Alpe Colina


Publiziert von cai56 , 14. März 2019 um 17:43. Text und Fotos von den Tourengängern

Region: Welt » Italien » Lombardei
Tour Datum:10 März 2019
Wandern Schwierigkeit: T3+ - anspruchsvolles Bergwandern
Wegpunkte:
Geo-Tags: I 
Zeitbedarf: 6:45
Aufstieg: 1653 m
Abstieg: 1591 m
Strecke:Parzialmente circolare 24,57 km
Zufahrt zum Ausgangspunkt:Da Milano in Valtellina lungo le statali 36 e 38; poco oltre S.Pietro Berbenno, all'altezza dello stabilimento IMI-Fabi (riconoscibile per i silos per lo stoccaggio del talco), si svolta a sinistra in direzione Postalesio. Attraversato il paese, si imbocca la strada che conduce alla Riserva Naturale delle Piramidi di Postalesio e si parcheggia ove possibile: infatti il transito è a pedaggio e non è indicato dove acquistare il pass.

Gita di carattere esplorativo e un po' avventuroso: i sentieri ci sono (o meglio c'erano), è rimasto anche qualche segnale di vernice (genialmente identico alle marcature forestali... che talvolta si sovrappongono), ma bisogna cercare parecchio. Unico passaggio leggermente rischioso, l'attraversamento di un canalone usato in passato come discarica di materiale arboreo non utilizzabile e instabilmente accumulato; piuttosto affaticante il lungo tratto di pista Ligari-Colina attualmente ancora molto innevato e privo della benché minima traccia di transito umano.


Una scalinata presso un piccolo spazio di parcheggio rappresenta l'inizio della tradizionale mulattiera per Prà Lone che consente di evitare per lunghi tratti (non sempre!) la monotonia dell'asfalto: uniche note rilevanti, l'attraversamento di un'antica contrada ormai ridotta a ruderi, ma con ancora evidenti alcuni segni della passata vitalità, e molti resti - come muri e scalette fra i terrazzamenti - delle attività agricole. Arrivati alla piana di Prà Lone, si raggiunge il largo tornante al termine del maggengo, andando ad imboccare la sterrata che se ne distacca all'esterno: si segue lungamente il traverso che scorre alto sulla Valle del Boco, si oltrepassa la baita in località Ginebrè e si tralascia la deviazione a destra che conduce ad una presa d'acqua sul torrente (visibile come errore di percorso sul file GPS). In corrispondenza di una sbarra di chiusura della pista, si lascia la strada e si rimonta su tracce di animali il ripido e disagevole pendio fino ad incrociare una larga mulattiera abbandonata da tempo: la si segue verso destra in salita, confortati da tratti di vernice blu talora ravvicinati e ben visibili, talora lontanissimi e deteriorati. Alternando lunghi tratti in agevole ascesa ad impennate con perdita della traccia, si trascurano due sentieri secondari verso destra e, oltrepassati due tornantini, si raggiunge la radura sdoppiata dell'Alpe Ciaz: presso i minimi ruderi di una baita in corrispondenza del pascolo superiore si rintraccia la ripartenza del sentiero. Da qui inizia il tratto più indaginoso dell'escursione. La traccia, nettamente meno importante di quella fin qui percorsa, si addentra nella valle con andamento a saliscendi e affrontando per due volte l'attraversamento di canaloni resi moderatamente impervi dall'accumulo negli anni di alberi crollati e scarti forestali (come accennato nell'introduzione). Il sentiero spesso si confonde coi passaggi dei cervi e, quando si dirama, occorre evitare di scendere o salire troppo; alla fine, ma siamo già in vista della baita Q1660m, diventa necessario appigliarsi ai rami per procedere ad un piccolo guado terminale. Alla baita bisogna ignorare il buon sentiero che divalla verso sud-est, e salire senza traccia nel bosco per poche decine di metri finchè si materializza un nuovo sentiero: è un lunghissimo traverso a saliscendi che percorre tratti di foresta fitti e larghe strisce di totale disbosco vandalico fino alla conca prativa dell'Alpe Gorlo. Senza scendere alle baite, si volge a sinistra e si sale ripidamente fino ad incrociare la pista forestale dell'Alpe Colina: è un lungo tracciato sterrato costruito negli anni '970 a servizio del nuovo acquedotto di Sondrio; parte da Triangia e, attraversando tre comuni (Sondrio, Castione e Postalesio) termina nella conca del Lago di Colina. Percorriamo verso sinistra questa strada che sale molto dolcemente - oltrepassando l'Alpe Morscenzo e l'Alpe Pianette - fino ad una quota di circa 2100m, per poi scendere in breve allo stallone dell'Alpe Colina. Lungo i pascoli, per la linea di massima pendenza, si divalla al nucleo dell'Alpe, dove si trova l'inizio della pista che sale da Postalesio: seguendola con infinita monotonia si torna a Prà Lone. [Facendo attenzione si possono però trovare alcune scorciatoie, la principale in partenza da un parcheggio privato lastricato. Altri imbocchi sono attualmente occultati da accumuli di scarti forestali.]
Da Prà Lone si riprende la via già percorsa in salita.

Tourengänger: cai56, chiaraa


Minimap
0Km
Klicke um zu zeichnen. Klicke auf den letzten Punkt um das Zeichnen zu beenden

Galerie


Slideshow In einem neuen Fenster öffnen · Im gleichen Fenster öffnen


Kommentare (4)


Kommentar hinzufügen

danicomo hat gesagt:
Gesendet am 14. März 2019 um 19:02
Belle foto, grazie e ciao.

cai56 hat gesagt: RE:
Gesendet am 14. März 2019 um 19:05
In effetti, bel posto (and new device)
;-)
Ciao

Alpingio hat gesagt: RE:
Gesendet am 15. März 2019 um 21:25
Si bel giro bel posto :)
Ciao
Giovanni

sciurapina hat gesagt:
Gesendet am 21. März 2019 um 22:50
Gita bagnata !!! e sto new device ??


Kommentar hinzufügen»