COVID-19: Current situation

Dolomiti Extreme Trail - 53km (o 56..?)


Published by Simone86 , 14 July 2015, 00h13.

Region: World » Italy » Veneto
Date of the hike:13 June 2015
Hiking grading: T4 - High-level Alpine hike
Via ferrata grading: F
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Height gain: 3800 m 12464 ft.
Height loss: 3710 m 12169 ft.

La gara della stagione è arrivata. Ancora ripenso a quel giorno (bello o maledetto?) in cui ho deciso di fare l'iscrizione. E' stato più o meno 7 mesi fa. A fatica e strisciando concludevo il mio primo trail da 28km e 600d+, anni luce dalle distanze della Dolomiti Extreme Trail. Ma si sa, gli obiettivi più pazzi e difficili da raggiungere sono belli per questo! Eh si perchè se non si prende l'impegno poi si rischia di mollare tutto durante i mesi preparativi e quindi bonifico e iscrizione fatta. Ed eccomi qui a Longarone in un BnB, in attesa della sveglia alle 3 di notte per spostarsi a Forno di Zoldo in macchina (20 minuti), scaldarsi, punzonare ed attendere la partenza della 53km alle 5.30 di mattina.





Descrivere nel dettaglio tutto il percorso sarebbe impossibile, anche perchè non ne sarei in grado vista l'estensione dell'itinerario. Accennerò ad alcuni punti chiave ed all'essenza di una gara di questo spessore (comunque "ridicola" rispetto a trail mastodontici da oltre 100km e 5000m di dislivello, ma li sono tutti altri ritmi e altre storie). Qui si deve correre. Se si cammina e basta non si arriva in fondo, i cancelli orari sono abbastanza severi. Basti pensare che su 600 partecipanti sono arrivati al traguardo solo in 382. Gli altri 200 e rotti concorrenti non hanno superato i cancelli orari oppure si sono ritirati.



Alla partenza è ancora buio e fresco, nuvoloso, oggi danno piogge sparse... ma nel pomeriggio uscirà il sole. Lo zaino è pesantino per il materiale obbligatorio e il cibo, parto tranquillo... per i primi 500m!  Poi come il caprone di turno cedo al ritmo della gente e inizio a spingere per tutta la prima oretta. I primi 10km passano facili e veloci su ampie strade sterrate. Poi iniziano i single track e l'arrivo al primo ristoro, il Passo Duran (km14) Q1600. Dopo un bel tratto nel bosco inizia una graduale salita su strettissimo sentiero che andrà gradualmente ad impennarsi con tratti franosi e salti di roccia anche di II grado (mai esposti), uno spettacolo. Iniziano a formarsi le code, ma è bene non strafare e tenere un passo tranquillo. Lontano, lontanissimo si vede il Monte Pelmo... dovremo passarci tra qualche ora!

Raggiunto il bivacco Grisetti a Q 2050 ecco la prima discesa ripida e tecnica. Guadagno alcune posizioni e resto impressionato dall' "uomo cavalletta" che mi supera a velocità pazzesca con un agilità e un rimbalzo tra i sassi inumano, mai visto nulla del genere!  Arrivati a Q1650 si risale alla Malga Grava (ristoro km20) e alla Forcella della Grava Q1784 da cui inizierà la lunghiiiiiiissima e faticosa salita su apertissimo ambiente dolomitico fino alla Busa del Zuiton Q2380. Passiamo sotto l'impressionante versante Est del Civetta. Iniziano a mancare le energie. Ho degli svarioni e le gambe si ghisano facilmente. Anche la quota fa il suo. Bevo e mangio.

La salita pare infinita, non se ne vede la fine. Nessuno mi supera, supero qualcuno a fatica. Si attraversa qualche nevaio ed un tratto esposto su cengette ben assistito da un soccorritore. Raggiunta la Busa, si deve scendere lungo una serie di non banali tratti attrezzati. Sono effettivamente facili ma fatti in discesa e con la stanchezza addosso non è stato proprio divertente. Alcuni punti sono classificati com EE+. Presenti numerose guide alpine per sicurezza. Passati questi punti, come accenna il video presentatore della gara, "una goduria per tutti i runner": un favoloso sentiero di rocce friabili scende dolcemente tra ampie curve fino al Rifugio Coldai, dove mi riposo 5 minuti per lo sfiancamento. Faccio stretching e scarico un po' la schiena. Per fortuna ancora discesa fino alla Malga Pioda, altro punto di ristoro al Km29. Riparto con calma, devo dosare le energie, siamo circa a 5h40' di gara e la metà più dura è ampiamente superata.

Percorro alcuni km con un signore che mi narra alcune sue esperienze sulle 100km, dice che ieri si è iscritto alla Dolomiti Extreme Trail per allenarsi, non ricordava nemmeno di quanti km fosse "ma si, la uso come allenamento..."....OOOK!

Ci sono 3 piccole montagnotte da circa 100/200m di dislivello da superare o aggirare(Col dei Baldi, Fertazza e Monte Crot) per giungere, finalmente, al plurinominato Passo Staulanza (km 37), ovvero il cancello orario malefico entro cui bisogna passare prima delle 9 ore, altrimenti si verrà squalificati. Io sono a 7h esatte della partenza, quindi me la prendo con calma e anche qui 5 minuti di pausa non me li toglie nessuno. Intanto molta gente arriva e mi supera. Non importa. I dolori ai piedi e alle gambe in generale iniziano ad essere insopportabili. Al passo Staulanza sono in 108° posizione, quasi incredulo!

Riparto sperando nel tratto successivo, un single track con saliscendi corricchiabili. Ed invece dopo un paio di km le gambe non vogliono piu saperne di girare... inzio a camminare parecchio e diverse persone mi superano. Anche la vista sul Pelmo non mi da energie..Ora l'obiettivo è solo quello di non mollare, arrivare in fondo! Salendo al Sass de Formendal mi rifaccio gli occhi sulla forma della montagna. Totalmente erbosa presenta dei pendii scoscesi a pendenze praticamente verticali! Alcuni cartelli con "attenzione" e "rallentare" precedono un difficile e verticale tratto su erba in discesa, munito di alcune corde, decisamente impegnativo vista la stanchezza psicofisica.

Dopo una lunga discesa, al Passo Tamai km 45 l'ultimo ristoro prima della legnata finale: la salita al Monte Punta.....è qualcosa di pazzesco, soprattutto in questo stato. Cartelli come "se vuoi piangere, fallo adesso" e simili ti avvertono all'inizio. E' un muro. Un muro di sentiero composto da terriccio rosso di quasi 200m di dislivello che porta via le ultime bricioline di energia. Ma quando arriviamo in cima sono tantissime le urla di gioia e di grinta che si sentono, le mie comprese! Ma più che gioia adesso viene l'ansia. Una discesa lunga, lunghissima, infinita.

Dolori ovunque, non ho piu sensazioni precise, non sento lo zaino, ne la sete ne il caldo. Sento solo un gran male ai piedi e alle ginocchia. Devo resistere. Alla fine l'arrivo non arriva mai. La gente che incontriamo dice sempre "2 chilometri...." "dai solo 2 chilometri".... "eeehm saranno 2 o 3 chilometri all'arrivo".... ALLORAAAAAAAA!!!!!!!

il Gps ovviamente è morto da un po' e quindi non resta che andare avanti e avanti. Finchè....... si sbuca su una strada..... La riconosco.... Vedi il campanile di Forno di Zoldo. E' vicino, molto vicino, meno di un Km. Aumento il ritmo, imbocco l'ultima salita per l'arrivo e.... ah no... riprendo a camminare, non ce la faccio più!! giusto uno scattino per il traguardo! Ed è fatta.... incredibile ma è fatta. Alla fine si contano quasi 56km e 3800 di dislivello a salire e 3710 a scendere, quasi una barzelleta a raccontarlo. E' proprio vero, sono solo numeri. Numeri che spaventano la mente ma possibili da raggiungere. Non ci sarà nessuna paura per un Pizzo di Claro da Claro. O per un Adula in giornata. O per altre "imprese" simili.

Perchè con un po' di allenamento e la testa pronta si va praticamente oltre la maggior parte dei limiti mentali.



Posizione finale:  126° su 382 arrivati e 600 partenti. Contentissimo!
Tempo finale:  9h42'




 ho caricato qualche foto preso dal sito della DXT (con censure dei volti) per mostrare qualche scorcio di panorama.


Hike partners: Simone86


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Geodata
 25720.gpx

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (11)


Post a comment

cristi4n says:
Sent 14 July 2015, 11h17
Da parte mia, "runner" di pochi chilometri (mai fatto più di una 20k e su ben altro tipo di tracciato), c'è sempre grande ammirazione per chi affronta percorsi così impegnativi, quindi non posso che farti i miei più che sentiti complimenti!

Simone86 says: RE:
Sent 16 July 2015, 10h42
Troppo gentile, comunque sono cose alla portata di tutti ognuno con il suo ritmo ed un adeguato allenamento!

cristi4n says: RE:
Sent 16 July 2015, 13h33
Proprio alla portata di tutti non saprei...su 600 che siete partiti all'arrivo siete arrivati poco più della metà...in questi giorni poi con l'afa assassina e temperatutre sopra i 30° non riesco manco più ad allenarmi, esco per correre e ringrazio il cielo che nel rientrare a casa c'è una fontanella 2 km prima dove mi devo fermare per bere e abbassare la temperatura della testa che bolle!
Ciao!!

Sky says:
Sent 14 July 2015, 12h14
Complimenti e Benvenuto nel club degli ultra-trailers !
Può sembrare incredibile, ma in gara, correndo, con un equipaggiamento "minimale", con ristori a volontà.. i dislivelli che si riescono a registrare sono infinitamente più di alti di quelli che, da escursionisti, possiamo fare.. In una gara ho superato i 7000 m di dislivello senza grandi problemi ! anche grazie all'alternanza di salite e discese.. fare una salita tutta d'un fiato è comunque più duro..
Il bello di queste gare è che ce ne sono mille tutte diverse.. dai vertical, ai trail con poco dislivello, alle skyrace, agli ultratrail.. a poco a poco troverai quella in cui ti diverti di più !
Grande risultato !
Ciao, Sky

Simone86 says: RE:
Sent 16 July 2015, 10h44
Ebbene si, confermo l'estensione di dislivello e km a numeri nemmeno immaginabili fino a un anno fa... però vista l'intensità e la permanenza di affaticamento mi fermerei a 2-3 trail del genere all'anno ahah.. per il resto osserverò i tuoi e mi prenderò cose dai 20 ai 30km !!

Sky says: RE:
Sent 16 July 2015, 11h31
I postumi della gara (tipicamente, caviglie gonfie ! una cosa che non mi era mai capitata e che invece ho capito che è normalissimo per un ultra) di solito se ne vanno in una decina di giorni.. però molto meglio non esagerare !
Le gare tra i 20 e i 30.. a me risultano più ostiche ! la Lodrino-Lavertezzo, ad esempio, è la gara in cui sono andato peggio in assoluto !!
Ciao e buon divertimento !
Luca

Sent 15 July 2015, 06h52
Complimentoni!!!!!!!! Super impresa!!!!! Magrai ci si vede sull'Adula.....In giornata naturalmente!!!! Ciao ALE

Simone86 says: RE:
Sent 16 July 2015, 10h44
Molto volentieri quando si vuole si organizza!!

froloccone says: RE:
Sent 16 July 2015, 18h31
Noi pensavamo a Agosto,salita dalla Via Malvaglia e discesa dal ghiacciaio e risalita al passo del laghetto!!!!! è un'idea!!!!

ivopal says: Grande Simone !
Sent 15 July 2015, 22h54
Fino a 35 Km ci sono arrivato ma oltre ? vedremo.
Questa mi sarebbe piaciuta farla, ma non ero e non sono ancora pronto.
Per per il momento posso farti solo i miei più sinceri complimenti, poi, magari potremo farne una insieme, ne ho gia' in mente un paio nel prossimo futuro. ci sentiamo.
Con ammirazione .......Ivano

Simone86 says: RE:Grande Simone !
Sent 16 July 2015, 10h45
Ciao Ivano, certo! adesso pausa estiva rigenerante e poi si riparte da fine agosto con nuova energia fisica e soprattutto di testa! A presto Ivano!


Post a comment»