La Corvegia


Publiziert von cai56 , 10. November 2015 um 18:12. Text und Fotos von den Tourengängern

Region: Welt » Italien » Lombardei
Tour Datum: 8 November 2015
Wandern Schwierigkeit: T3 - anspruchsvolles Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Zeitbedarf: 3:00
Aufstieg: 1072 m
Abstieg: 1064 m
Strecke:Parzialmente circolare 11,53 km
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Da Como si segue la statale "Regina" fino al confine fra Gera Lario e Sòrico, dove si svolta a sinistra verso Montemezzo. Si prosegue in direzione di Bugiallo, e ancora oltre fino al termine della strada. Piccolo parcheggio nello spiazzo erboso a fianco della chiesa di S.Bartolomeo.

Percorrendo le strade che scorrono sulle due rive dell'alto bacino del Lago di Como non si può evitare di notare una serie di costoni prativi che convergono sulle cime che dominano quest'area; fra le più evidenti - alle spalle di Domàso, Gera Lario e Sòrico, le due costolature che confluiscono nella vetta della Corvegia, sorta di anticima del Sasso Canale (ben noto fino a poco tempo addietro per la presenza di ingombranti pannelli di ripetizione, ora smantellati). Al di fuori dalla fascia boscosa, questi rilievi presentano uniformi estensioni a pascolo che, gradualmente, vengono sostituite da colate di pietrame minuto fino alle cuspidi di rocce fratturate. Pochi i percorsi segnalati e tantissime le tracce di animali che si intersecano lungo questi versanti: gli alpeggi non raggiungibili con mezzi a motore sono abbandonati da decenni e nessuno mantiene più in efficienza tragitti ormai obsoleti.


Dalla chiesetta di S.Bartolomeo, trascurando il lungo giro nel bosco della pista forestale, si sale subito con una diagonale sinistra il sentierino che porta ad una radura con villette sparse; rientrati nella pineta, si raggiunge in breve la pista forestale abbandonata all'inizio. La si segue verso sinistra in salita costante [è possibile seguire una sassosa scorciatoia che procede per la linea di massima pendenza] e, oltrepassata una baita isolata, si va a sbucare sugli ampi spazi alla base della Bocchetta Chiaro: sulla destra il nucleo di Pescedo e a sinistra l'Alpe di Mezzo. Si procede verso quest'ultima e, tramite una gradinata fra le abitazioni, si sale ad una piccola cappella votiva. Abbandonati sulla destra il sentiero e i segnali dell'Alta Via del Lario, si continua a seguire la pista pianeggiante che dà accesso all'Alpe Gigiai: i pascoli di pertinenza sono limitati da una scenografica ed infinita muraglia che sale fino al culmine del crinale (il "Terminone"). Il pendio a monte delle cascine dell'alpe è solcato da una traccia trasversale ascendente, ormai quasi totalmente inerbata: seguendola si raggiunge il vertice del costone che sale dal ripiano dell'Alpe Zocca. Qui si trovano tracce di passaggio che, sul pendio a tratti molto ripido, cercano il percorso più agevole nella salita; in breve il già stentato pascolo lascia spazio ad un'infinita - e spesso instabile - estensione di pietre. Il crestone si assottiglia, con passaggi sempre agevoli, in tre successive "anticime": un ultimo sassoso pendio termina nel piazzaletto di vetta, caratterizzato da un paio di piccoli cumuli di pietre.
Naturalmente la discesa può essere effettuata per intero lungo il percorso di andata, ma è possibile accorciare i tempi e movimentare un poco il ritorno seguendo - per un tratto - una diversa direzione.
Scendendo dalla cima si possono notare sulla sinistra due canaloni: il primo è sconsigliabile per la presenza, a metà sviluppo, di un salto di rocce troppo instabili; il secondo, molto vasto e più uniforme nel suo pendio, è percorribile con attenzione. La presenza di pietrame minuto consente lunghi passi scivolati che permettono una rapidissima perdita di quota: al termine si confluisce in uno stretto canale-torrente (pericoloso, tutto è fortemente instabile) che quindi, finalmente, si allarga nei vasti pascoli dell'Alpe Gigiai. Qui si riprende il percorso di andata e lo si segue fino al parcheggio.




Tourengänger: cai56, chiaraa

Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (3)


Kommentar hinzufügen

gbal hat gesagt:
Gesendet am 10. November 2015 um 19:31
Bella escursione che dai waypoint credevo salisse anche al Sasso Canale. Molto belli i contrasti e i giochi di luce dei controsole e naturalmente complimenti agli attori :-):-)

cai56 hat gesagt: RE:
Gesendet am 11. November 2015 um 14:36
No, la citazione del Sasso Canale serviva solo per un migliore inquadramento della zona. Ma naturalmente, come già ripetutamente descritto da altri, il passaggio è fattibile: a dispetto della relativa vicinanza in linea d'aria, il percorso richiederebbe circa un'altra ora di salita con la traversata di una semplice ma esposta crestina (I° grado) e un ripido pendio del solito immancabile pietrame semovente. Non si può correre !! Trovandovi le condizioni (poche ore ben mirate, vista l'esposizione e la quota) potrebbe essere spettacolare con la neve.

Menek hat gesagt:
Gesendet am 10. November 2015 um 19:36
Bello si...


Kommentar hinzufügen»