Pizzo della PRESOLANA - Traversata delle Creste


Published by Mauro , 4 July 2011, 09h53.

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike:28 June 2011
Mountaineering grading: PD
Climbing grading: III (UIAA Grading System)
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 10:30
Height gain: 1700 m 5576 ft.
Height loss: 1700 m 5576 ft.
Route:Passo della Presolana - B.ta Cassinelli - P. Occidentale - P. Centrale - P. Orientale - B.ta Cassinelli

Anche oggi per una fortunata serie di coincidenze (probabilmente è l’ultima e finisce la pacchia allora decido di salire una bella cima) ho una giornata da sfruttare in montagna, purtroppo in settimana non trovo nessuno per uscire in compagnia, poco male vaco comunque (il motto oramai è questo – ogni lascia è persa……. ) e visto che lo 0 termico è altissimo (su neve in giornata non ci vado) decido per un vecchio progetto, la traversata delle creste Pizzo della Presolana, che farò al contrario di come era preparata in moda da potermi calarmi in doppia nel tratto più impegnativo e rendere il tutto più sicuro. Parto presto come al solito anche se potrei prendermela comoda (ormai è una abitudine che si rivelerà utile in seguito), arrivo al passo della Presolana e via per la baita Cassinelli. Li mi godo lo spettacolo, do una bella occhiata a ciò che mi aspetta (bella mazzata). Salgo dalla normale verso la cima Occidentale e devo dire che è davvero bella e mi piace un casino, una piccola pausa e via verso la Centrale, bellissima cresta arrampico un casino e mi diverto, si fa un sacco di fatica ma è ripagata dal divertimento e dal fantastico ambiente che mi circonda. Arrivo al passaggio dove mi calerò in doppia tutto bene tranne che una delle due cime si annoda letteralmente su una roccia, mi calo vado a slegare la corda (vedi foto) e proseguo nella discesa. L’ambiente è davvero tosto e pago un po’  il fatto di essere da solo …….. mi concentro la giornata è davvero bella e nemmeno troppo calda,  riprendo la mia fantastica cavalcata rimanendo il più possibile sul filo di cresta e poi sorpresa fuori programma un’altra calata in doppia (ma sulle relazioni non se ne parla ……) questa addirittura nel vuoto …. Poi si risale su bella roccia senza problemi fino alla Presolana Centrale, fino a qui tutto bene vedo la parte che manca individuo anche il Monte Visolo e desso arriva il brutto, appena il tempo di riposare e vedo della nuvolosità innocua risalire dal fondo valle, non mi piace per niente riparto subito ma le nuvole salgono e la cresta di discesa sparisce. Ecco la montagna mutevole, quello che prima sembrava un itinerario semplice perchè era a vista, ora senza riferimenti visivi cambi completamente (ma la giornata era bella, il meteo era stabile, ma allora cosa ci fanno qui le nuvole ……….), proseguo verso la vetta Orientale, arrivo su una cima con una croce in ferro e sbaglio alla grande la discesa per due volte. Niente da fare non mi oriento più nelle nuvole decido di tornare in dietro e scendere dal canalone sotto la Presolana Centrale che avevo visto precedentemente. Tornado indietro individuo la discesa giusta grazie a degli ometti e una provvidenziale schiarita. Scendo fino alla bocchetta del Visolo senza problemi (qui si disarrampica parecchio) ma con un pò di ansia perché la visibilità non migliora, qui ne ho abbastanza e anche se il Visolo è vicino prendo il primo sentiero che scende alla cappella Savina bello segnato e facile da seguire. Poi scendendo di quota mi trovo sotto le nuvole, arrivo fino alla cappella e via a ritroso verso la partenza.
Devo dire che volevo arrampicare un po’ e percorrere una bella cresta e la Presolana mi ha dato molto di più, parecchio stanco ma molto soddisfatto rientro a casa pensando già alla prossima ….., sono bello sazio di montagna e per un po’ penso di stare tranquillo …
 
N.B. quando ci torno la faccio al contrario e sicuramente in compagnia ……… che da un punto di vista di sicurezza è la cosa più giusta.

Quota partenza:  1280 mt
Quota arrivo:      2521 mt
Dislivello :          1700 mt circa  (complessivi dati GPS)
Tempo totale :  10 h 20 min. (esclusa sosta al rifugio)
Km percorsi:    18,300 circa 




Relazione da WEB


PRESOLANA, TRAVERSATA DELLE CRESTE
Post n°800 pubblicato il 27 Luglio 2009 da sillylamb
 
Ieri bellissima avventura, al limite tra escursionismo e alpinismo. Una lunga cavalcata che ci ha fatto scoprire la severità di una montagna vicino a casa. Un percorso che, quando ci voltavamo indietro, ci faceva chiedere se davvero fossimo passati di lì.
Regione:Lombardia, provincia di bergamo
Località di partenza: A4 uscita Seriate. Risalire la val Seriana fino alPasso della Presolana (1297m)
Meta: Presolana Occidentale (2521m)
Dislivello: itinerario con numerosi saliscendi per un totale di 1650m circa 
Punti di appoggio: BAITA CASSINELLI: dovrebbe disporre di15 posti letto, ma quando siamo passati noi era chiusa. Informarsi presso il CAI di Clusone: 346-25452
BIVACCO CITTA' DI CLUSONE: situato poco sotto la cappelletta, dovrebbe disporre di 9 posti letto. Anche in questo caso informarsi presso l'omonimo CAI sull'apertura. 
Difficoltà: PD (III)
Periodo consigliato: l'itinerario è percorribile da maggio a novembre; è molto frequentato anche in inverno ma allora è un'ascensione molto impegnativa. Io l'ho fatta domenica 26-07-09
Tempo di percorrenza: 7h30 per l'intero giro
tipo di percorso:itinerario alpinistico ad anello su sentieri e tracce ben segnati
Materiale necessario:da roccia (caschetto, imbrago, corda, 5 rinvii, moschettoni)
Presenza di acqua lungo il percorso:no
Itinerario:
- Avvicinamento:dalla cappelletta del passo, imboccare un sentiero che ben presto sfocia su una sterrata. Al primo tornante proseguire dritto su ampia mulattiera nel bosco che con dolci pendenze conduce a un bivio a quota 1550m nei pressi di un grosso masso (40'). Ignorare il sentiero a sinistra per la baita Cassinelli, ma proseguire dritto su una costa erbosa (segnavia 316) per poi volgere a destra a raggiungere l'ampia cresta del Monte Visolo che si segue fino in vetta (2369m; 2h20). Scendere quindi in breve all'omonima bocchetta.
- Descrizione della via: dalla bocchetta del Visolo, ignorare la ferrata della porta e il sentiero a sinistra che si tiene sotto alle pareti rocciose, ma imboccare una traccia che punta alla parete della Presolana Orientale. Piegare quindi a destra lungo un terrazzino detritico che si risale fino a una bocchetta dove si prosegue sull'altro versante lungo una cengia che aggira il torrione verticale fino a raggiungere la cresta Est che si risale aggirando le crestine verso sinistra. Raggiunta la cresta finale la si risale con facili passi di I per raggiungere l'anti cima (2491m) segnalata da un grosso ometto di sassi. Volgere quindi verso destra continuando a seguire il filo di cresta (ometti). Si scende un canalino roccioso (I), quindi un breve traverso conduce alla bocchetta Bendotti dove si incontra la normale (bolli rossi) che sale alla Presolana Centrale (2517m; 1h30). Proseguire verso ovest sempre lungo la cresta, per poi scendere un canalino ghiaioso e un breve caminetto che conducono poco sotto la breccia che separa la Centrale dalla Presolana di Prato. Prima di ricominciare a salire, è consigliabile legarsi per superare in sicurezza un terrazzino esposto (chiodo con cordino per l'assicurazione). Si continua quindi a salire lungo il canale soprastante fino a guadagnare nuovamente il filo di cresta che si segue per tracce fino alla Presolana di Prato (2470m).  Sempre in direzione ovest, scendere nuovamente dapprima per prati, poi con passaggi in roccia facili senza percorso obbligato fino ad un canalino di II che conduce poco sotto la breccia tra Prato e Occidentale. Risalire dunque alla bocchetta e portarsi sul versante Nord dove, nuovamente legati in cordata, si deve risalire una paretina verticale con alcuni passaggi di III (alcuni chiodi utili per l'assicurazione). Di nuovo per cresta, dapprima con facili passaggi su roccia e infine per prati, si guadagna la vetta della Presolana Occidentale (1h30).
- discesa: si segue ancora la cresta verso ovest per un breve tratto per poi scendere in un canale tra detriti e facili tratti rocciosi (bolli rossi). Questo termina nei pressi della grotta dei Pagani (2224m) e la discesa prosegue su tracce attraversando un ghiaione e dirigendosi verso la cappelletta dedicata ai caduti della Presolana. Qui il sentiero si fa migliore, prosegue per prati con un lungo traverso per poi abbassarsi rapidamente alla Casera Cassinelli (1568m). Da qui in breve al bivio presso il masso e quindi all'auto lungo l'itinerario di salita.
  

Hike partners: Mauro


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Post a comment»