Rifugio Benigni, Val Brembana


Published by Barbacan , 10 November 2010, 15h02.

Region: World » Italy » Lombardy
Date of the hike:19 October 2010
Hiking grading: T3 - Difficult Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 2:15
Height gain: 688 m 2257 ft.
Height loss: 688 m 2257 ft.
Access to start point:Dopo Bergamo, prendere la statale 470 della Val Brembana. Si passa S. Pellegrino e S.Giovanni Bianco e si arriva ad un bivio: proseguire per Passo San Marco. Da li si prosegue per Cusio e per la strada che porta ai piani dell' Avaro.Salendo, l'attacco al sentiero è sul lato sinistro.
Accommodation:Rifugio: 20 posti Locale invernale: 4 posti
Maps:Kompass n° 93 "Bernina-Sondrio"

Durante un noioso lunedi lavorativo, mentre alle macchinette attendo il caffè che faccia la sua comparsa dallo sportellino, spremo le meningi nel tentativo di trovare una buona meta per la già programmata uscita settimanale. Avendo rivisto la sera prima un bellissimo film del mitico Benigni...perchè non andare al rifugio Benigni? e sia!

Chiamo la combriccola, organizziamo gli orari, la strada ecc...e siamo pronti! La sveglia suona poco dopo le 6, bisogna preparare il thermos e recuperare gli scarponi nel box. Alle 7 puntuali la faccia di Paolone compare davanti al vetro della finestra...due secondi e siamo in auto.
Dirigiamo verso la bergamasca, guida Matteo stavolta(?) e complice la sua minuziosa conoscenza delle strade, in un batter d'occhio siamo oltre Bergamo e puntiamo verso S.Pellegrino dove ci fermeremo per la classica sosta caffè-grattino-foto-pisciata.

Ripartiamo e saliamo verso i Piani dell' Avaro, mentre Paolone gufa dicendoci che abbiamo cannato strada. Tempo un minuto e appare il tornante con l'inizio del sentiero. Il tempo è ottimo, non c'è una nuvola manco a pagarla e la mia Nikon entra subito in azione.
Facciamo quattro passi e il caldo comincia a farsi vivo, prima sosta leva-softshell e ripartiamo mentre contempliamo gli stupendi colori dell'autunno e la prima neve che imbianca le cime.

Facciamo diverse soste con foto, il sentiero ce lo gustiamo, non ci rincorre nessuno e con calma arriviamo alla fine della conca dove, attorno ad un tavolo, ci attendono tre simpatici signori del posto e due donzelle che conosceremo più avanti. Attacchiamo bottone e scopriamo che loro ci anticipavano di un bel po' ma si erano fermati perchè la via normale con il canalone era impraticabile (a detta loro) e l'invernale ancora di più.

Non essendoci mai stati non sappiamo cosa fare, quindi ci confrontiamo con le donzelle e scegliamo: loro proveranno la via del canale e noi l'invernale; saliamo verso il passo di Salmurano, scattiamo la foto di rito e arriviamo all' inizio del "sentiero" invernale: improponibile. Non siamo attrezzati e dopo essere saliti di un metro scarso, impieghiamo 10' per ridiscendere. Niente da fare...un po' sconsolati tagliamo a mezza costa e ci portiamo verso il canalone e scopriamo che di neve non c'è n'é molta ma sufficiente per salire.

Durante l'ascesa la neve cede più volte, ma continuiamo senza mollare e usciti, troviamo le due ragazze che si erano fermate a pochi minuti dalla "cima". Scambiamo quattro parole e continuiamo...poi appare un segnavia "Rif. Benigni, 15'"..."E' NOSTRO!!!" avanti miei prodi!!!

In dieci minuti saliamo e finalmente il rifugio Cesare Benigni comprare davanti a noi. Sosta pranzo tutti assieme, foto ricordo, foto alla webcam e con calma ridiscendiamo verso i piani dell' Avaro discutendo animatamente con le nostre nuove amiche. Arrivati al parcheggio ci salutiamo e ci diamo appuntamento in Città Alta. Sulla via del ritorno continuo a ripetere a me stesso "Ma quando sono contento?". Eh si, eravamo suil punto di cedere e di farci "fregare" un' altro rifugio ma la tenacia alla fine ci ha premiato.

Siamo troppo bravi. Alla prossima!!! :)

Hike partners: Barbacan


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Geodata
 10419.gpx Percorso principale
 10421v1.kml Fix

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Post a comment»