I SIGNORI DEGLI ANELLI "ALLA RICERCA DELLA GRASSI PERDUTA"


Published by Massimo , 21 November 2010, 22h08. Text and phots by the participants

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike:20 November 2010
Hiking grading: T3+ - Difficult Mountain hike
Snowshoe grading: WT3 - Demanding snowshoe hike
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 7:30
Height gain: 1300 m 4264 ft.
Height loss: 1300 m 4264 ft.
Route:Introbio - Baite La Piazza - Alpe Foppabona - Bocchetta Foppabona - Rifugio Grassi - Passo de Camisolo - Casa Alpina Pio X - Bocchetta Biandino - Introbio
Access to start point:Lecco - Ballabio - Introbio seguire la deviazione x la Val Biandino e risalire un paio di tornanti sulla carrozzabile che porta alla Bocca di Biandino. Parcheggiare lungo la strada in uno dei parecchi slarghi che si incontrano

RELAZIONE DI FRANCESCO::: Il titolo della relazione non è ispirato al film di Indiana Jones "ALLA RICERCA DELL'ARCA PERDUTA", ma bensi al rifugio Grassi che non riuscivamo a vedere,era scomparso inghiottito nella nebbia, alla fine guidati  dal ns. infallibile olfatto , con   impeccabile precisione ci ha condotti  al gustoso profumo di  minestra .
Le previsioni odierne non lasciano nessuna chance, pioggia e neve sopra 1400 m. .
Nessun problema, il vero problema sarebbe stato,rimanere a casa e dover subire il rimorso  di coscienza di una rinuncia.
Io, Ivan E Max, proseguiamo con la ns. sagra dei giri ad anello,qs. volta nella vicina  Valsassina.
Partenza da Introbio alle h. 8.00  lungo la via Foppabona ,sentiero n. 27 e da qui a circuire un'intero anello passando dalla Bocchetta di Foppabona m. 1985 e poi dal rifugio Grassi m. 1987,una sosta durata piu' del previsto al Rifugio ed  il ritorno sempre a Introbio.
Una volta partiti, dopo  50 minuti e verso la Q. 1400, inizio' a nevicare in modo costante e mam mano che prendavamo quota il paesaggio diventava sempre piu' fantasmagorico "nebbia totale e visibilita ridotta a pochissimi metri" Solamente con la totale  conoscenza  del luogo  si poteva affrontare una simile gita, Grazie a Max vero mattatore della giornata.
Gita abbastanza tecnica e difficile dovuta alla scarsa visibilita' e a un  percorso con uno sviluppo da non trascurare, "km. 22" sopratutto in simili condizioni.

COMMENTO DI IVAN :   Prima uscita “invernale” corredata da una bella nevicata pomeridiana (attesa) e da 40-50 cm. di neve già  sul cammino ( non del tutto attesa ). Soprattutto quest’ultima ha reso faticoso l’ultimo tratto di  salita  alla bocchetta di Foppabona ed il successivo traverso per arrivare al rifugio Grassi, anche perché la traccia non era facilmente identificabile. Io in particolare ne ho risentito e sono andato in crisi, restando sempre piuttosto arrancante a ruota dei soci che si sono sobbarcati il compito più gravoso di battere, soprattutto Massimo che era invece in forma smagliante. Raggiunta finalmente la Grassi dopo circa 5 ore, ci siamo rifocillati e poi siamo rientrati dalla interminabile Val Biandino, dove la traccia era per fortuna invece già battuta. L’ultimo lungo tratto sulla carrozzabile in cemento è stato fatto sotto una pioggerella fine e quasi per intero al buio ma senza particolari difficoltà, perché gli occhi si sono abituati bene all’oscurità. 

VISTA DA MAX:
 
Anello compiuto………………, ma quanta fatica.
Ritrovo con  Ivan  e Francesco alle 7.15 al parcheggio del Bione . per le 8.10 abbiamo gli scarponi ai piedi e le ciaspole agganciate allo zaino pronti a partire per questa nuova avventura.
Lasciata l’auto dopo aver percorso un paio di tornanti sulla carrozzabile che porta alla Bocca di Biandino, ci incamminiamo e neanche dopo 5 min. lasciamo la carrozzabile imbocchiamo su un tornante sinistroso un sentiero con direzione Introbio – Sant’Uberto che ci farà perdere quota una cinquantina di metri. Dopo aver attraversato una valle troviamo diverse indicazioni che portano al rifugio Grassi, noi seguiamo la via Foppabona tenendo il sentiero nr 27-
Dopo aver preso velocemente quota attraverso un ripido sentiero nel bosco giunti a circa quota 1.000 m. inizia a piovigginare come da previsioni meteo ma presto la pioggia si trasforma fortunatamente in neve. Fino a quota 1800 l’escursione prosegue tranquilla senza grossi intoppi  e nonostante la neve da battere si aggiri attorno ai 25-30 cm il sentiero è sempre ben visibile, giunti ad un pianoro sotto l’alpe Foppabona il sentiero sparisce la neve in alcuni punti raggiunge i 40-50 cm e la nebbia inizia ad intensificarsi anche se la visibilità è ancora discreta. Calzate le ciaspole  seguendo l’istinto e l’esperienza del vegio ma ben sapendo il punto da raggiungere risaliamo il pendio e con un notevole sforzo fisico raggiungiamo la bocchetta di Foppabona m.1985 dove la visibilità è ancora accettabile ( riusciamo ad intravedere il rifugio nella vallata opposta ) . E’ mezzogiorno e facciamo conto di arrivare al rifugio attorno alle 13.00, ma oltre a dover inventarci il sentiero ed avere da battere almeno 50 cm. di neve fresca pian piano scende la nebbia fino ad avere una visibilità non superiore ai 5m. Ravanando nella neve  e attratti dai profumi provenienti dal rifugio riusciamo a raggiungere la meta prefissata…. sono le 13.30 siamo umidi stanchi ma anche molto soddisfatti.
Meritatissima la pausa pranzo consumata all’interno del rifugio dove da subito si instaura un rapporto amichevole con i gestori ( ottimi i formaggi d’alpeggio, la minestra di verdure , le torte preparate dai rifugisti e la grappa offerta dall’amico Francesco ). Per le 15.15 siamo pronti per la nostra discesa, ma nel breve tratto che conduce al Passo del Camisolo mi subentra un tantino di panico, la neve è aumentata di intensità e la visibilità non è superiore al metro la traccia fatta dagli escursionisti scesi circa un ora prima sono coperte dalla neve……………. dove cavolo andiamo?
Pian piano riusciamo a seguire la pista battuta ormai coperta e poco sotto il passo la visibilità migliora fino a vedere il tetto della Pio X,…… criticità superata.
Scendiamo di buona lena e poco prima dell’agriturismo la Baita la neve si trasforma in acqua anche se le precipitazioni sono ormai irrilevanti, scendiamo lungo la carrozzabile evitando i tagli dei sentieri perché è ormai scuro e il terreno è parecchio scivoloso.
Per le 18.00 come previsto dal sottoscritto siamo all’auto soddisfatti della nostra bella avventura. 


Hike partners: ivanbutti, Francesco, Massimo


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (12)


Post a comment

gebre says: Avventura
Sent 21 November 2010, 22h29
Complimenti a tutti per "l'avventura" e le belle fotografie!
Ciao
Alberto

Massimo says: RE:Avventura
Sent 21 November 2010, 22h46
Grazie x i complimenti Alberto,
ci sei mancato................, saresti stato un ottimo battitore.
Comunque è stata un escursione fatta sempre in assoluta sicurezza.
Ciao e buona settimana

Max

beppe says: SUPER
Sent 22 November 2010, 06h23
I miei complimenti a tutti e tre a presto Beppe

Francesco says: RE:SUPER
Sent 22 November 2010, 08h30
Grazie Beppe,ci mancavi.

Luca_P says: Che fatica...
Sent 22 November 2010, 07h58
Complimenti anche da parte mia, dev'essere stata proprio un faticaccia ma, come sempre, ... penso proprio ne valesse la pena!!
Bravi ancora.
Un saluto, Luca.

Francesco says: RE:Che fatica...
Sent 22 November 2010, 08h30
Grazie Luca, ebbene si!!!
Ne è valsa proprio la pena, cio' che non è scontato merita di esser motivo di orgoglio.

gbal says:
Sent 22 November 2010, 11h19
Complimenti per la tenacia, la forza d'animo, il senso di orientamenteo e non ultimo...l'olfatto!
Bravi, siete dei "tosti".
Giulio

Francesco says: RE:
Sent 22 November 2010, 11h52
Grazie Giulio, purtroppo non ci è stato possibile dimostrare con delle foto il vero effetto della giornata, la prox volta portiam degli apparecchi fotografici da sub.

clotilde says:
Sent 23 November 2010, 14h53
No comment!!!!!!
Tilde

Floriano says:
Sent 26 November 2010, 10h02
Complimenti a tutti per la costanza e ... l'olfatto
Importante che eravate sempre in sicurezza!
Saluti, Floriano

Massimo says: RE:
Sent 26 November 2010, 13h25
Ciao Floriano,
grazie per i complimenti da parte di tutti noi,
ma devo anch'io farti i complimenti per il tuo meraviglioso trecking in Perù.
Spero al più presto di incontrarti e fare un'escursione insieme.

Max

Floriano says: RE:
Sent 26 November 2010, 18h16
Molto volentieri! Ho già detto a Francesco che spero di fare un uscita insieme al più presto: per me vuol dire ormai dopo Natale visto che il negozio mi blocca per tutto il mese ... domeniche comprese :((

Ciao, Floriano


Post a comment»