Groβer Trögler (2902 m)


Publiziert von siso Pro , 27. September 2015 um 14:15.

Region: Welt » Österreich » Zentrale Ostalpen » Stubaier Alpen
Tour Datum:10 September 2015
Wandern Schwierigkeit: T3+ - anspruchsvolles Bergwandern
Klettern Schwierigkeit: I (UIAA-Skala)
Wegpunkte:
Geo-Tags: A 
Zeitbedarf: 6:45
Aufstieg: 612 m
Abstieg: 1295 m
Strecke:Talstation Mutterbergalm (1730 m) – Mittelstation Fernau (2290 m) – Groβer Trögler (2902 m) – Kleiner Trögler (2885 m) – Sulzenauhütte (2191 m) – Sulzenaualm (1857 m) – Bushaltestelle Sulzenau Hütte (1610 m).
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Dalla Svizzera: Feldkirch – Passo dell’Arlberg – Autostrada A14 – Autostrada A12 – Innsbruck – Stubaiertal – Mutterberg (1730 m).
Unterkunftmöglichkeiten:Sulzenau Hütte, Dresdner Hütte.
Kartennummer:Extra Tourenkarte Stubaital, Kompass. 1:35000; Wanderkarte Stubai, Alpenwelt Verlag Bruneck– 1:40000.

Traversata dalla Dresdner Hütte alla Sulzenau Hütte con panorama imprendibile sulla vetta più alta delle Alpi dello Stubai, lo Zuckerhütl o Pan di Zucchero (3507 m).

 

Inizio dell’escursione: ore 9:20

Fine dell’escursione: ore 16:00

Temperatura alla partenza: 2°C

Temperatura alla Sulzenau Hütte, ore 14.00: 7°C

Temperatura al Sulzenaualm, ore 15.00: 13°C

Pressione atmosferica ore 9.00: 1019 hPa

Isoterma di 0°C a 2400 m

Sorgere del sole: 6.45

Tramonto del sole: 19.38

 

Percorro la strada della Mutterbergtal poco prima delle 9, in una giornata che si prospetta soleggiata. Parcheggiata l’auto a Mutterberg (1730 m), salgo su una cabina fino alla stazione intermedia Fernau (2290 m), a pochi passi dalla Dresdner Hütte (2308 m).

Sono letteralmente impressionato dalla quantità di mezzi e di persone occupate nei lavori di manutenzione e di ampliamento del comprensorio sciistico ed escursionistico: si stanno costruendo nuove strade, nuove gallerie, nuovi piazzali, nuovi edifici, nuovi ponti, imponenti muri di sostegno, si realizzano deviazioni di torrenti e via dicendo. Vedendo quanto lavoro sta dietro la pratica dello sci su pista, mi convinco che il costo della giornaliera non sia per niente esagerato.

A causa dei lavori in corso, per imboccare il sentiero giusto sono costretto ad un largo giro su prati umidi. Mi immetto sul famoso Adler Weg, dove percorrerò parte della tappa 65, che collega la Dresdner Hütte (2308 m) alla Sulzenau Hütte (2191 m).

Il collegamento più breve tra queste due capanne passa dal valico alpinistico Peiljoch (2672 m). Io seguirò un percorso più impegnativo, lungo la cresta dell’Hoher Trögler (2902 m), la cima più elevata della camminata odierna. La prima parte della salita è all’ombra, su un ripido sentiero ben segnalato. A circa 2410 m di quota arrivo alla deviazione che avevo previsto: a destra si prosegue per il Peiljoch, a sinistra per il Trögler. Continuo verso quest’ultima meta su sfasciumi di falda, coperti parzialmente dalla neve. Bello lo sguardo sul fondovalle, con la zona di partenza degli impianti di Mutterberg, ma ancora più entusiasmante è l’apparizione graduale delle cime più famose che cingono il ghiacciaio Sulzenauferner, in questo periodo molto crepacciato. Dapprima s’intravedono attraverso un intaglio della catena montuosa, più in alto si presentano con tutto il loro splendore a soli 3 km di distanza. Il tempo sta cambiando: da sud arrivano dei corpi nuvolosi che si intensificano proprio alle spalle dello Zuckerhütl, la cima più prestigiosa della valle. Una fune d’acciaio dà sicurezza in un unico passaggio, su questo versante, che supera il livello T2.

Dopo un’ora e cinquanta di cammino posso affermare Groβer Trögler (2902 m) geschafft!

Il panorama è veramente splendido, ma con mio grande disappunto, anche qui quattro alpinisti si sono accampati ai piedi della croce e non hanno intenzione di lasciar libero il posto prima di una buona oretta. Molta gente manca purtroppo di una cultura di montagna o di un briciolo di buona educazione, che suggerirebbe di togliersi di mezzo dopo aver scattato l’abituale foto ricordo.

                                                 Groβer Trögler (2902 m)

La discesa verso la
Sulzenauhütte è sicuramente più impegnativa rispetto alla salita. Le guide parlano infatti di un “Bergtour auf einem steilen und felsigen Pfad, der Trittsicherheit und Schwindelfreiheit erfordert”. “Der Weg ist anspruchsvoll und nur wirklich Gehübten anzuraten”.

Mi incammino, prestando ovviamente la massima attenzione, in direzione NE. Dopo circa 20 min raggiungo il Kleiner Trögler (2885 m), anch’esso con la cima occupata da due escursionisti. Il tratto successivo presenta un versante ripidissimo con numerose placche, camini percorribili grazie a corde d’acciaio e gradini metallici infissi nella roccia. Una targa ricorda la povera Christine, cinquantaquattrenne, perita su questo versante.

Dopo circa 1 h e 50 minuti di discesa arrivo alla Sulzenau Hütte (2191 m), DAV Sektion Leipzig, affollata di escursionisti. Si sentono numerose parlate, dominate dal tedesco e dall’inglese. Mi gusto un delizioso piatto di spaghetti alla bolognese: finalmente, mi mancavano da un paio di settimane!

La sorpresa deve ancora venire. Arrivato alla malga Sulzenaualm (1857 m), rimango letteralmente rapito dalla notevole quantità e qualità di sculture lignee. Ne fotografo parecchie, per portarmi a casa il ricordo di questi capolavori realizzati con maestria e molta fantasia da artisti sconosciuti.

L’anello, quasi completo, si chiude alla fermata del bus Sulzenau Hütte. Il mezzo pubblico mi riporterà al parcheggio di Mutterberg, dove ha avuto inizio l’escursione.

 

Traversata Dresdner Hütte - Sulzenau Hütte: una bellissima escursione che permette di effettuare un giro circolare passando dal Groβer Trögler, un fantastico balcone a tu per tu con il ghacciaio dello Zuckerhütl.

 

Tempo di salita al Groβer Trögler: 1 h 50 min

Tempo totale: 6 h 40 min

Tempi parziali:

Mittelstation Fernau (2290 m) – Groβer Trögler (2902 m): 1 h 50 min

Groβer Trögler (2902 m) – Sulzenauhütte (2191 m): 1 h 50 min

Sulzenauhütte (2191 m) – Sulzenaualm (1857 m): 55 min

Sulzenaualm (1857 m) – Bushaltestelle Sulzenau Hütte (1610 m): 45 min

Dislivello in salita: 612 m

Dislivello in discesa: 1295 m

Sviluppo complessivo: 11,6 km

Difficoltà: T3+

Copertura della rete cellulare: zone d’ombra tra il Groβer Trögler e la Sulzenau Hütte.

Libro di vetta: sì.


Tourengänger: siso


Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (4)


Kommentar hinzufügen

Daniele66 hat gesagt:
Gesendet am 27. September 2015 um 20:45
Sempre impeccabili uscite........Complimenti Daniele66

siso Pro hat gesagt: RE:
Gesendet am 28. September 2015 um 20:06
Grazie Daniele,
anche questa valle tirolese offre delle possibilità quasi illimitate¨
A presto,
siso.

Felix Pro hat gesagt:
Gesendet am 28. September 2015 um 12:42
molto bello; bravo e complimenti!

saluti, Felix

siso Pro hat gesagt: RE:
Gesendet am 28. September 2015 um 20:11
Grazie Felix,
le fantastiche Alpi dello Stubai permettono interessanti escursioni in tutte le stagioni. Ottimo il servizio di bus pubblico e la “Stubai Super Card”, molto vantaggiosa!
Ciao,
siso.


Kommentar hinzufügen»