COVID-19: Current situation

Punt da Canaa e Punt dal Farügin


Published by siso , 29 March 2020, 18h00.

Region: World » Switzerland » Tessin » Sottoceneri
Date of the hike:28 March 2020
Hiking grading: T2 - Mountain hike
Waypoints:
Geo-Tags: CH-TI   Gruppo Monte Generoso 
Time: 1:30
Height gain: 213 m 699 ft.
Route:Corteglia (438 m) – Vigino (400 m) – Castel San Pietro (449 m) – Punt da Canaa – Prato delle Streghe – Punt dal Farügin – Castel San Pietro (449 m) – Vigino (400 m) – Corteglia (438 m).
Maps:C.N.S. No. 1373 – Mendrisio - 1:25000.

Passeggiata nel Parco delle Gole della Breggia, un’area di grande interesse per il patrimonio geologico e paleontologico che conserva. Le rocce affiorate coprono infatti un arco di centinaia di milioni di anni.

Ul Punt da Canaa è il vecchio ponte nel fondovalle, con cui l’antica strada che da Castel San Pietro portava a Morbio Superiore scavalcava la Breggia. È così chiamato perché da lì partiva il canale di alimentazione del vicino mulino.

Ul Punt dal Farügin è collocato a circa 300 m più a sud del precedente. Deve il suo nome alla presenza in zona di una bolla d’acqua, che “fa ruggine”. 

 

Inizio dell’escursione: ore 12.50

Fine dell’escursione: ore 14.20

Temperatura alla partenza: 17°C

Isoterma di 0°C, ore 12.00: 2400 m

Pressione atmosferica, ore 12.00: 1015 hPa

Temperatura al rientro: 19°C

Velocità media del vento: 5 km/h

Sorgere del sole: 6:11

Tramonto del sole: 18:47

 

Oggi gioco in casa, mi concedo l’ora d’aria nel Parco delle Gole della Breggia, che dista un paio di km e mezzo dal mio domicilio. Raggiunta la località Al Ponte, poche decine di metri sotto la Chiesa Sant’Eusebio di Castel San Pietro, trovo la prima tavola informativa sul parco. La segnaletica lungo i sentieri permette una precisa localizzazione, grazie a cartellini rossi che recano delle cifre di riferimento, come ad esempio 5.4.

Questo permette, in caso di emergenza, di chiamare i soccorsi e di indicare con maggior precisione la propria posizione.

Scopro, con stupore, che il sentiero è percorribile, almeno in parte, anche con la mtb: non me lo perderò. Superata la zona franosa, diventa una bella carrareccia: prima della costruzione del ponte di ferro di Casel San Pietro, nel 1912 (demolito nel 1998 per essere sostituito da quello attuale), costituiva la strada per raggiungere la sponda sinistra della Valle di Muggio.
 

                                                      Punt da Canaa

Dal Ponte di Canaa, ca. 350 m, lo sguardo sui sottostanti strati di Calcare di Moltrasio è straordinario. La tavola didattica Geostop 2 attira l’attenzione su una faglia che taglia trasversalmente questi strati; è una dimostrazione del continuo movimento della crosta terrestre. Settantacinque metri dopo il manufatto c’è un bivio; a sinistra si sale verso Morbio Superiore, a destra si scende in direzione dei resti del mulino e più avanti al Punt dal Farügin.

Al Prato delle Streghe sono incuriosito dalla bella fontana, costruita in tempi recenti (Architetto Enrico Sassi), e dal sottostante affioramento di “Rosso Ammonitico”, così detto per la presenza di fossili di ammoniti, molluschi cefalopodi marini estinti, caratterizzati da una conchiglia che si sviluppa in forma di spirale.

L’area adibita alle grigliate e alle soste è attualmente inaccessibile, a causa dell’emergenza coronavirus.

Il Ponte del Farügin è collocato presso il Buzún dal Diávul, proprio sotto la collina di San Pietro, in una zona impervia e franosa. Domina, a circa 35 metri sopra il fiume, la parte più stretta delle Gole della Breggia.

L’antico tracciato che, raggiunto il versante di Castel San Pietro si fa erto e scosceso fino a raggiungere la sommità della collina, venne abbandonato a causa della sua pericolosità per essere sostituito dal sentiero che passa sul ponte di Canaa.

In località Al Ponte, osservo gli edifici allineati di un complesso un tempo appartenente a una grande tenuta, trasformati oggi perlopiù per scopi abitativi, in residenze di lusso con anche la piscina. In breve arrivo alla Chiesa di Castel San Pietro e alla via che seguo fino a casa.

 

Passeggiata senza grandi pretese, che in questo periodo di restrizioni è comunque più che appagante. Abbiamo la fortuna di vivere in un territorio che a pochi minuti a piedi  permette di immergersi nella selvaggia natura, arricchita da numerose emergenze naturalistiche, paesaggistiche e culturali riconosciute a livello internazionale.

 

Tempo totale: 1 h 30 min

Tempi parziali

Corteglia (438 m) – Punt da Canaa (350 m): 35 min

Punt da Canaa (350 m) – Punt dal Farügin: 20 min

Punt dal Farügin – Corteglia (438 m): 35 min

Dislivello in salita: 213 m

Sviluppo complessivo: 5,41 km

Quota massima: 435 m

Quota minima: 341 m

Difficoltà: T2

Copertura della rete cellulare: Swisscom buona.

Hike partners: siso


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (4)


Post a comment

Francesco says:
Sent 31 March 2020, 16h31
Ciao amis,il Breggia con le sue gole e non solo,rimangono sempre luoghi per me affascinanti.
Essendo luoghi a me vicini,sono innumerevoli le gite che faccio durante l'anno.

Noi purtoppo,siamo in prigione,però godiamo delle Vs foto, grazie.
..Un caro saluto.
Ps_ Che tipologia di restrizioni avete in Ticino ?

siso says: RE:
Sent 31 March 2020, 17h44
Ciao Amis,
l'ora d'aria in solitaria, o con la famigliola, in luoghi isolati, è concessa. Si devono evitare posti pericolosi, per evitare, nel limite del possibile, di sovraccaricare il lavoro degli impiegati del settore sanitario, già sotto pressione. Non dimentichiamo, tuttavia, che secondo le statistiche si hanno più incidenti a casa e nei lavori di giardinaggio, che non nei boschi.
Quanto al Parco delle Gole della Breggia, devo correggerti: tutti i linguisti e la gente del posto chiama il fiume Breggia al femminile: la Breggia o la Bréngia.
Un caro saluto, aspettando tempi migliori...

GIBI says: RE:
Sent 3 April 2020, 21h38
Confermo .,,, anche i miei nonni, zii e cugini hanno sempre detto “ la Breggia “ ... siamo andati alla Breggia ... facevamo il bagno nella Breggia ... pescavamo alla Breggia ... per il resto per noi pur essendo vicinissimo il Parco delle Gole rimane solo un bel sogno !

Ciao Giorgio

siso says: RE:
Sent 3 April 2020, 21h51
In questi giorni lo sto frequentando quasi quotidianamente, a piedi o in bici. È una zona molto tranquilla, quasi deserta, con molti stimoli naturalistici, che mi offre un po' di spensieratezza in questo brutto periodo. L'unico aspetto poco gradevole è l'abbondanza di polline allergenico, soprattutto di carpine.
Ciao Giorgio, grazie per l'attenzione e per le tue piacevoli "Memories".
Ciao!


Post a comment»