COVID-19: Current situation

Roccolo di Loasa (1029 m) – EMTB


Published by siso , 19 February 2020, 16h55.

Region: World » Switzerland » Tessin » Sottoceneri
Date of the hike:18 February 2020
Mountain-bike grading: F - Easy
Waypoints:
Geo-Tags: CH-TI   Gruppo Monte Generoso 
Time: 2:45
Height gain: 979 m 3211 ft.
Route:Corteglia (438 m) – Vigino (400 m) – Castel San Pietro (449 m) – Morbio Superiore (460 m) – Lattecaldo (585 m) – Sagno (690 m) – La Culmanéta (929 m) – Alpe Colma Bella (1100 m) – Pra Piano (1129 m) – Sella Cavazza (1162 m) – Roccolo di Loasa (1029 m).
Accommodation:Osteria con alloggio Ul Furmighin a Sagno.
Maps:C.N.S. No. 1373 – Mendrisio - 1:25000; C.N.S. No. 1374 – Como - 1:25000; I Sentieri del Bisbino, Alessandro Dominioni Editore – 1:25000.

Giro in bici in Valle di Muggio fino alla parte più elevata dell’Alpe Loasa, dove la carta topografica riporta il nome Roccolo. Del roccolo rimangono purtroppo solo il toponimo e alcune pietre della base; le altre presumibilmente saranno state riutilizzate per costruire qualche cascina.

 

Inizio dell’escursione: ore 13.35

Fine dell’escursione: ore 16.15

Temperatura alla partenza: 12°C

Isoterma di 0°C, ore 12.00: 1900 m

Pressione atmosferica, ore 12.00: 1023 hPa

Temperatura al rientro: 15°C

Velocità media del vento: 10 km/h

Sorgere del sole: 7:22

Tramonto del sole: 17:53
 

È una bellissima giornata invernale, molto mite, che mi invita ad inforcare la bicicletta e a salire verso il Monte Bisbino.
 

È anche l’occasione per provare la bici dopo un importante upgrade:
1.Pinze freni a quattro pistoni Shimano BR-MT-420.
2.Pastiglie freni Shimano H03A Resin Ice-Tech con alette di raffreddamento.
3.Catena Shimano CN-HG601-11.
4.Cassetta pignoni Shimano CS-M7000, 11 velocità.
5.Pedali flat con un buon grip.
6.Spurgo freno posteriore.
7.Regolazione ammortizzatore posteriore.
8.Regolazione forcella.
9.Regolazione cambio.

 

   Dopo la Salita alla Chiesa di Sagno percorro la Via Veracqua e la Via Mariöö, che mi indirizza alla barriera posta all’inizio della strada forestale per gli alpeggi. Le condizioni del fondo sono molto buone: non ci sono più ricci di castagne né foglie secche. Alla quota di 920 m, mi prendo il tempo per una breve deviazione fino al cocuzzolo boschivo denominato La Culmanéta (928 m) o Colmanetta. Non è nulla di entusiasmante, ma costituisce comunque una cima nota alle persone del luogo, che in tempi lontani le hanno attribuito un nome.

 

Ripresa la bici, mi bastano cinque minuti per raggiungere la panoramica dorsale, a circa 1030 m, che offre delle vedute spettacolari sul Monte Generoso, sul Monte Bisbino, sulle valli sottostanti e sui colossi vallesani.

                                        Sulle sterrate del Monte Bisbino

In un’ora e venticinque minuti dalla partenza arrivo a Sella Cavazza (1162 m). La bella panca di legno sulla quale tante volte mi sono riposato è purtroppo sfasciata. Riprendo immediatamente la mountain bike e scendo lungo la strada bianca in direzione dell’Alpe Loasa. Dopo 1,4 km il bosco lascia spazio al pascolo. Cerco sul terreno, quello che la mappa topografica cita come “Roccolo”. Non ci si può sbagliare: individuo immediatamente il sito, caratterizzato da una leggera sopraelevazione e da pietre cadute al suo interno.

Nella parte alta del pascolo il sole è ancora splendente; per contro, i casolari di Loasa sono già immersi nell’ombra. Osservo cime note, che raggiunsi anche con le racchette da neve, quando in inverno le nevicate non erano un’eccezione.  

Dopo le foto documentaristiche della zona, riprendo la ripida salita sulla sterrata, che in una decina di minuti mi riporta a Sella Cavazza.

Qui comincia il bello. Confortato dai nuovi freni a quattro pistoni, mi lascio andare in un’inebriante discesa, come fanno i veri biker in gara. La prima prova dell’aggiornamento della mtb è decisamente positiva. Più in là valuterò anche la resistenza e la durata delle nuove pastiglie dei freni.

 

Anche questa volta l’escursione in e-mtb sulle pendici del Monte Bisbino mi ha pienamente soddisfatto: belle sterrate, paesaggio incantevole, vedute stupende sui monti vicini e sui colossi delle Alpi Pennine.

Se proprio vogliamo cercare il pelo nell’uovo, devo segnalare la massiccia fioritura di nocciolo: etciù!

 

Tempo totale: 2 h 40 min

Tempo di salita: 1 h 40 min

Tempi parziali

Corteglia (438 m) – Sagno (690 m): 30 min

Sagno (690 m) – La Culmanéta (929 m): 20 min

La Culmanéta (929 m) – Sella Cavazza (1162 m): 35 min

Sella Cavazza (1162 m) – Roccolo di Loasa (1029 m): 15 min

Dislivello in salita: 979 m

Sviluppo complessivo: 25,73 km

Quota massima: 1166 m

Quota minima: 400 m

Consumo batteria: 61%

Difficoltà: PD-

Copertura della rete cellulare: Swisscom discreta, con sovrapposizioni di reti italiane.

Hike partners: siso


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (4)


Post a comment

cappef says:
Sent 19 February 2020, 20h39
Bravo...bell' investimento/upgrade! ...a presto!
Flavio

siso says: RE:
Sent 19 February 2020, 21h59
Grazie Flavio!
La prima valutazione a caldo è molto positiva. Dovrò testarla anche in altre situazioni, per esempio sul bagnato.
Ciao,
siso.

GIBI says:
Sent 20 February 2020, 08h41
Di sicuro la panoramica dorsale è uno dei percorsi più belli di quelli che si trovano sul confine ... certo che hai dato più caratteristiche tecniche tu della tua " monoposto " che alla presentazione della nuova Ferrari F1000 ... ma capisco che per chi si diletta come te con le EMTB sono dati interessanti e preziosi !

ciao e buona continuazione di pedalate ma anche di sciate

Giorgio

siso says: RE:
Sent 20 February 2020, 20h52
Ciao Giorgio, grazie per l'attenzione!
Dopo alcuni mesi di uso della bici, riponendo piena fiducia nei costruttori, si sente la necessità di trovare dei miglioramenti per rendere ancora più divertente e sicura la mtb. Il passaggio ai freni idraulici a quattro pistoni è un must per i ciclisti avanzati! Suppongo che negli ultimi anni moltissimi appassionati abbiano montato questo tipo di freni, più efficiente perché le pastiglie sono più grandi, quindi garantiscono un maggior attrito, durano di più e la frenata è più modulabile (meno brusca).
siso.


Post a comment»