Larainfernerjoch (2850 m) - Skitour


Published by siso Pro , 17 February 2019, 21h55.

Region: World » Switzerland » Grisons » Basse Engadine
Date of the hike:13 February 2019
Ski grading: F
Waypoints:
Geo-Tags: Muttler Gruppe   CH-GR   A   Paznaun 
Time: 3:45
Height gain: 515 m 1689 ft.
Route:Piz Val Gronda (2812 m) – Fuorcla Fenga Pitschna (ca. 2650 m) – Heidelberger Hütte (2264 m) – Las Gondas – Larainfernerjoch (2850 m) – Heidelberger Hütte (2264 m) – Gampenalp (1975 m) – Bodenalp (1840 m) – Paznauer Thaya (2000 m) – Idalp (2320 m) – Ischgl-Pardatschbahn (1400 m).
Access to start point:Feldkirch – Tunnel dell’Arlberg – Autostrada A12 – Pians – Ischgl.
Accommodation:Heidelberger Hütte.
Maps:Panorama-Skitourenkarte Silvretta – Edizioni Sirio; Alpenvereinskarte 26 – Silvrettagruppe – 1:25000.

Dopo un paio di giorni di forti nevicate torna il bel tempo: posso così lasciare temporaneamente le belle piste del comprensorio Ischgl / Samnaun per un’ennesima escursione con gli sci nella stupenda Val Fenga.

Visto il marcato pericolo di valanghe scelgo una meta con pendenze ridotte e con una via già tracciata.

 

Inizio dell’escursione: ore 8:40 da Ischgl, ore 10:00 dal Piz Val Gronda.

Fine dell’escursione: ore 12:25 alla Heidelberger Hütte, ore 13:50 ad Ischgl.

Temperatura alla partenza: -9°C

Vento alla partenza: 11 km/h

 

Oggi ci sono molti sciatori scalpitanti alla stazione di partenza della Pardatschgratbahn, il modernissimo impianto di risalita di Ischgl, con gondole da 28 posti e sedili riscaldati, che in otto minuti trasporta gli sciatori fino ai 2624 m di quota del Pardatschgrat. All’arrivo al ristorante Pardorama luccicano gli occhi di fronte ad una simile sequenza di vette innevate. La “marcia di avvicinamento” al Piz Val Gronda, il punto di partenza ideale per la discesa nella Val Fenga, richiede, nella migliore delle ipotesi, non meno di un’ora e venti minuti di discese e salite, ma ne vale la pena.

Al Piz Val Gronda (2812 m) noto subito una nuova centralina di segnalazione del pericolo di valanghe, che a differenza di quella vecchia, precisa il rischio sia per il mattino sia per il pomeriggio.

Dopo pochi istanti dalla partenza entro in un mondo silenzioso e piacevolmente selvaggio: spariscono gli sciatori; quale unico segno umano vedo delle paline, molto distanziate tra loro, che indicano il percorso per la Heidelberger Hütte. Grazie alle nevicate dei giorni scorsi, questa volta non rovino la soletta degli sci; gli sfasciumi che caratterizzano il versante nord-ovest del Piz Davo Sassè sono ben coperti dalla neve. All’altezza del fiume Aua Naira monto le pelli e inizio la salita seguendo una bella traccia, in compagnia di una coppia di confederati di Aarau. Anche loro non hanno una meta precisa, è un piacere sciare in questo ambiente, indipendentemente dalla vetta prestabilita.

La traccia è perfetta; sale sui dolci pendii della Val Fenga in direzione sud-ovest puntando allo Zahnjoch, valico che raggiunsi l’anno scorso. Al pianoro Foppa da Gondas noto che la traccia non sale verso lo Zahnjoch, ma svolta a destra verso la Larainferner Spitze. Non c’è problema, oggi mi va bene qualsiasi meta. I due compagni si fermano a 2650 m di quota. Io continuo compiendo un ampio semicerchio sfruttando delle dorsali, in un ambiente fiabesco. Raggiunto il cocuzzolo senza nome, quotato 2850 m dalla cartina austriaca, analizzo la situazione. Un dislivello di soli 159 m mi separa dalla Larainferner Spitze; la fresca traccia è invitante, ma memore del pericolo marcato di valanghe evito di avventurarmi su quel ripido versante terminale, oltretutto sotto tiro di quattro sci alpinisti che potrebbero far staccare un lastrone di neve da un momento all’altro. La rinuncia non mi costa niente, visto che ho già raggiunto questa bella cima quattro anni fa.


                                                  Larainferner Spitze (3009 m)

Cambio assetto e affronto la discesa seguendo lo stesso percorso di salita fino alla Heidelberger Hütte, come sempre ben frequentata grazie al servizio taxi con motoslitte. A partire dalla capanna, la neve fresca mi costringe oggi ad un prolungato passo pattinato per il lungo rientro fino a
Ischgl.

 

Dopo quattro giorni dedicati allo sci su pista, finalmente le buone condizioni meteo mi hanno permesso una prima escursione con le pelli di foca in questo soggiorno nella Fimbertal.

 

Tempo di salita: 1 h 35 min

Tempo totale: 3 h 50 min

Dislivello in salita: 515 m

Sviluppo complessivo: 27,9 km (dal Piz Val Gronda)

Difficoltà: F

Coordinate Larainfernerjoch: 813'420 / 198'440

LWD (Lawinenwarndienst Tirol): 3 (marcato)

Copertura della rete cellulare: buona.

Libro di vetta: no.

Hike partners: siso


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Slideshow Open in a new window · Open in this window


Comments (2)


Post a comment

Daniele66 says:
Sent 18 February 2019, 07h34
E si la neve è la neve. .......Bella li Daniele 66

siso Pro says: RE:
Sent 18 February 2019, 10h34
È una vallata fiabesca: imperdibile per gli amanti dello sciescursionismo!
Ciao Daniele,
siso.


Post a comment»