Rupe del Gesso (2434 m) dalla Val Bedretto - Skitour


Published by tapio , 27 February 2012, 08h27.

Region: World » Switzerland » Tessin » Bellinzonese
Date of the hike:25 February 2012
Ski grading: F
Waypoints:
Geo-Tags: CH-TI   Gruppo Grieshorn   I   Gruppo Pizzo San Giacomo   Gruppo Cristallina 
Time: 5:00
Height gain: 850 m 2788 ft.
Height loss: 850 m 2788 ft.
Route:All’Acqua (1614 m) – Formazzora (1652 m) – Ri di Val d’Olgia – Val d’Olgia (2063 m) – All’Uomo (2218 m) – San Giacomo (2254 m) – Passo san Giacomo (2313 m) – q. 2450 m – Rupe del Gesso (2434 m) - ritorno per la stessa via
Access to start point:N 2, uscita Airolo. Svoltare a sinistra ed imboccare la strada della Val Bedretto fino ad All'Acqua. Ampi parcheggi.
Maps:CNS 265 T - Nufenenpass

Non mi era ancora capitato, finora, di raggiungere una vetta scendendo. Già solo immaginarsi l’azione fa capire che non si tratta di chissà quale vetta, ma con le condizioni odierne non si poteva fare molto di più. In particolare, mentre nel Verbano e nel Medio Ticino caldo (~18°/20° - a Locarno 23,3°) e sole fanno pensare ad una giornata di fine aprile, lassù in Val Bedretto si è visto di tutto: pioggia, vento gelido, neve, nebbia, visibilità zero, di nuovo pioggia, insomma, un’isola d’inverno in mezzo alla primavera piena. È stata quindi una fortuna non essermi trovato a quote più elevate, chissà cosa avrei potuto trovare. E poi, nuovamente, il problema dello zoccolo (il caso ha voluto che non riuscissi a procurarmi in tempo la tanto sospirata sciolina) ha inciso sulla globalità della giornata. Almeno sul fronte neve, invece, buone notizie: le nuvole persistenti hanno impedito al sole di scaldarla troppo, quindi, quando la visibilità me lo ha permesso, ho potuto sbizzarrirmi in godibili curve su buona neve primaverile.

Il tragitto è arcinoto: All’Acqua, Val d’Olgia, All’Uomo, San Giacomo, Passo San Giacomo (confine tra CH e I); da qui ho cercato di rimanere alto sotto la parete W del Marchhorn, nonostante qualche piccolo saliscendi, e così, rimanendo alto, mi sono poi ritrovato più o meno alla quota 2450 (anche qualcosa in più, a giudicare dalla discesa effettuata) di fronte alla Rupe del Gesso. Al ritorno naturalmente sono rimasto un po’ più in basso, e comunque la parte migliore è stata da All’Uomo in giù (quando sono riuscito a vedere da che parte andava il pendio), con alcuni bei tratti ripidi su neve magari non da puristi, ma comunque dall’effetto non troppo lontano da quella polverosa.

Non sono un amante delle ripetute, ma rispetto alla gita alla Rupe del Gesso dell’inverno scorso ho qui seguito un itinerario completamente diverso, facendo sì che l’unico punto di contatto sia stato, appunto, l’uomo di vetta.

È una gita di tutta tranquillità, ideale per rilassarsi davanti agli splendidi panorami della Val Bedretto e della Formazza. Tra tutte le visioni che, plurime, allietano la vista (e forse anche il cuore…), quella che maggiormente mi ha ammaliato è senz’altro quella del Kastelhorn, che da questa visuale mostra proprio il suo lato migliore. Splendido!

 

 

Tempo totale: 5 ore;   andata 3 ore e 30’ – ritorno 1 ora e 30’

 
 


Hike partners: tapio


Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window

WT3
26 Feb 17
Passo San Giacomo e Cima Duemilacinque · giorgio59m (Girovagando)
PD+
F
WT3 PD
21 Dec 14
Cima P. (2498 m) · saimon
F

Comments (2)


Post a comment

paoloski Pro says:
Sent 28 February 2012, 20h41
Ciao Fabio,
noi eravamo in zona domenica e, a giudicare dalle foto, le condizioni trovate da noi erano anche peggio, c'era anche balenata l'idea di fare il passo San Giacomo per scendere a mangiare qualcosa al caldo al Maria Luisa poi abbiamo desistito.
Comunque complimenti per la tua inventiva: le vette in discesa potevano essere solo tue !!! :-)
Ciao, a presto, Paolo

tapio says: RE:
Sent 28 February 2012, 22h56
Ciao Paolo,
mi sa che avete fatto bene a non scendere al Maria Luisa: al ritorno c'è da spingere, anzi, ripellare, e se le condizioni erano peggio di quelle che ho trovato io avreste potuto trovarvi direttamente dentro il lago Toggia, o magari anche dentro il Castel (che è dalla parte opposta), visto che la luce diffusa (chiamiamolo pure nebbione) non fa capire se il pendio è in salita oppure in discesa.
Per quanto riguarda le vette in discesa... è stata una consegenza della giornata così così, normalmente lì attorno ce ne sono tante di vette in salita :-)

Ciao, a presto, Fabio


Post a comment»