COVID-19: Current situation

Monte Ventolaro per la Cresta NE - Valli dell'Arsa


Published by atal , 23 May 2017, 22h53.

Region: World » Italy » Piemonte
Date of the hike:21 May 2017
Hiking grading: T5 - Challenging High-level Alpine hike
Waypoints:
Geo-Tags: I 
Time: 8:00
Height gain: 1600 m 5248 ft.
Height loss: 1600 m 5248 ft.

Con Ferruccio, Francesco e Stella ritorno nelle Valli dell'Arsa per salire il Monte Ventolaro lungo la cresta Nord Est della montagna, un percorso inventato mentre, lo scorso anno, salivamo sul Monte Turi.

Quella che di solito viene chiamata semplicemente "Valle" dell'Arsa, più che una valle come le altre è in realtà un ventaglio di valli, dove tre sono quelle principali: una orientata da Sud a Nord, misteriosamente senza nome sulle mappe attuali, e due con direzione prevalente da SO a NE, una delle quali - la più esterna e la più allungata  - è la Valle dell'Arsa propriamente detta.

Della cresta "di confine" tra le Valli dell'Arsa e la Valle Strona, il Monte Ventolaro è la sommità più modesta (e la più vicina al fondovalle ossolano) ma, come tutte le cime minori, rappresenta un punto d'osservazione privilegiato. La sua cresta NE si rivelerà un ottimo percorso per chi ama raggiungere le cime seguendo le linee naturali che l'orografia propone.


Andata
Dal parcheggio di Cortavolo (CNS Caslet 350 m) raggiungiamo Castello e quindo Orcocco (Orcocro secondo alcuni cartelli) seguendo il comodo e facile sentiero segnalato A39. Dopo la zona dell'Alpe Il Ballo (che non si attraversa), il percorso si snoda in un ambiente verdissimo che ricorda quello della Valgrande centrale. Molto bello il colpo d'occhio sulla cascata del Rio della Porta.

Dopo una breve sosta sul panoramico prato dell'Alpe Orcocco, proseguiamo ancora per pochi minuti nel bosco lungo il sentiero per il Monte Ventolaro, che abbandoniamo intorno a quota 1300 m per dirigerci a Ovest verso la dorsale.

Da qui in avanti si naviga a vista ma non ci sono difficoltà, a parte l'intralcio costituito dalla vegetazione (soprattutto rododendri) e qualche passaggio di facile arrampicata su roccette (I). 

Poggiando sempre sul versante esposto ad Est, arriviamo su una giavina e saliamo il ripido pendio che la sovrasta. Raggiunta così la sommità di un primo risalto (1610 m circa), la vegetazione diviene meno fastidiosa. Siamo sulla verticale del pascolo dell'Alpe Lordi.

Dopo avere superato due depressioni della cresta (perdendo circa una ventina di metri), inizia un tratto di salita più continuo, dove si sale tra rododendri e roccette puntando verso un caratteristico gendarme. Si giunge così sul tratto finale, dove la cresta appiana e si assottiglia.

Giunti in cima, ci godiamo lo splendido panorama sulla Valle Strona, le Valli dell'Arsa e i 4000 del Vallese. Oggi il cielo è limpidissimo e lo sguardo si spinge fino alla dorsale appenninica. 

Tempo impiegato: 4:15

Ritorno
Per il ritorno decidiamo di percorrere un vecchio sentiero, indicato sulla carta svizzera ma abbandonato, che attraversa in direzione Ovest il versante affacciato sul Rio della Porta. Il percorso in questa stagione è ancora riconoscibile nonostante sia soffocato dagli ontani.

Ci si cala sul colletto a Ovest della cima principale (che non è quella con la croce...) e si scende per un breve tratto nel vallone rivolto a Nord, per poi traversare a Ovest su quella che inizialmente si presenta come una sorta di cengia. Giunti su un primo poggio, si traversa al successivo e si prosegue sempre nella stessa direzione (Ovest), fino ad immettersi sul percorso che scende dal Colle di Ravinella ad intercettare il Sentiero Beltrami.

Guadato il Rio della Porta si giunge all'Alpe Bongiol. Da qui, seguendo le indicazioni, raggiungiamo l'Alpe La Porta e ritorniamo ad Orcocco dove si chiude questo bell'anello.

Da Orcocco a Cortavolo lungo il percorso dell'andata.

Tempo impiegato: 3:20

Link alla relazione di Ferruccio:

Hike partners: atal


Minimap
0Km
Click to draw, click on the last point to end drawing

Gallery


Open in a new window · Open in this window


Comments (8)


Post a comment

irgi99 says:
Sent 23 May 2017, 22h58
Meno male che a te "la maledizione del brutto tempo in Valle Strona" non è arrivata!!! :D
Posto magnifico! Complimenti!!!!
Irene

atal says: RE:
Sent 23 May 2017, 23h03
Grazie Irene, ultimamente ho potuto fare pochi giri ma ho avuto la fortuna di trovare giornate splendide. In ogni caso, sono d'accordo con te: sono davvero posti magnifici.
Andrea

Simone86 says:
Sent 24 May 2017, 12h56
Grazie per questi regali esplorativi, sicuramente da prendere spunto. Complimenti!

atal says: RE:
Sent 25 May 2017, 07h42
Grazie Simone, fa piacere sapere che c'è chi apprezza queste cose.
Buone escursioni,
Andrea

Menek says:
Sent 25 May 2017, 10h37
sempre bei giri i tuoi...

atal says: RE:
Sent 26 May 2017, 07h26
Grazie Menek, il bello sta proprio nell'inventarseli...poi in alcuni casi, come questo, la messa in atto lascia piacevolmente sorpresi

micaela says:
Sent 25 May 2017, 11h16
Che splendidi luoghi!
Grazie di farceli esplorare in vostra compagnia e complimenti per le magnifiche foto!
Ciao, Micaela.

atal says: RE:
Sent 26 May 2017, 07h31
Grazie Micaela, è che è pieno di luoghi magnifici, basta prendere una zona - ad esempio l'Ossola - e metterla sotto la lente d'ingrandimento, a scandagliare ogni versante, soprattutto quelli di cui si è sentito parlare poco, e ci si sorprenderà...
Ciao,
Andrea


Post a comment»