Pizzo di Cassimoi Cima SE 3129m e Cima NW 3128m


Publiziert von Floriano , 16. September 2009 um 13:53. Text und Fotos von den Tourengängern

Region: Welt » Schweiz » Tessin » Bellinzonese
Tour Datum:12 September 2009
Wandern Schwierigkeit: T5- - anspruchsvolles Alpinwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: CH-GR   CH-TI   Gruppo Pizzo di Cassimoi 
Aufstieg: 1496 m
Strecke:1° GIORNO: Larecc 1633m - Alp Scaradra di Sotto 1797m - Q1996 - Q2177 - Capanna Scaradra 2173m
2° GIORNO: Capanna Scaradra - Q2177 - Q2300 - Vadrecc di Scaradra - Q2828 - Laghetto di Cassimoi 2982m - Q3083 - Pizzo di Cassimoi Cima SE 3129m - Q3083 - Pizzo di Cassimoi Cima NW 3128m - Ritorno uguale fino a Q3010, poi simile all'andata andando più diretti verso la Capanna
Zufahrt zum Ausgangspunkt:A2 uscita Biasca, direzione Val Blenio
Bivio per Campo Blenio dopo Olivone
Bivio per la Diga di Luzzone: qui si percorre il colmo in macchina e dopo una galleria continuare la sterrata fino a Larecc: ci sono i segnavia sulla destra (a cinqanta mt c'è una baita in ristrutturazione)
Parcheggio per quattro macchine, altrimenti continuare fino all'Alpe Garzott
Unterkunftmöglichkeiten:Capanna Scaradra
Kartennummer:CNS 266 Val Leventina - 1:50000 - CNS 256 Disentis/Mustèr - 1:50000

Fine settimana in una delle zone più selvagge ed impervie del Ticino, la Val Scaradra: meta da decidere in loco, Pizzo Cassinello o Pizzo Cassimoi.
Decidiamo di partire il sabato pomeriggio e dormire alla Capanna Scaradra perchè prevediamo che non sia una passeggiata ... e non sbagliamo. La meteo non è delle più favorevoli, prevede piogge sparse sabato, bel tempo domenica mattina con annuvolamenti dal pomeriggio e nuovamente pioggia, ma dopo aver rimandato quest'escursione due tre volte decido che o si fa questo weekend o bisogna rimandare all'anno prossimo, viste le previsioni che danno bruschi cali di temperatura dalla settimana prossima e memore dell'esperienza dell'anno scorso.

1° giorno - 12 settembre
Partiamo verso le due e mezza e appena arriviamo al Lago di Luzzone comincia a piovere, smetterà o no? Il tempo di prepararci , scopro che nella fretta di partire ho lasciato la giacca impermeabile a casa, niente paura, un bel sacchetto di plastica in testa e via  per il sentiero in direzione SE che da Larecc 1633m inizia subito a salire abbastanza sostenuto in un fitto lariceto fino ad arrivare all'Alpe Scaradra di Sotto 1797m. Siamo accompagnati per tutto il percorso dal rumore fragoroso del Ri di Scaradra che in questo tratto percorre un'orrido profondo una cinquantina di metri.

Da qui in poi, sempre con la pioggia che ci accompagna, continuiamo a salire gradatamente nella valle dominata in fondo dal Pizzo Cassinello e dal Pizzo Cassimoi fino ad arrivare a Q1996 (qui mi ero dovuto fermare nel 2008), una grande cascata sulla nostra sinistra ci accoglie, superiamo il torrente e iniziamo una serie di stretti e ripidi tornanti che in mezzo km ci fa superare 150mt di dislivello per portarci sul pianoro dove per la prima volta ci rendiamo conto, nonostante le nuvole e la nebbia della maestosità delle cime che ci circondano. Un segnavia, Q2177, ci indica la direzione della Capanna Scaradra 2173m che raggiungiamo in cinque minuti.

Bagnati e un pò ansimanti per l'ultima tirata, la presenza esterna e poi appena aperta la porta l'interno ci ripagano di tutto: piccola e accogliente ci fa sentire subito a nostro agio, io spacco legna e accendo la stufa, Ewuska (la vivandiera) tira fuori dal suo zaino il ragù, mette a bollire l'acqua per la pasta ...
Dunque: panascè analcolica, succo di frutta, coca cola ... ma nonc'è neanche una bottiglia di vino, una birra almeno ... non è possibile! Miracolo! In un ripostiglio buio troviamo l'ultima bottiglia di bianco, la serata è perfetta! Cena a lume di candela e quale regalo migliore uscire e vedere una magnifica stellata: siamo proprio fortunati! Studiamo le cartine, consultiamo un interessante libro su sentieri e cime della zona trovato in capanna, riguardiamo la relazione di Siso che avevo stampato e decidiamo di andare al Cassimoi: sveglia alle sette, buonanotte!

2° giorno - 13 settembre
Mhh.. che ore sono ... le quattro .. perchè le notti nei rifugi sono così lunghe!
Finalmente le prime luci dell'alba, fatico a non alzarmi e uscire a fare foto fino alle 6,30: orario perfetto per vedere il cielo macchiato di rosa; Torrone di Nav, Punta di Val Scaradra, Pizzo Sorda, Pizzo Cassimoi, Pizzo Cassinello, Plattenberg con l'aria tersa sembrano a portata di mano e con la loro asprezza incutono rispetto.
Comincio a preparare la colazione, nel frattempo arriva Ewuska che non ha chiuso occhio tutta la notte, mangiamo, lasciamo qualcosa in Capanna per alleggerire gli zaini e siamo pronti per partire.

Torniamo al segnavia a Q2177 e prendiamo il sentiero verso il Cassinello, che abbandoniamo verso Q2300 per puntare in direzione S, attraversiamo delle collinette di sfasciumi ed arriviamo su una piccola lingua di ghiaccio, non abbiamo voglia di ramponarci, piano piano la attraversiamo e iniziamo a salire sempre più ripidi in direzione del Vadrecc di Scaradra; il percorso è obbligato avendo sulla nostra destra delle grosse placche umide, seguiamo dove è possibile delle crestine di terra e detriti fino ad arrivare a Q2600 circa dove decidiamo di mettere i ramponi: già da un pò stiamo facendo gli acrobati sulle rocce a tratti ghiacciate e andiamo pianissimo.
Intanto il panorama intorno si allarga sempre più, risaltano Pizzo Medel, Piz Gaglianera, Pizzo Terri, il Passo di Soreda e il Piano della Greina sommerso da una fitta nebbia.
Ramponati camminiamo molto meglio, entriamo nel canalone del Vadrecc, risaliamo il ghiacciaio fino a Q2770 circa poi pieghiamo a O di nuovo su detriti ed arriviamo a Q2828: il confine tra la Val Scaradra e la Val di Carassino. Da qui in direzione SE, sempre superando sfasciumi più o meno grossi arriviamo al Laghetto di Cassimoi 2982m, il lago pù alto del Ticino; il gracidare delle rane risuona nella piccola valletta e ne approfittiamo per fare una pausa, la salita si fa sentire sulle gambe, abbiamo bisogno di carburare.
Riprendiamo seguendo un filo di cresta in direzione NE, stranamente segnato da qualche ometto, a Q3010 puntiamo a E costeggiando un piccolo ghiacciaio per salire fino alla sella a Q3083 che raggiungiamo dopo un infido pezzo, per fortuna corto, di materiale finissimo e franoso. La nebbia che nel frattempo ci sta circondando lascia vedere nitida la Cima SE verso cui andiamo, una breve salita e inaspettamente ci troviamo su un grande pianoro fatto di roccia a sfoglie molto particolare, lo attraversiamo e superata una piccola collinetta innevata di fresco siamo in cima. Fa freddo, c'è vento, il panorama è limitato ma gli sprazzi di vedute verso la parete S del Cassinello, la Val di Carassino e il Lucomagno meritano la pausa pranzo.
Rinvigoriti e rinfrancati dalle nuvole che si stanno aprendo decidiamo di salire anche alla cima NW: torniamo alla sella  a Q3083 e risaliamo dalla parte opposta. Il paesaggio cambia completamente, qui ci sono grossi blocchi ad accompagnarci fino alla vetta che raggiungiamo in una decina di minuti: vista spettacolare sulla Val Scaradra e sul Cassinello e nel frattempo anche l'Adula decide di fare una piccola apparizione. Foto di rito e ci prepariamo per il ritorno che facciamo facendo delle deviazioni sulla via di salita: da Q3010 scendiamo direttamente verso Q2828, riprendiamo il Vadrecc di Scaradra e poi puntiamo decisamente dritti senza seguire lo zig-zag della mattina, le rocce non sono più ghiacciate e questo ci permette di accorciare il cammino che comunque le ginocchia sentono! Nonostante tutto anche la discesa ci impegna per altre 3 ore e quando arriviamo alla Capanna la pasta avanzata dalla sera prima è un lusso!

Facciamo pulizia e di nuovo in cammino per scendere a Larecc: quasi dispiace andar via, ogni tanto si guarda indietro, il Ri di Scaradra ci accompagna per tutto il percorso con il suo fragore, qualche marmotta fischia (finalmente se ne vanno!?) e intanto pensiamo: tanto torniamo, dobbiamo fare ancora il Cassinello...

P.S. Quale fra le Capanne minori vi è piaciuta di più?

Percorso: 15,3 km circa
Dislivello effettivo: 1740 mt
Tempo di salita: 5,45 h
Tempo di discesa: 4,30 h
Tempi effettivi senza soste


Tourengänger: Floriano, Ewuska

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (5)


Kommentar hinzufügen

siso Pro hat gesagt: Rane nel Lago di Cassimoi?
Gesendet am 16. September 2009 um 18:17
Ciao Floriano,
complimenti per la tenacia! Hai scritto: "il gracidare delle rane risuona nella piccola valletta e ne approfittiamo per fare una pausa, la salita si fa sentire sulle gambe, abbiamo bisogno di carburare."
Vuoi dire che nel Lago di Cassimoi ci sono le rane?
Ciao, siso

Floriano hat gesagt: RE:Rane nel Lago di Cassimoi?
Gesendet am 16. September 2009 um 18:46
Ciao Siso, grazie!
Sembrava strano anche a noi a quell'altezza sentire le rane eppure c'erano, non abbiamo carburato con loro ... :-))

Ciao, Floriano

ale84 hat gesagt: Complimenti...
Gesendet am 17. September 2009 um 12:01
Bravi bella gita! Carinissima la Cap. Scaradra, sicuro ci andrò! Il Cassimoi credo non sia alla mia portata, ma attendo con impazienza il resconto del Cassinello (ormai mi sa che dovrai rimandare al 2010) tanto da farmi un'idea della difficoltà!

Saluti,
Ale

Floriano hat gesagt: RE:Complimenti...
Gesendet am 17. September 2009 um 16:13
Eh già, mi sa proprio che se ne parla nel 2010, a meno che fa un ottobre caldissimo. Visto la gita che hai fatto al Pizzo Forno penso che il Cassimoi è alla tua portata: volere è potere! E' solo questione di salita continua su detriti e sfasciumi, niente baratri, gioia per le ginocchia in discesa ;-))
La Cap. Scaradra è un piccolo gioiello, vale la pena andarci.

Saluti, Floriano

MicheleK hat gesagt: Rane in alta quota
Gesendet am 24. September 2009 um 23:58
Ciao Floriano&Ewuska,
Complimenti per la bella gita, il Cassimoi e in una zona selvaggia ! carburare con rane d' alta quota sembra azzardato :-)


Ale84,
ti assicuro su questo versante e il percorso, benche nn sia marcato, e veramente facile tecnicamente ed e possibile scegliersi la pendenza a piacimento. l' orientamento e facile e da noi a fine ottobre nel 2008 c'era molta piu neve, quasi sempre portante il che ha reso la salita meno faticosa. il versante N e ideale perche non arriva il sole (quando c'e) quasi fino a quota 3000m.

la discesa per versante SO in val carassino in ambiente selvaggio e merita moltissimo ma e invece parecchio lunga e con qualche tratto esposto (T5).

ciao e buone gite.
michele



Kommentar hinzufügen»