Camoghè 2228 e Gazzirola 2116 m


Publiziert von cristina , 5. Januar 2017 um 10:50. Text und Fotos von den Tourengängern

Region: Welt » Schweiz » Tessin » Sottoceneri
Tour Datum:18 Dezember 2016
Wandern Schwierigkeit: T3 - anspruchsvolles Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: CH-TI   I   Gruppo San Jorio-Monte Bar   Gruppo Camoghè   Gruppo San Lucio-Monte Boglia 
Strecke:Colla-Chiesa di Scatian-Alpe Pietrarossa-Pozzaiolo-Corte Lagoni-Bocchetta di Revolte-Camoghè-Bocchetta di Revolte-Corte Lagoni-Gazzirola-Croce-Rifugi Gazzirola e San Lucio-Alpe Cottino-Cozzo-Colla
Zufahrt zum Ausgangspunkt:MIlano Chiasso uscita di Lugano Nord, seguire le indicazioni per Valli di Lugano e poi per Tesserete, da qui seguire quelle per la Val Colla. Ampio posteggio all'entrata del paese o all'uscita se si arriva da Bogno.

Lasciata l’auto nell’ampio posteggio all’entrata di Colla saliamo alla Chiesa di Scatian e fino a qui tutto bene, se non fosse che i due Marco chiacchierano a più non posso senza prestare attenzione a dove stiamo andando, loro salgono, poi se stiamo andando nella direzione giusta chi lo sa!!!

Di fatto non ci sono molti segni, seguiamo qualche traccia, passiamo qualche casa, riesco a farli stare zitti due minuti per controllare se stiamo andando nella direzione giusta e finalmente raggiungiamo la sterrata con indicazione Alpe di Pietrarossa. A questo punto la seguiamo e li lascio andare….poi dicono delle chiacchiere delle donne!

Raggiungiamo il P.so Pozzaiolo e Corte Lagoni e con un traverso per la maggior parte in ombra raggiungiamo la Bocchetta di Revolte dove facciamo una breve sosta prima di affrontare lo strappo finale.

Continuano a stupirmi questi luoghi dove siamo stati molto di rado. Forse perché la prima volta eravamo saliti al Pizzo di Gino con un’escursione nata male. Un’escursione che avevamo pesantemente odiato per tanti motivi, alcuni nemmeno inerenti all’escursione in sé. Giornata cominciata con il cambio di programma deciso all’ultimo momento con conseguente disastro organizzativo. Scelta infelice dell’itinerario e alla fine insoddisfazione generale per la giornata trascorsa, va beh storia vecchia! Questo però ci ha tenuto lontano da questi luoghi per parecchio tempo. Ora dovremo rifarci!

Saliamo quindi al Camoghè dove sul versante all’ombra troviamo un po’ di neve dura ma che non crea problemi. Breve sosta all’ometto e ritorno alla Bocchetta. Inizialmente anche noi come Poncione che per altro ringrazio per questa relazione, avevamo pensato di proseguire per cresta per la Gazzirola ma, non conoscendo le difficoltà della cresta decidiamo di fare come Poncione e raggiungerla per la via normale, tra l’altro bella al sole!

In cima facciamo sosta pranzo e costatato che compiere l’anello o tornare indietro non comportava grandi differenze, proseguiamo per la croce della Gazzirola, quindi discesa al rifugio Gazzirola, rifugio e capanna  San Lucio. Siamo tentati dal prendere un caffè ma c’è troppo casino per cui proseguiamo la discesa passando dall’Alpe Cottino. Inizialmente pensavamo di scendere a Bogno ma vista l’ora abbandoniamo l’idea e scendiamo a Cozzo e quindi per asfalto torniamo a Colla.

Un gran bell’anello e ancora grazie a Poncione per il suggerimento! 


Tourengänger: cristina, Marco27

Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (5)


Kommentar hinzufügen

Poncione hat gesagt:
Gesendet am 5. Januar 2017 um 11:28
Ciao Cri, bellissimo giro e grazie per la citazione. Il tratto dall'Alpe Pietrarossa al Pozzaiolo è marcato come tutta la parte che lo precede e segue, ma si sale più o meno liberamente perchè i segni non sono sempre ben visibili in mezzo all'erba e i solchi ingannevoli degli animali. La cresta tra Camoghè e Monte Segor/Gazzirola è fattibile, facendo solo attenzione in un paio di punti, in assenza di neve e ghiaccio. Un mese fa non mi ero fidato perchè in ombra e parzialmente con neve, dalle tue foto la cresta non si vede, ma presumo che essendo a nord e a oltre duemila metri un po' di ghiaccio possa esserci.

cristina hat gesagt: RE:
Gesendet am 5. Januar 2017 um 11:34
Noi ci siamo stati la settimana successiva alla tua e non conoscendola ci siamo fidati delle tue valutazioni, la situazione era esattamente la stessa che avevi trovato tu penso.

Una bellissima zona, quest'anno è la seconda volta che ci capitiamo e ci sta stupendo, peccato le moto alla Gazzirola :-((((

cristina hat gesagt: RE:
Gesendet am 5. Januar 2017 um 11:36
P.S.: Il dislivello è un po' di più di quello da te indicato!!!! :-))))

GIBI hat gesagt:
Gesendet am 6. Januar 2017 um 19:34
... sempre belle zone e un gran bel giro quello che avete fatto, per quanto riguarda le moto non c'è via di scampo perché quando c'è la neve poi invece spuntano le motoslitte !

cristina hat gesagt: RE:
Gesendet am 9. Januar 2017 um 08:51
Infatti la prima volta che siamo stati sulla Garzirola con la neve ce n'erano parecchie sul versante italiano, la volta successiva siamo saliti dalla Svizzera....


Kommentar hinzufügen»