Colori d'autunno: da Camorino a Lugano


Published by UpTheHill , 1 November 2009, 22h48.

Region: World » Switzerland » Tessin » Sottoceneri
Date of the hike:31 October 2009
Hiking grading: T2 - Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: Gruppo San Jorio-Monte Bar   CH-TI   Gruppo Camoghè 
Time: 9:00
Height gain: 1220 m 4002 ft.
Height loss: 1700 m 5576 ft.
Route:Alpe Croveggia - capanna Cremorasco - alpe del Tiglio - Isone - Gola di Lago - Bigorio - Sala Capriasca - Ponte Capriasca - Origlio - Comano - Porza - Lugano
Access to start point:Salita all'alpe Croveggia con la teleferica da Camorino: si risparmiano 700 metri di salita, e circa (io) due ore.

Me la sono preparata per due mesi, me la sono già gustata con gli occhi della mente cento volte, colori d'autunno e boschi, boschi, boschi.

Prendo la teleferica a Camorino alle 8:00, risparmiando 700 metri di dislivello e un buon due ore di salita. La meteo aveva dato bello, con temperature in basso attorno ai 17° fino al giorno prima. Venerdi, verso le 16:30, si alza il vento e il cielo si rannuvola. Salendo maledico la nebbia nella quale entro. Arrivo a Croveggia, e inizio la salita verso Pian Grande, e mi ricredo. La nebbia rende il bosco incantanto. Sono solo, in tutto incontrerò un gruppo di tre e un gruppo di due mountain-biker fino a Bigorio. Passo boschi di faggi, boschi di betulle, zone con larici, castagni in basso, e di nuovo faggi, betulle. Colori splendidi durante tutto il percorso, il silenzio, la nebbia che ti fa centellinare il percorso, scoprendolo poco a poco, invece di vedere tutto già da lontano.

Sopra Pian Grande, verso la Cremorasco, circa 400 metri di sentiero un po' aereo, neanche difficile, se non fosse per la foglia che arriva a metà polpaccio, e non si vede dove si mette il piede. Il sentiero è stretto stretto, devo andare con cautela. Poi, passato un riale, si apre, e da lì in avanti è tutta goduria pura.

Il sacco pesantotto, con panini, carne secca, acqua, banana, frutta secca, cioccolata, cornetti, coltello da marinaio, cartine (heliS inizia a sorridere), guanti termici, guanti impermeabili, berretta (Nano inizia a ridere), pila frontale, pila led, scaldini per le mani e per i piedi (beh, questi sono leggeri), secondo obiettivo (qualcuno si starà scompisciando), insomma, saranno un bel po' di chili, ma tanto li porto io, mica tu... :-)

Arrivo a Isone alle 11:00, pausa caffé, poi via verso Gola di Lago, in parte su prati, in parte nel bosco. All'alpe Santa Maria mi fermo per il pranzo, un cagnolino diffidente mi fa compagnia, e non disdegna di prendere due fette di carne secca. Poi riparto restando alto sopra la Capriasca, passo sotto il monte Bigorio, e arrivo al convento Santa Maria (frati Capuccini) del Bigorio. Da qui discesa su Bigorio, pausa caffé. Fino a qui tutto su sentieri, 5 persone, e bosco a perdita d'occhio. Purtroppo adesso la musica cambia.

Discesa a Sala Capriasca, c'è ancora sentiero, poi via verso Ponte Capriasca, Origlio, giro del lago di Origlio, per lo più su asfalto. Le gambe vanno ancora come stantuffi di locomotiva. Uscendo da Origlio, misuratore di velocità (quelli senza foto-multa). Passano tre auto in sequenza, leggo 53, 56, 48, 7. Sette? Ha misurato la mia velocità :-) Torno indietro di 40 metri, mi preparo con la macchina fotografica, mi rimetto a camminare verso il radar, e immortalo la mia misura!!!

Salita su stradina pedonale verso Comano, poi di nuovo asfalto verso Porza, e discesa tutta su asfalto fino allo stadio di Cornaredo. Il sole è già tramontato, mi sono pappato 25 Km (40 Km di sforzo) di pura goduria trekkistica. Le gambe non risentono dell'escursione (domenica mi sono poi fatto un altro due orette tanto per divertirmi, sti cinquantenni del giorno d'oggi :-)

Da rifare con Rita fino al Bigorio, troppo bello, mi sono innamorato.

PS: avevo dimenticato di regolare l'orologio della macchina fotografica: tutte le foto indicano l'ora legale :-(

Hike partners: UpTheHill


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (6)


Post a comment

heliS says: hi hi hi ...
Sent 2 November 2009, 10h54
Sono passata dal sorridere allo scompisciarmi :DDD
Vedo che non sono l'unica ad autoironizzarsi :)
Bel racconto e bella scarpinata!
Ciao
S.

UpTheHill says: RE:hi hi hi ...
Sent 2 November 2009, 13h42
Ciao heliS,

in effetti un po' di sana autoironia aiuta molto nella vita :-) E sono contento di essere riuscito a farti scompisciare.

Bella scarpinata: si, avrei anche continuato, se non fossi arrivato, quasi mi dispiaceva.

Ciao.

nano says:
Sent 2 November 2009, 13h28
Ciao Nino
Ti abbiamo nominato anche ieri salendo con la Silvietta in Grignetta. Il tuo zaino dotato di ogni confort ormai è famoso tra la comunità.

Ciao Nano

UpTheHill says: RE:
Sent 2 November 2009, 13h43
Ciao Nano,

è vero che è dotato di ogni comfort, ma devo anche dire che quando sono con un gruppo, e tiro fuori i cornetti e la cioccolata per la merendina, nessuno dice mai di no :-)

Ciao.

giorgio59m (Girovagando) says: Hemingway ?
Sent 3 November 2009, 08h53
Ciao Nino, bello il racconto ( uno scorrere leggero di parole e sensazioni, alla Hemingway ...), e belle le foto.
Ti rubo un concetto, non occorre arrivare troppo in alto per trovare quello che si cerca (il bello, i colori, la serenità).
Dai commenti ho capito che hai uno zaino "famoso" !
Complimenti per le foto, il colori dell' autunno sono una gioia per gli occhi!

:-)

UpTheHill says: RE:Hemingway ?
Sent 3 November 2009, 17h11
Ciao Giorgio,

grazie per i complimenti, sono sempre graditi. Credo che il mio zaino stia diventando indebitamente famoso, ma resta sempre pesante. Chissà che non mi faccia rinforzare i muscoli delle gambe per accellerare in salita :-)

Buone escursioni e buona montagna!


Post a comment»