 1931mt - segnali di fumo verso Dalpe


Publiziert von giorgio59m , 13. Februar 2018 um 10:37. Text und Fotos von den Tourengängern

Region: Welt » Schweiz » Tessin » Bellinzonese
Tour Datum:11 Februar 2018
Schneeshuhtouren Schwierigkeit: WT3 - Anspruchsvolle Schneeschuhwanderung
Wegpunkte:
Geo-Tags: CH-TI   Gruppo Pizzo Campolungo 
Zeitbedarf: 5:00
Aufstieg: 780 m
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Autostrada per il Gottardo, uscire a FAIDO. prendere subito a sinistra e poi ancora a sinistra. Seguire per Dalpe (è la prima a destra). Salire in paese e attraversarlo tutto fino al parcheggio. Il parcheggio è conosciuto da chi sale alla Campo Tencia (capanna o cima)

   
 

Genio e sregolatezza

           Vista da Giorgio     -    (giorgio59m)     

 

Datemi il tempo di spiegare  il perché di un titolo del genere.

Continua la voglia di ravano nella neve, lontanto dai percorsi classici o peggio delle piste di sci.

Per la sicurezza della meta mi affido alla bella relazione dell’ amico siso, la propongo agli amici, non abbiamo mai percorso il sentiero che sale al passo Vanit, quindi tutto nuovo.

Parcheggiamo a Dalpe, parcheggio classico per la capanna Campo Tencia o i Pizzo omonimo (in estate si parcheggia più in alto). Temperatura -6°, azzzz.

La neve abbonda e questo ci fa certamente felici. Partiamo con le ciaspole nello zaino percorrendo la strada che risale il paese in direzione di Cleuro.

Proseguiamo fino alla fine della strada, ed iniziamo il sentiero che corrisponde al percorso per racchette “rosso”.

A Dalpe sono stati organizzati vari percorsi per racchette, ed anche un servizio di noleggio. Sono adatti ai primi approcci, se accompagnate un amico per provare questa esperienza direi che è il posto adatto.

Torniamo al nostro giro, siamo ancora con le ciaspole appese allo zaino, non si sprofonda e proseguiamo verso Cleuro.

Arriviamo all’inizio della strada forestale di Bosco Bello, e qui calziamo finalmente le nostre ciaspole, e proseguiamo seguendo deboli tracce di sciatori e ciaspolatori.

A Q1350 incontriamo un bivio, proseguendo diritto si continual il percorso rosso per le racchette, deviando a destra invece si sale verso le Alpi Cadonigo e Cadonighino e oltre al Passo Vanit e alla Capanna Leit.

Inizia una lenta salita fatta di traversi e tornanti, che ci portano in quota. Il bosco e l’ambiente sono magnifici.

Poco oltre Q1600 si esce dal bosco di abeti, il paesaggio si apre su una bella distesa di neve fresca ed intatta.

Passiamo vicino all’ Alpe Scontra e proseguiamo in salita seguendo indicazioni su una palina che appena spunta dalla neve.

Qui deciamo di tagliare diritti verso l’Alpe Cadonigo (diversamente dal giro di siso), non conoscendo la zona seguiama la direzione indicata dal gps, quindi salita ripida-ripida nel bosco, un centinaio di metri, un anticipo della fatica per la vetta.

Ancora una volta, usciti dal bosco ci troviamo in una spianata bianca e meravigliosa, resa ancora più bella da un bel sole spendente.

Si sale ora con lieve pendenza e si raggiunge l’ Alpe Cadonigo Q1788, un complesso di tre costruzioni, di cui una è una ampia stalla.

La neve è veramente alta e ricopre i tetti fino a toccare terra.

Seguiamo un canale alle spalle dell’ alpeggio che con uno strappetto ci porta ad una radura senza piante, davanti a noi la grande mole del Pizzo del Lambro, a sinistra la sua cresta, una sella e a sinistra di questa sella la nostra destinazione, la Cima della Costa, difficile individuarla da sotto, perché il bosco arriva praticamente fino alla sua quota, ma è evidente quale sia il punto più alto.

Mancano 100mt circa di dislivello, ma sono tutti da sudare.

Gli amici mi staccano come sempre, ed io seguo il loro zig-zagare nel bosto a cercare la via meno ripida e più sicura. In ogni caso siamo nel bosco quindi non ci sono pericoli, solo una bella fatica.

Arrivo ad una grossa pietra, ma non vedo gli altri, ma li sento vociare.

La cima è una decina di metri più avanti, apparentemente non c’e’ nulla (croci o ometti) che la distingue o se c’è è ben coperta.

Oltre al vociare c’e’ grande fermento sulla piccola cima, Paolo sta scavando una buca profonda circa un metro e larga poco più.

Abbiamo preso l’abitudine di portare una piccola pala pieghevole, e mai come quest’anno è stata utilizzata.

 

Se l’idea iniziale era di tornare all’ alpe per pranzare, raggiunta la cima alle 11:00 (Paolo) e alle 11:20 (io), il sole, il cielo azzurro ed una gran bel panorama hanno convinto tutti a fermarsi in vetta per il pranzo.

Non fa caldo, anzi il fumo che esce ad ogni respiro ci conferma che siamo sotto lo 0, ma tra poco un bel fuocherello ci renderà tutto più piacevole.

Questo è il genio, non so quanti potrebbero pensare di attrezzare un fuoco sicuro a quasi 2000mt, dico sicuro perché nella buca profonda a circondato da metri di neve, l’unico pericolo è che il fuoco non riesca ad alimentarsi.


 

Ma ci vengono in aiuto parecchi larici secchi ed ormai morti, perfetti per lo scopo.

Avviato il fuoco anche con un po’ di fumo, chissà cosa avranno pensato a valle …, il muratore Paolo prepara due divani di neve ai due lati dove potersi sedere e pranzare.

Tutto questo gran lavoro e l’approvigionamento della legna ci porta a dopo mezzogiorno, orario per il nostro pranzo al sacco.

E’ tutto così bello e curioso che è perfino difficile descrivere la situazione, beh immaginateci in cinque seduti con i nostri panini attorno ad una buca dove un bel fuoco riscalda tutto attorno.

Vengono in mente le scene anni 90 con giovani sulla spiaggia attorno al fuoco, con quello che suona la chitarra, ecco spostate l’ambiente su una cima, metteteci ben oltre un metro di neve, togliete quello della chitarra (quello che rimorchia sempre), aggiungete sana allegria, un buon caffè, la nostra grappetta e lo sviluppin (Vov), il quadro è completo.

Spegniamo il fuoco e riempiamo la buca con tutta la neve intorno, ed iniziamo la discesa e sarà un godimento unico.

Se la salita è tutta un zig-zag in discesa ci buttiamo sui fronti ripidi ognuno su una pista diversa per far presa, fregandosi delle pendenze e solcando la neve sprofondando di svariate decine di centimetri, quelli che danno la sicurezza.

Raggiunto il pianoro sotto la vetta, scendiamo senza passare dall’ Alpe Cadonigo, l’idea era di raggiungere l’ Alpe Cadonighino, e ci siamo arrivati vicini, poi visto un discesone che ci porta verso la strada della mattina (ma molto sotto) ci tuffiamo in una discesa decisamente ripida, ma incuranti di ogni cosa, godimento allo stato puro.

E sarà così anche percorrendo la strada, sempre a guardare sotto per vedere se si vede in basso la traccia, e quindi tuffarsi nella neve anche ripidissima taglaindo il tornante successivo.

Un gioco da bambini? Forse ma troppo bello.

Con tanti tagli la discesa diventa veloce, e per non farci mancare un ultimo taglione, non passiamo dalle strade del paese ma scendiamo sopra le prime case e raggiungiamo il parcheggio direttamente sulla neve.

Se utilizzerete la nostra traccia, attenzione a seguire quella di salita, poi in discesa divertitevi come volete.

Ci siamo gustati al massimo questa giornata, tutti soddisfatti della bella ravanata, del pranzo attorno al camino e delle discese ardite.

Alla prossima.

 

 
 
   
 

           Vista da Roberto   -    (roberto59)                        

 

Giornatona, bellissimo meteo, gruppo di amici sempre ottimo, neve spettacolare. Ciao
 

Lettera testamento del Ten. Adolfo Ferrero

Venne scritta alla vigilia della battaglia dell’Ortigara, precisamente alle ore 24.00 del giugno 1917, dal Ten. Adolfo Ferrero, torinese della classe del 1897 (20anni), arruolato nel 3° Reg. Alp. Btg. Val dora,insignito di medaglia d’argento. V.M.
Gli venne conferita la Laurea ad Honorem in lettere e filosofia, trovò eroica morte il 19 giugno 1917 e le sue spoglie riposano al Sacrario Militare di Asiago, questa venne rinvenuta dopo oltre 40 anni, in perfetto stato di conservazione e con ancora alcune tracce di sangue, assieme ai resti mortali di un soldato che si presume fosse l’attendente, al quale aveva consegnato la lettera perché la recapitasse.


18.06.1917 ore 24,00
Cari genitori
Scrivo questo foglio nella speranza che non vi sia bisogno di farvelo pervenire.
Non ne posso fare a meno: il pericolo è grave, imminente. Avrei un rimorso se non dedicassi a voi questi istanti di libertà, per darvi un ultimo saluto. Voi sapete che io odio la retorica, ...no, no, non è retorica quello che stò facendo. Sento in me la vita che reclama la sua parte di sole, sento le mie ore contate, presagisco una morte gloriosa, ma orrenda... Fra cinque ore qui sarà l’inferno. Tremerà la terra, s’oscurerà il cielo, una densa caligine coprirà ogni cosa, e rombi, e tuoni e boati risuoneranno fra questi monti, cupi come le esplosioni che in quest’istante medesimo odo in lontananza. Il cielo si è fatto nuvoloso: piove... Vorrei dirvi tante cose…tante…ma voi ve l’immaginate. Vi amo. Vi amo tutti tutti.
Darei un tesoro per potervi rivedere, ...ma non posso... Il mio cieco destino non vuole.
Penso, in queste ultime ore di calma apparente, a te Papà, a te Mamma, che occupate il primo posto nel mio cuore, a te Beppe, fanciullo innocente, a te o Adelina.. addio.. che debbo dire?
Mi manca la parola, un cozzare di idee, una ridda di lieti, tristi fantasie, un presentimento atroce mi tolgono l’espressione... No, no, non è paura. Io non ho paura! Mi sento ora commosso pensando a voi, a quanto lasciò, ma so dimostrarmi dinanzi, ai miei soldati, calmo e sorridente. Del resto anche essi hanno un morale elevatissimo.
Quando riceverete questo scritto fattovi recapitare da un’anima buona, non piangete e siate forti, come avrò saputo esserlo io. Un figlio morto per la Patria non è mai morto.
Il mio nome resti scolpito indelebilmente nell’animo dei miei fratelli, il mio abito militare, e la mia fidata pistola (se vi verrà recapitata) gelosamente conservati stiano a testimonianza della mia fine gloriosa. E se per ventura mi sarò guadagnata una medaglia, resti quella a Giuseppe...
O genitori, parlate, frà qualche anno, quando saranno in grado di capirvi, ai miei fratelli, di me, morto a vent’anni per la Patria. Parlate loro di me, sforzatevi a risvegliare in loro ricordo di me... M’è doloroso il pensiero di venire dimenticato da essi... Fra dieci, venti anni forse non sapranno nemmeno più di avermi avuto fratello...
A voi poi mi rivolgo. Perdono, vi chiedo, se v’ò fatto soffrire, se v’ò dati dispiaceri. Credetelo, non fu per malizia, se la mia inesperta giovinezza vi à fatti sopportare degli affanni, vi prego volermene perdonare.
Spoglio di questa vita terrena, andrò a godere di quel bene che credo essermi meritato.
A voi Babbo e Mamma un bacio, un bacio solo che vi dica tutto il mio affetto. A Beppe a, Nina un altro. Avrei un monito: ricordatevi di vostro fratello. Sacra è la religione dei morti. Siate buoni. Il mio spirito sarà con voi sempre.
A voi lascio ogni mia sostanza. E’ poca cosa. Voglio però che sia da voi gelosamente conservata.
A Mamma, a Papà lascio... il mio affetto immenso. E’ il ricordo più stimolabile che posso loro lasciare.
Alla mia zia Eugenia il crocefisso d’argento, al mio zio Giulio la mia Madonnina d’oro. La porterà certamente. La mia divisa a Beppe, come le mie armi e le mie robe. Il portafoglio (l 100) lo lascio all’attendente.
Vi Bacio
Un bacio ardente di affetto dal vostro aff.mo Adolfo
Saluti a zia Amalia e Adele e ai parenti tutti.

 

 
 
   
 

           Vista da Paolo   -    (brown)                        

 

Giornatona con tanta neve oggi.
Siamo in 5 oggi in attesa del ritorno del nostro mitico Barba. Ti aspettiamo al piu' presto!!!
La scelta di oggi e' un percorso con partenza da Dalpe .

Camminata tranquilla fino all'alpe Scontra, dove la salita e la neve ancora intonsa si fanno sentire sulle gambe.

All'alpe Cadonigo breve sosta per spuntino e per decidere quale direzione prendere e nel frattempo ammiriamo la tanta neve sui tetti delle costruzioni .
La Cima della Costa e' circa 150 metri piu' in alto e non si vedra' finche' non saremo arrivati in cima .

Questo tratto e' molto ripido e in mezzo alle piante, ma la neve tiene bene e si sale senza difficolta'.
In vetta il panorama e' decisamente bello e a parte qualche larice secco non c'e' croce di vetta.
La temperatura e' bella fresca , arriva anche della neve portata dal vento che proviene dalla parte opposta della val Leventina dove le cime sono coperte dalle nuvole.
Il sole pero' sul nostro versante rimane e ci apprestiamo a inventarci qualcosa di diverso.
Con la pala scaviamo un bel buco e la neve verra' usata per creare una panchina intorno al focolare .

Recuperiamo parecchia legna secca e nel giro di 10 minuti la festa ha inizio.

Un bel fuoco scaldera' la nostra permanenza in vetta cosi' che come sempre ci gustiamo panini dolci futta caffe' e ammazza caffe'.
E' stato spettacolare , con poco ci siamo attrezzati per rendere la nostra sosta  un bellissimo ricordo.
Finiti i cerimoniali ci siamo goduti una fantastica discesa in fuoripista cosi' da arrivare al parcheggio di Dalpe in meno di 2 ore e percorrendo circa  1km in meno di strada rispetto all'andata.
Gran bel regalo oggi una bella esperienza insieme ai girovagando boys.
Grazie ragazzi alla prossima

 

Paolo

 

 
 
   
 

              Vista da Gimmy-    (gimmy)

 

Noi tutti abitiamo vicino a Cantù, e l ultimo giovedi di gennaio è tradizione fare la giubiana  (non mi addentro in cenni storici) ma detto in parole povere: si fa un bel falò, e si fa festa attorno al fuoco.
Anche noi ieri abbiamo fatto tutto questo in miniatura, con una differenza sostanziale eravamo in cima alla montagna , e circondati da metri di neve.
Escursione sulla neve da ricordare: sia per la neve ideale per ciaspolare, sia per il paesaggio immacolato , sicuramente era da tempo che non ci passava nessuno,non abbiamo incontrato anima viva come si suol dire, anche ieri .
Ciliegina sulla torta i bei rivoni ripidi in discesa,in cui ci siamo buttati a capofitto ,facendo dei bei tagli ai vari tornanti: gran  divertimento
fra l'altro dovevo testare l'ultimo regalo ricevuto, le ciaspole nuove
grazie agli amici per la bella giornata

CIAO ALLA PROSSIMA

  

 
 
     
 
RIASSUNTO del PERCORSO
Percorso Totale : 9,8 Km totali, 6h:40m totali, 4:30m di cammino
Andata : 5,5 Km, 3:10 lorde, 20m soste
Ritorno : 4,3 Km, 1:40 lorde, 05m soste
Dislivello : 730 mt di assoluto , 780mt di relativo
Libro di vetta: NO
Copertura cellulare: Buona sul percorso
Partecipanti :

Giorgio, Paolo, Roberto, Gimmy, Angelo

 
 
   
   

Altre foto, diario, tracce sul nostro sito     

www.girovagando.net        escursione # 302

  

 

 
 

Tourengänger: giorgio59m, roberto59, brown, gimmy


Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (7)


Kommentar hinzufügen

Menek hat gesagt:
Gesendet am 13. Februar 2018 um 10:48
Giornata per "addetti ai lavori"... :)))

numbers hat gesagt: Bravi!
Gesendet am 13. Februar 2018 um 11:06
Gran bella avventura !
Ed inventiva !!!

Ciao

giorgio59m hat gesagt: RE:Bravi!
Gesendet am 13. Februar 2018 um 16:20
Grazie Mario ... mancavano solo salamelle e musica

zar hat gesagt:
Gesendet am 13. Februar 2018 um 13:05
...se adesso vi mettete anche a girare coi "badili" mi fate paura!!!!
...a parte che gli anni passano e le foto ricordo, ormai, le fate col "gipunin"...vecchi!!!
Un abbraccio...
Ciao
Luca

Francesco hat gesagt:
Gesendet am 14. Februar 2018 um 07:16
...Ma bravi, sempre a ravanare in angoli poco conosciuti,vi ho pensato: (kissadovesaranno)-

La mia scalata domenicale: Divahorn,cresta N\O..una goduria-

GIBI hat gesagt:
Gesendet am 14. Februar 2018 um 13:37
Boscobello e il Passo Venett o Vanitt sono una delle mie mete preferite nel periodo estivo per poi salire in Leit fare il passo e tornare dalla Campo Tencia ... però nel manto invernale ha tutto un altro fascino fiabesco ... e per quanto riguarda i segnali di fumo fate attenzione perché come diceva il buon Vasco ... Vacca gli indiani !

ciao Giorgio

gbal hat gesagt:
Gesendet am 18. Februar 2018 um 17:26
Ah ma che bella congrega siete voi. Ognuno porta del suo. Paolo ha evidentemente seguito un corso di sopravvivenza ed ha sfoggiato le nozioni apprese con positiva ricaduta sulla vs. mensa. Ma ognuno so che ha dato del suo. Bravi.
Quanto a Roberto.....una testimonianza da brividi quella che porta.
Ciao a tutti


Kommentar hinzufügen»