COVID-19: Current situation

Bregagnino, Bregagno, Alpe Palù - Skitour d'azzurro e di vento.


Published by Nevi Kibo , 28 February 2014, 21h53.

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike:22 February 2014
Ski grading: PD
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 4:45
Height gain: 1360 m 4461 ft.
Height loss: 1360 m 4461 ft.
Route:Pendio ovest, quota 1383, pendio nordovest, Bregagnino 1905. Procedere in direzione nord, lungo la seconda parte del Costone del Bregagno, pendio nordovest, Bregagno 2107. Scendere breve tratto di cresta nord e poi pendio est, Alpe Palù 1820.
Access to start point:Como - Argegno - Menaggio - Rezzonico - Montuglio

Come al solito, mi muovo tardi; ma, invece di infilare il centesimo Crocione, tiro più in là: infilo senza errori Rezzonico e la strada che sale fino a Montuglio. 

Dov’è la neve?

Supero il posteggio consigliato, infilo la stradina sconsigliata; un tornatino, un’altro; tante auto con i portasci aperti; ci sarà anche la neve!

Una curva; eccola lì: di qui non si passa.

E non si parcheggia: tutto occupato.  E non si gira neppure ... retromarcia in discesa lungo la stradina sconsigliata; tornantino: si gira. 

Retromarcia in salita lungo la stradina sconsigliata; parcheggio inclinato, con due ruote nella canala di scolo a monte. Preparativi. Sci in mano, a piedi lungo l’ultimo tratto di stradina sconsigliata, curva. Neve.

Sono le undici e un quarto, quando gli sci cominciano ad avere un senso. Qualcuno è già risalito in macchina per andare a mangiare, molti altri scendono a frotte da quello che, per me, è il pendio iniziale.

Salgo lentamente cominciando ad inanellare fotografie: la giornata è ventosa, (più su, qui in basso si sale in maglietta) e già si godono i frutti di  un azzurro esagerato.

A dire il vero,  il primo tratto non è granché; poi, aggirato il grugnolo quotato 1383, la linea di salita si fa più armoniosa, la neve si indurisce e sastrugia e il lago si allarga lentamente sotto di me sciorinando la sua rinomata collezione di cartoline.



Anche il vento è entrato sulla scena; rompe un po’, ma non è esagerato.

Approdo al Bregagnino e ritrovo, in bianco,  la costiera Pianchette/Tabor/Marnotto/ Bregagno,  percorsa in maggio www.hikr.org/tour/post64625.html

La parte alta del “Costone del Bregagno” è costellata da “ritardatari” che rientrano dalla cima. Scattando altre foto, percorro contromano le ondulazioni pianeggianti che portano al breve risalto finale e, alla una, sono in vetta.
 


 


Con circa due metri di piedestallo coperti dalla neve e impreziosita dalle decorazioni del gelo, la croce di vetta è decisamente più digeribile rispetto alla versione estiva


 


C’è anche una coppia salita “da San Bernardo”. 

Credo abbiano seguito il percorso fatto anche da Laura in gennaio www.hikr.org/tour/post75454.html e ricordo che, a maggio, quando avevo dato un’occhiata, la  cresta mi era piaciuta. Ripeto l’esame in versione invernale e confermo: almeno per la parte  che posso vedere, l’itinerario lungo la cresta nordest sembra decisamente più spettacolare.  Cattura, poi, la mia attenzione, un bel pendio che si stacca dalla cresta poco sotto la vetta, così, terminato il consueto giro di fotografie, quando i due compagni di vetta si avviano per rincasare, li seguo e mi godo un’eccellente discesa fino al’Alpe Palù:

la neve non è proprio polverosa ma le pendenze accentuate aiutano a solcare in fluidità la leggera crosta.

 

E’ un po’ tardi per proseguire oltre: saluto gli occasionali compagni, ripello e mi avvio a risalire il bel tratto finale della cresta.

Trovo neve molto dura e anche un crostone di ghiaccio che non sempre è coperto da un provvidenziale straterello di neve: tribolando un po’, ma, senza incontrare vere difficoltà, riapprodo alle spalle della grande croce di vetta.

La giornata si è mantenuta splendida e il vento non ha dato noia più di tanto; mi attardo ancora un po’ in compagnia di un’arancia e mi accorgo che, nonostante l’ora abbastanza avanzata, c’è ancora un gruppo di tre che sale dal “Costone”.  E,  alle mie spalle, ne spunta un quarto salito anche lui da San Bernardo. 

Quattro chiacchiere. A quanto pare, è tutto il giorno che va su e giù dal Bregagno, anche se non riesco a seguire completamente la descrizione delle varianti seguite. 

Un saluto. Mi avvio per la discesa che comprende una leggera risalita per riguadagnare il Bregagnino.

Poi è discesa vera e, anche se la neve è dura e parecchio rigolata, divertente.

Fino al grugnolo 1383. Poi ... consultare il sito http://www.arrivareall’autoconanchele ginocchia/buonafortuna.it

Bella giornata di neve, di sole, d’azzurro e di vento.
Ciao a tutti.


Hike partners: Nevi Kibo


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window

T2 WT2
WT3
19 Dec 20
Monte Bregagno Mt.2107 · beppe
WT3
28 Mar 18
Monte Bregagno Mt. 2107 · beppe
WT3
19 Feb 11
Monte Bregagno m.2107 (CO) · Alberto
T3 WT3
31 Jan 15
Super Bregagno(2107 m) · Max64

Comments (12)


Post a comment

pm1996 says:
Sent 28 February 2014, 22h22
Ciao Paolo,
complimenti belle foto !!!

Paolo

Nevi Kibo says: RE:
Sent 28 February 2014, 22h26
Grazie, Paolo.
Dopo tanto grigio, l'inverno ci ha regalato anche un po' d'azzurro.
Speriamo si ripeta!
Buone montagne.
Paolo

beppe says:
Sent 1 March 2014, 07h01
Ciao Paolo bravo foto fantastiche.
Ciao
Beppe

Nevi Kibo says: RE:
Sent 1 March 2014, 17h59
Grazie Beppe.
Girerò i complimenti al Bregagno.
Ciao
Paolo

Daniele66 says:
Sent 1 March 2014, 10h21
Bravo Paolo complimenti anche x le foto Daniele66

Nevi Kibo says: RE:
Sent 1 March 2014, 18h12
Grazie anche a te, Daniele.
Come sopra: i complimenti al Bregagno.

bigblue says:
Sent 1 March 2014, 15h51
....by Paolo....un piacevole racconto, piacevole anche di azzurro, di bianco, di vento....e di manovre da vero pilota di "stradine sconsigliate" :())....un bel giro-in-giro......
Un saluto dall' altro Lago....
Pia

Nevi Kibo says: RE:
Sent 1 March 2014, 18h43
Ciao Pia.
Ti ho visto protagonista di ben altre manovre!
Vai Grande!

Un abbraccio dal lago più profondo
Paolo

bigblue says: RE:
Sent 3 March 2014, 18h56
Ciao Paolo,
è vero, il lago di Como è il più profondo (già capuzzato in quella corona?) ma il Maggiore, il più grande e, insieme alla Val Grande.....le uniche cose della mia zona che possono ambire a questo aggettivo qualificativo.....per tutto il resto, io conosco una Scamorza....in questo momento credi, è già farmi un complimento.......
un abbraccio anche a te....ma devi accontentarti di abbraccio scamorziano ahiahihiii!!
Pia

gbal says:
Sent 1 March 2014, 19h31
Bravo Paolo. La fatica maggiore l'immagino fatta sulla stradina sconsigliata. Per il resto giornatona e foto a raffica ma stupende.
Complimenti

Nevi Kibo says: RE:
Sent 2 March 2014, 20h52
Grazie Giulio.
La stradina sconsigliata potrebbe essere il degno finale della frazione ciclistica dell' Hike'n Bike Rezzonico/Bregagno
Ciao
Paolo

gbal says: RE:
Sent 2 March 2014, 21h04
Un'ottima idea. A te metterla in pratica, re del no carbon!
Ciaoooo


Post a comment»