Cima Vaccaro m 1957 - Monte Forcella m 2088


Publiziert von grandemago , 27. Januar 2012 um 17:23.

Region: Welt » Italien » Lombardei
Tour Datum:26 Januar 2012
Wandern Schwierigkeit: T3 - anspruchsvolles Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Aufstieg: 1400 m
Abstieg: 1400 m
Strecke:Parre, SS. Trinità, Bivio quota 1145 m, Rifugio Vaccaro, Terza Baita Vaccaro, Cima Vaccaro, Quota 2112, Monte Forcella m 2088, Baita Forcella, Scale della Forcella, Monte Trevasco, SS. Trinità, Parre
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Bergamo, Valle Seriana, Ponte Nossa, Parre

Lo so......per gli amici che lavorano questo è uno schiaffo (im)morale!
Ma di “Spread”......“Schettino”......e di tutti quelli che si portano a casa uno stipendio facendoci cascare le palle assillandoci con le solite amenità non ne possiamo più!
Inoltre il meteo prevede neve, e questo vuol dire ciaspole.....un supplizio per me!
Approfittiamo allora dell’ultima giornata di sole e ci facciamo un giro......un bel giro sulle nostre montagne, alla larga da tutto, nel silenzio e nella solitudine.......o quasi!
 
Tric & Trac
Siamo partiti da cinque minuti e ci troviamo alla fine dell’acciotolato che porta a SS Trinità.
Un cagnetto si avvicina scodinzolante e festoso, seguito da un altro, indifferente a noi ma molto interessato al primo.
La situazione ci è subito chiara: il primo, o meglio la prima, è una simpatica cagnetta in estro.
Il secondo invece è un maschietto, piuttosto “preso” e con un grosso problema.....è troppo piccolo per lei, e pur essendo nota la grande intelligenza canina, non trova altro modo, se non quello tradizionale, per provarci. Una tragedia!!!
 
Prendiamo il sentiero 240 per la Baita Forcella e giunti al bivio per il Rifugio Vaccaro saliamo a destra in direzione di quest’ultimo.
Il sentiero segnato la prende piuttosto larga, perciò noi, giunti sotto la verticale del rifugio, lo abbandoniamo e saliamo direttamente ad esso.
Qui sosta banana, yogurt e cioccolato......niente che faccia gola ai due cani che ci hanno seguito.
Lella dà un’occhiata alla targhetta che la femmina porta al collo:
- Qui c’è scritto “Trac”.
- Bene....li chiameremo Tric & Trac!
 
Riprendiamo a salire i vasti pascoli del Vaccaro, superiamo la Terza Baita e ci portiamo con un diagonale sulla cresta orientale, dove con ultimo ripido tratto arriviamo in cima.
La giornata è bellissima, la Presolana è tagliata in vita da una leggera nebbia che ne esalta il nobile busto.
Tric & Trac sono con noi.......lei ogni tanto s’avvicina festosa, mentre lui ci ignora......ha solo un chiodo fisso in testa e questo si trova a una spanna sopra la portata del suo uccello.....non ci arriverà mai!
 
In cima al Vaccaro non ci fermiamo ma decidiamo di proseguire lungo la cresta fino al Monte Forcella, per scendere poi all’omonima Baita e tornare col sentiero 240 al punto di partenza.
Sulla cresta c’è neve, a tratti dura e a tratti cedevole; proseguiamo con attenzione senza abbandonare il filo.....i cani sempre dietro.....o davanti!
I ramponi non li useremo, ma sapere di averli nello zaino è rassicurante.
 
Alla Baita Forcella ci fermiamo al sole per il pranzo e per togliere scarponi e calze inzuppati (le ghette a casa).
Trac, la cagnetta, mendica un po di cibo, ma le posso dare solo un po di pane, i viveri sono razionati alla pura sopravvivenza. Per la birretta non se ne parla.....se ha sete qui c’è tanta neve per dissetarsi!
Tric, il presunto maschio, è letteralmente esausto, non mangia e non beve.......e non ha combinato un cazzo.......una vergogna per la categoria!
Lo prendo da parte e gli faccio un discorsetto:
“Collega......non ti puoi sparare 1400 metri di dislivello ed ogni dieci passi tentare di violare la parete nord della cagnetta, sapendo di non averne i mezzi!
Se te ne stavi a valle a gironzolare per il paese, con un po di pazienza una della tua altezza......o più piccola, l’avresti trovata, ma tu......la prima che hai visto?”
 
Una volta recuperate le forze.....di Tric, iniziamo a scendere.
E’ tornato ringalluzzito e ogni dieci passi ci riprova.......inutilmente!
Scendiamo per le “Scale della Forcella” fino a un bivio, dove sono indicati come 240 sia il sentiero che prosegue diritto in discesa e che ci porterebbe al bivio per il Rifugio Vaccaro, sia quello che volge a destra a mezzacosta, che ci porterebbe nella parte alta di Monte Trevasco, luogo bucolico, disseminato di cascine e pregevoli baite ristrutturate.
Per allargare l’anello seguiamo quello di destra e arrivati sulla stradina al culmine di Monte Trevasco la percorriamo per un buon tratto per poi abbandonarla e scendere per scorciatoie non segnate e non facili da individuare, sconsigliate a chi non conosce il luogo; Tric & Trac ci seguono imperterriti!
Infine sbuchiamo sul percorso fatto in salita, a monte della SS. Trinità, dove una volta giunti Tric & Trac ci lasciano......senza nemmeno salutarci.

 


Tourengänger: grandemago, Lella


Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen

T3+ WT3
20 Mär 16
Monti Alino Vaccaro Forcella · ser59
T3 L
T4 L
T1 L WT5
WT2

Kommentare (4)


Kommentar hinzufügen

stefano58 hat gesagt: Zona interessante ...
Gesendet am 27. Januar 2012 um 19:49
... da tenere in considerazione!
Ciao
Stefano

grandemago hat gesagt: RE:Zona interessante ...
Gesendet am 27. Januar 2012 um 23:13
E' una bella zona, te la consiglio, magari non andarci subito dopo una nevicata.
Ciao

Amedeo hat gesagt: ....bravi
Gesendet am 27. Januar 2012 um 20:16
bravi, voi che potete andate.......io oltre a lavorare, fino quando ce n'è........ mi devo occupare di Spread, Schettino e.........Monti.........anche se penso sempre più di tornare a comportamenti consoni al mio primordiale nome in Hickr (ti ricordi??)
Un caloroso saluto
Amedeo

grandemago hat gesagt: RE:....bravi
Gesendet am 27. Januar 2012 um 23:19
Come potrei dimenticare il tuo "vero" nome?

Un abbraccio
Aldo


Kommentar hinzufügen»